Così la Germania della Merkel riempie di armi gli Stati canaglia

Negli ultimi dodici mesi raddoppiato il volume d'affari dell'industria bellica

12,82 miliardi di euro, contro i 7,5 miliardi di euro. Un volume d'affari raddoppiato, per farla breve, che fa della Germania un grande esportatore di armi - con l'approvazione del governo, che deve dare il suo assenso per l'emissione delle licenze - e della Merkel il bersaglio di critiche legittime.

Perché tra i clienti dell'industria bellica tedesca ci sono anche tutta una serie di Paesi che raccomandabili non sono, tutt'altro. Paesi come il Qatar, a cui furono consegnati carichi che il ministro dell'Economia Sigmar Gabriel tentò senza successo di fermare.

O come l'Arabia Saudita, dove continuano ad arrivare armi tedesche, che non è difficile immaginare vengano poi utilizzate per bombardare lo Yemen. La stessa Arabia Saudita a cui, dopo consultazioni con Parigi, sarebbero state vendute quantità importanti di spolette della Junhgans Microtec.

A poco sono servite finora le dichiarazioni del ministro dell'Economia, intenzionato a fermare i carichi diretti a Paesi non membri della Nato. Da un settimana a questa parte il dibattito sul tema si è acceso, con Martin Dutzmann, presidente del Gkke, comitato che riunisce le più alte cariche delle chiese cattolica e protestante in Germania, che ha attaccato duramente la cancelliera.

"A lungo - ha detto - abbiamo deplorato la continua incoerenza tra i principi legali e il dichiarato desiderio di introdurre misure più restrittive riguardo l’esportazione di armi e l’approvazione di qualcosa che è tutto, fuorché restrittiva".

Commenti

disturbatore

Mer, 14/12/2016 - 18:02

Se dieci anni fa´la Germania esportava armi per centinaia di migliaia di Euro , con la Merkel ha superato ogni limite .La cosa che pero´ fa´rabbrividire e´la posizione dei Verdi , da sempre contro l´atomica , contro la guerra , contro le armi , solo sulla Merkel non sono contro . E´come se questa dobba venuta dal niente li abbia stregati . Il motivo e´abbastanza semplice . La Merkel tira molti carri fra cui il carro degli Omosessuali ed il carro dell´ecologia . INtanto lo Stato tedesco dovra´risarcire i colossi dell´energia per la campagna isterica dopo Fukujima .

Lugar

Mer, 14/12/2016 - 19:37

La Gemania fa gli affari suoi. Siamo noi che ci formalizziamo e preferiamo morire di fame.

Tuthankamon

Mer, 14/12/2016 - 23:14

disturbatore Mer, 14/12/2016 - 18:02 ... "centinaia di MILIONI ..." per precisare. I verdi? Sono la peggiore feccia della sinistra in politica!