Ecco la carta dell'Italia per liberare i due marò

Il governo Renzi offrirebbe all'India le scuse e un lauto risarcimento. In cambio rientro e processo in Italia per i fucilieri

La disponibilità di pubbliche scuse da parte dell’ambasciatore italiano per l'uccisione dei due pescatori indiani uccisi e un importante risarcimento per le loro famiglie, in cambio del rientro di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone in Italia, dove sarebbero sottoposti a processo. Sarebbero questi alcuni elementi di una presunta proposta italiana di soluzione consensuale per la vicenda dei fucilieri di Marina bloccati in India. A scriverlo è il quotidiano The Economic Times, assicurando di aver consultato "fonti governative indiane del massimo livello".

Interpellata dall'Ansa a New Delhi, l’ambasciata d’Italia ha detto di non avere commenti da fare sul tenore dell'articolo, pubblicato all’indomani dell'ammissione da parte del governo indiano di avere allo studio una proposta italiana. "Fonti del ministero degli Esteri indiano - si legge ancora sul quotidiano - hanno ammesso che l’Italia ha presentato 'alcuni elementi' per una soluzione amichevole della questione attraverso un negoziato fra i due governi". Al riguardo, una fonte ministeriale ha spiegato che "i più autorevoli consiglieri legali del governo ed il ministero dell’Interno debbono esprimere un parere sulla compatibilità della proposta con il sistema legale indiano. Il negoziato potrebbe cominciare solo quando vi fosse un via libera da parte degli esperti giuridici, dato che la questione è all’esame della Corte Suprema".

Responsabili della sicurezza indiani hanno però fatto sapere di essere contrari alla proposta, insistendo che i due militari riconoscano le loro responsabilità in India e poi, una volta condannati, siano inviati in Italia in base al Trattato bilaterale esistente per permettere ai condannati di scontare la pena nel proprio Paese. L’Italia vuole poter processare Latorre e Girone in Italia dal momento che l'incidente è avvenuto in acque internazionali (20,5 miglia nautiche) e l’India quindi non ha alcuna giurisdizione su di esso. Ma la polizia investigativa Nia ha costruito un impianto accusatorio sostenendo che il Codice penale indiano può essere applicato anche fuori delle acque territoriali, cioè nella Zona di interesse economico esclusivo  in cui il fatto è avvenuto. "Accettare la richiesta italiana - ha spiegato un funzionario della Nia - potrebbe significare dover abdicare ai nostri poteri nella Eez, e questo potrebbe compromettere in essa la nostra lotta contro la pirateria".

Commenti

moshe

Lun, 22/12/2014 - 18:37

lauto risarcimento, rientro e processo in Italia per i fucilieri ..... ..... ..... caro governo di apprendisti allo sbaraglio, ti sei dimenticato ancora una cosa: non hai detto che vi metterete anche a 90 gradi!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 22/12/2014 - 18:37

se invece di renzi ci fosse stato berlusconi al governo, ora avremmo i due marò già tra noi, oltre al notevole risparmio del risarcimento dei danni (che comunque giuridicamente riconosce la propria colpa colui che risarcisce!)

lucaberardi

Lun, 22/12/2014 - 18:40

Inaccettabile barattare una ammissione di colpevolezza dei Marò, quando è provato che la nave italiana era altrove quando i pescatori furono uccisi, con la faccia di bronzo del governo Renzi e dei precedenti Letta e Monti che avrebbero dovuto appellarsi al diritto internazionale

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 22/12/2014 - 18:55

Gia sto immaginandomi l'uso che ci faranno gli Indiani di quella CARTA!!!!! LOL LOL TOTÒ DOCET. Buenas noches dal Leghista Monzese

fisis

Lun, 22/12/2014 - 18:57

Attenzione! Chiedere scusa o elargire lauti risarcimenti equivale ad ammettere la colpevolezza dei marò. Ma essi sono attualmente innocenti. La colpevolezza può essere stabilita, in uno stato di diritto, solo dopo un equo processo, che non si è finora tenuto né in India, né, come sarebbe logico, dato che ci si trovava in acque internazionali, in Italia.

WMD06

Lun, 22/12/2014 - 18:58

Irricevibile! Non sono responsabili della morte dei pescatori, tutti gli indizi raccolti li scagionano, pagare significherebbe riconoscerne la colpevolezza! Finitela, ci vuole un atto di forza, tirate fuori i coglioni, mandate a fare in cxxo gli indiani, che si facciano il bagno in quel fetente fiume di mxxxa che è il Gange, e riportate a casa quei soldati; smidollati, pusillanimi superpagati che altro non siete!

vaigfrido

Lun, 22/12/2014 - 19:01

pubbliche scuse da parte dell'Italia ? Ma de che ? comincino a portare prove della loro colpevolezza . Popolo di presuntuosi accattoni !

fisis

Lun, 22/12/2014 - 19:03

Attenzione alle trappole. Chiedere scusa è un'ammissione implicita di colpevolezza. Gli indiani quindi avrebbero buon gioco a trattenere i marò, più di quanto non stiano proditoriamente facendo, ed emettere una condanna, oltretutto con il pericolo, non remoto, di una condanna a morte. I politici riflettano bene (ma in che mani siamo?), prima di agire, magari consultando degli esperti di diritto.

82masso

Lun, 22/12/2014 - 19:04

Facciamo sparare dei marinai indiani su un peschereccio italiano?

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Lun, 22/12/2014 - 19:07

ma non era già stata risarcita con 300000 € la famiglia dei due pseudo pescatori? se è vero è una somma considerevole per le famiglie dei due morti.vogliono altri soldi? ma sì diamoglieli tanto basta aumentare la benzina per tirare fuori i soldi per il RISCATTO. ovvio che se serve pagare per i due marò è da fare subito senza ulteriori ritardi. una volta conclusa la vicenda il nostro Paese dovrebbe ritirare i nostri soldati da qualunque opera di pattugliamento che oltretutto va anche a favore di quel paese del cavolo.

Kupo

Lun, 22/12/2014 - 19:13

E magari mettersi a 90 gradi no? Abbiamo capito che ancora una volta per l'incapacità vergognosa di chi ci governa, dobbiamo rimettere mano al NOSTRO portafoglio!

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 22/12/2014 - 19:21

Quando i militari triconosceranno le loro responsibilità, cioè quando mentiranno per essere liberati, vderranno condannati a morte dai bravi indianini. Fidatevi, fidatevi e ci prendereanno a calci nel sedere ancora di più. Che schifo, che schifo di paese.

filder

Lun, 22/12/2014 - 19:22

Visto che il governo Indiano mantiene sempre la parola data, sarebbe da cretini affidarsi a questi stupratori di bambini riconoscendosi colpevoli: Colpevoli di che? Allora sì che la pena di morte sarebbe garantita.

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Lun, 22/12/2014 - 19:23

E questa sarebbe una proposta amichevole? Ne faccio una io. Facciamo subito il processo senza piu' rinvfii.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Lun, 22/12/2014 - 19:25

MI SEMBRA RELATIVAMENTE ACCETTABILE, SE PROVATA LA LORO COLPEVOLEZZA PERO' IN GALERA IN ITALIA PER CENTO ANNI

fer 44

Lun, 22/12/2014 - 19:29

Terzi: "I marò restano in Italia, l'India ha violato il diritto internazionale"11/03/2013 Li avevamo a casa! Però, come l'India ha mostrato i muscoli, il nostro governicchio si è "cagato sotto" Povera Italia!!!!!!

Nonmimandanessuno

Lun, 22/12/2014 - 19:35

Sarebbe la solita vigliaccata dell'Italia nei confronti di questi due valorosi servitori dello stato. Leggo su Libero on line, che ci sono le prove delle porcherie fatte dagli indiani per poterli arrestare. Consiglio a tutti ( se Il Giornale pubblica questo mio commento) di leggere attentamente quell'articolo. A me va bene se li riportiamo indietro, per loro e per le loro famiglie. Ma così, sarebbe ancora una volta una porcata.

Ritratto di r.peddis

r.peddis

Lun, 22/12/2014 - 19:36

I soliti politici min.chi.oni che per risolvere qualcosa fanno uso di soldi pubblici .....

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 22/12/2014 - 19:43

Offrire un risarcimento ? Chi a chi ? Logica e diritto vorrebbero che fosse l'India a risarcire i due Marò ma la dabbenaggine dei nostri governanti, da quel pagliaccio di monti in poi ha subito tutti i ritardi (quando si recrimina la lentezza della giustizia italiana), tutti le manfrine, insomma tutti i ricatti e l'arroganza del governo indiano. Signori (maiuscola solo perchè dopo un punto) del governo italiano, mostrate un po' di quel coraggio ed intraprendenza che sbandierate ai quattro venti, arrestate l'ambasciatore indiano, o almeno un altissimo funzionario dell'ambasciata, e scambiatelo con i Marò. Ne avrete il coraggio ?

Ritratto di r.peddis

r.peddis

Lun, 22/12/2014 - 19:44

io proporrei di richiamare il nostro ambasciatore e cacciare il loro (assieme a tutti gli indiani presenti nel nostro territorio ) al proprio paese compreso un embargo totale dei loro prodotti

paco51

Lun, 22/12/2014 - 19:50

E' una pazzia . meglio andarli a prendere. e chiudere con l'india e chi la riconosce.

Aleramo

Lun, 22/12/2014 - 20:13

Prima di tutto sono soldati che obbedivano agli ordini ricevuti quindi non si capisce di cosa debbano eventualmente scusarsi. MA SOPRATTUTTO, i fucilieri del San Marco non hanno mai incontrato il peschereccio St. Anthony. In primo luogo l'analisi dei dati evidenzia che non poteva essere la petroliera Enrica Lexie la nave che attaccò il peschereccio St. Anthony: si veda www.seeninside.net/piracy/. Secondariamente, il vicecomandante dell'Enrica Lexie ha detto in due interviste (una al Giornale, l'altra a Repubblica) che (1) il battello che inseguì e tentò di abbordare la petroliera non era il St. Anthony (2) i fucilieri del San Marco comunque spararono solo in acqua per avvertimento (3) il battello pirata si allontanò prontamente con l'equipaggio tutto vivo e in piedi sul ponte. Purtroppo in questa vicenda la verità è stata distorta sia dalla scaltrezza degli indiani (che hanno già avuto un lauto risarcimento) sia dall'incapacità dei nostri governi.

Luigi Fassone

Lun, 22/12/2014 - 20:13

Anche i danni dovremmo pagare agli indiani d'India ? E' l'automatica ammissione che i due fucilieri di Marina (Marò è termine che mi dà i nervi...)sono assassini...! Mah ! Boh ! Boh ! Mah !

Ritratto di IlBurlone

IlBurlone

Lun, 22/12/2014 - 20:25

Carta senza dignità e onore, come ci hanno abituato i nostri politici.

Italianoinpanama

Lun, 22/12/2014 - 20:31

povera itaglietta!!!

sergio_mig

Lun, 22/12/2014 - 20:32

Scuse e risarcimento per cosa? I MARO non hanno ucciso nessuno e questo caso lo hanno montato gli indiani. La verità e che abbiamo politici e governi traditori del popolo italiano e di questi poveretti non non interessa niente a nessuno. VERGOGNA.

doris39

Lun, 22/12/2014 - 21:06

Qualcosa non mi torna. Il governo Monti non aveva già risarcito le famiglie dei pescatori ( sbagliando,a mio avviso )elargendo una cospicua somma pari a 150 mila euro a famiglia.?

Ritratto di giordano

giordano

Lun, 22/12/2014 - 21:07

allora sono colpevoli !?

fer 44

Lun, 22/12/2014 - 21:26

A parte il fatto che non è ancora stato dimostrato che siano stati i nostri fucilieri ad ammazzare i 2 "pescatori" ad oltre 20 miglia dall' India, il fermo di per sè è illegittimo! E dovremmo ancora chiedere scusa e pagare???? Mah!

Sonia51

Lun, 22/12/2014 - 22:16

Ma pubbliche scuse per che cosa, due morti di fame uccisi chissà da chi ... 'sti straccioni di ex colonizzati di indiani dovrebbero dettare regole a NOI? Un calcio nel sedere, semprechè legge di mercato lo consenta. Forse il problema è tutto qui. Invertebrati di mxxxa, cari politici nostrani, ecco la mia opinione su di voi. E vi paghiamo pure lo stipendio, vergognatevi.

killkoms

Lun, 22/12/2014 - 22:37

@82masso,ci sono già indiani in Italia che fanno il loro porco comodo!

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 22/12/2014 - 22:39

mortimermouse scusi e secondo lei Berlu cosa avrebbe fatto? al posto dei merdasinistri?? avrebbe PAGATO PRIMA E AVREBBE FATTO LE SCUSE ALTRETTANTO PRIMA, guardi che fare il duro non era una prerogativa neanche di Berlusconi..basta vedere come fece il "duro" con Lula per Battisti...con baci e abbracci...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 22/12/2014 - 23:47

Un sotterfugio tipico di chi non è dotato delle palle. Non hanno la volontà di agire apertamente contro l'India coinvolgendo l'ONU e si comportano da meschini imbroglioni senza alcun senso dell'onore. CHE ESEMPIO DANNO ALLE FUTURE GENERAZIONI? CHE PER GOVERNARE L'ITALIA È SUFFICIENTE STRISCIARE COME VERMI?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 22/12/2014 - 23:54

Ecco l'esempio plateale del perché i trinariciuti ci caricano di tasse. Incapaci di risolvere il problema dei MARÒ, PER MANCANZA DI COMPETENZA E DI PALLE, RIPIEGANO SULL'UNICA COSA CHE CONOSCONO E CHE MANEGGIANO. IL DENARO PUBBLICO.

marcomasiero

Mar, 23/12/2014 - 02:27

l' INFAMIA delle nostre "istituzioni" da operetta NON ha fine !!! processatevi tra di VOI traditori incalliti di uomini che vestono Uniformi al servizio NON vostro MA della BANDIERA !!! UNico simbolo sovrano al di sopra di tutto ! Salvatore e Massimiliano SONO innocenti e lo sapete benissimo e dunque: 1- le scuse agli straccioni superinfami e infidi indiani NON le fate 2- a Massimiliano e Salvatore invece che un processo date un encomio solenne (per avere saputo resistere dalla tentazioni di sputarvi in un occhio a tutti quanti siete) !!!

Ritratto di lettore57

lettore57

Mar, 23/12/2014 - 06:43

@82masso lei e' la prova provata che 180 oltre ad eaaere un numero e' anche altro......

patrenius

Mar, 23/12/2014 - 07:17

Dopo esserci calati le braghe per 3 anni adesso usiamo la carta, igienica.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mar, 23/12/2014 - 07:35

Non HO PAROLE. Scuse? Ricompensa? PAZZESCO. Questa è l'ITALIA??? Meglio abbandonarla. Quale orgoglio? Quale Dignità? Ma poi.....l'India NON hao MAI presentato uno stralcio di documento, uno stralcio di prove. Scuse??? Sig. Presidente della Repubblica, Sig. RENZI, "compagni"......VERGOGNA!! trovate Voi altro aggettivo per qualificarvi e classificarvi. io ne ho uno solo: FATE SCHIFO! Pesante??? beh.....

Ritratto di Antonosofiro

Antonosofiro

Mar, 23/12/2014 - 07:59

.... chiedere scussa e risarcire .. inpratica se non un'ammissione di colpa (nel caso ci si poteva pensare anche un po prima !), la solita italica maniera di "risolve 'o probblema !". In sintesi .. .come per gli omini azzuri "NOI PUFFI SIAM COSI' !!!" inutile pensare che possiamo essere qualcosa di meglio.

NON RASSEGNATO

Mar, 23/12/2014 - 08:22

MOSHE: a 90 gradi si erano già messi. Adesso li superano.

giovauriem

Mar, 23/12/2014 - 08:32

li faremmo processare in italia ; e da chi ? in italia non abbiamo magistrati ma solo attivisti politici e finanziari

elalca

Mar, 23/12/2014 - 08:36

#82ammasso: ma cosa significa il suo post?

Albius50

Mar, 23/12/2014 - 08:47

VERGOGNA E COMUNQUE POI DIRANNO CHE NON HANNO DATO NULLA

sdicesare

Mar, 23/12/2014 - 08:48

Non ci posso credere, questi vogliono umiliare l'italia intera davanti a questi farabutti di indiani. Che sanno benissimo che i due fucilieri sono innocenti e che la loro vicenda e' stata creata all'epoca per usi politici interni. Sanno benissimo che a sparare sono stati una nave greca ben distante da quella italiana, infatti hanno distrutto pure le prove. E bisogna dargli pure soldi, altro vero motivo per cui i razzisti indiani hanno creato questa vicenda. Perche' non farci un po' di soldi? Tanto gli italiani sono degli idioti... Non ci posso ancora credere...

Albius50

Mar, 23/12/2014 - 08:49

CHIUDERE CON L'INDIA E GLI INDIANI TUTTI A CASA, COMPRESI GLI IMMIGRATI IN ITALIA

GiovanniRaciti

Mar, 23/12/2014 - 12:22

Ho lavorato con il Governo indiano. Come Alto Commissario della Commissione internazionale per i diritti umani - hanno ascoltato il mio supplicare per mantenere questi marines italiani vive. E 'una situazione difficile. Abbiamo bisogno di lavorare insieme. Il Governo italiano può contattarmi a Sydney.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Mar, 23/12/2014 - 13:12

I PESCATORI SONO GIà STATI RISARCITI SUBITO IN RAGIONE DI 150MILA EUOR PèER OGNI FAMIGLIA. E QUESTA è DICHIARAZIONE DI COLPEVOLEZZA O DEFICENZA MENTALE DA PARTE DI CHI HA APPROVATO IL RISARCIMENTO

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Mar, 23/12/2014 - 13:15

MA TUTTI QUESTI CHE DICHIARANO I FUCILIERI INNOCENTI SU CHE PROVE SI BASANO? ESATTAMENTE SULLE STESSE DI QUELLI CHE DICHIOARANO IL CONTRARIO. DI CERTO è CHE 300MILA EURTO SONO STATI IMPROVVIDAMENTE DATI ALLE FDAMIGLIE DEI PESCATORI, AMMETTENDO LA COLPA

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Mar, 23/12/2014 - 13:17

DI CERTO I PESCATORI SON MORTI, E NON PER COLPA DI UN COLPO DI SOLE

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Mar, 23/12/2014 - 19:58

RACITI, NELLA SUA POSIZIONE DI "ALTO COMMISSARIO ETC ETC" CHE HA SAPUTO E POTUTO MANTENERE VIVI I MARO' (ALTRIMENTI SAREBBERO STATI UCCISI?) SAPRà BENE DOVE TELEFONARE PER DARE IL SUO ILLUMINATO CONSIGLIO, NO?