Così funzionerà il referendum greco

Greci chiamati a decidere sul futuro del piano di aiuti. In gioco c'è la permanenza di Atene nell'Unione Europea

Giornata cruciale domani in Grecia dove quasi 10 milioni di cittadini sono chiamati alle urne per pronunciarsi sul piano di accordo presentato dalla Commissione europea nell’eurogruppo del 25 giugno scorso e sulle nuove misure di austerità proposte dai creditori internazionali. Un voto che va ben oltre la politica economica di un paese sull’orlo del default, ma che mette in gioco la stessa permanente di Atene nell’Europa. Ecco come funziona il referendum:

Quasi 10 milioni alle urne

Sono 9.855.029 i cittadini greci registrati per il votare. Affinché il referendum sia valido dovrà recarsi alle urne almeno il 40% degli aventi diritto. Secondo un ultimo sondaggio di ProRata comunque l’affluenza sarà enorme: si prevede l’86%. Il costo complessivo del referendum è di 20 milioni di euro

Quando si vota

Le urne apriranno alle 7 di mattina, le 6 in Italia, e chiuderanno alle 19, le 18 in Italia. In tutto nel Paese i seggi sono 19mila, gli stessi delle politiche del 2 gennaio scorso.

I risultati

A chiusura delle urne, alle 19, le 18 in Italia, arriveranno gli exit polls. I primi risultati attendibili si dovrebbero conoscere intorno alle 21 locali, le 20 in Italia, una volta realizzato lo spoglio di circa il 10% delle schede. I risultati definitivi sono previsti lunedì. A gestire le operazioni di voto sarà l’azienda informatica SingularLogic.

Il quesito

Ecco il quesito a cui i cittadini dovranno rispondere: «Deve essere accettato il piano di accordo presentato da Commissione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale nell’Eurogruppo del 25 giugno 2015, composto da due parti che costituiscono la loro proposta?» Il primo documento è intitolato "Riforme per il completamento dell’attuale programma e oltre" e il secondo "Analisi preliminare per la sostenibilita del debito". Le opzioni di risposta sono "No", non accettato, e "Sì", accettato, che arriva come seconda opzione.

Commenti

Blueray

Sab, 04/07/2015 - 15:48

Mi sto chiedendo da stamattina, ma il documento su cui votare lo conoscono? La risposta è no. Il Corriere dice: "gran parte degli elettori non ha accesso alla «proposta dei creditori» (nel frattempo ritirata) su cui si vota. Il ministero dell’Interno non ne ha distribuito copie e il governo non l’ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale all’annuncio della consultazione. Ai seggi il testo non sarà affisso. Le nove pagine in greco sono pubblicate solo sul sito del ministero, in un Paese che - secondo le stime della Commissione europea - resta agli ultimi posti per la diffusione di Internet..." Quindi sarà un voto per sentito dire.

franco-a-trier-D

Dom, 05/07/2015 - 09:38

DOVE è QUEL ROVINA NAZIONI ROVINA EUROPA DI PRODI? MACACO.