Elezioni in Francia, il candidato più giovane è di Latina

Nelle liste per le elezioni legislative francesi c'è un italiano: Jacques Ferrand, 21 anni, studente del Sant'Anna di Pisa, candidato con Dupont-Aignan

Nelle liste per le elezioni legislative francesi si trova anche il nome di un italiano. Jacques Ferrand, per quanto il cognome possa trarre in inganno, è nato infatti in Italia, precisamente a Cori, in provincia di Latina, da padre francese e madre italiana. Ha compiuto 21 anni da poco e, dopo essersi diplomato al Liceo Classico Dante Alighieri di Latina, è riuscito ad entrare nell'importante università superiore di Pisa, l'istituto Sant'Anna. Da studente di scienze politiche, dunque, si è schierato al fianco di Dupont-Aignan, candidato indipendente e sovranista che strinse un accordo con Marine Le Pen in funzione del secondo turno delle presidenziali e leader di Debout La France. Jacques è candidato nella circoscrizione settentrionale dell' Aisne.

Il ragazzo nato nel pontino aspira a diventare deputato dell'Assemblea legislativa all'interno di un turno elettorale che dovrebbe consacrare Emmanuel Macron, consentendo al Premier francese di poter contare anche su una solida maggioranza parlamentare. A meno di soprese, si noti bene, in grado di smentire le ultime rilevazioni dei sondaggisti in merito. Un turno elettorale per cui si ha una media di 14 candidati a seggio. L'età media degli aspiranti, inoltre, è abbastanza bassa rispetto agli ultimi appuntamenti elettorali: 48,5 anni rispetto ai 50 del 2012 e dei 51 del 2007. Jacques è individuato da molta stampa come il più giovane tra i candidati anche se ci tiene a precisare che ce ne sono altri.

Lo studente di Latina èin Francia per via di una collaborazione internazionale prevista dal Sant'Anna ottenuta all'inizio dell'anno accademico, una convenzione prevista dall'ateneo pisano, e così, grazie a questa esperienza, ha partecipato da volontario alla campagna elettorale delle presidenziali, per poi candidarsi a queste elezioni. Pare, in realtà, che Jacques fosse interessato alla figura di Emmanuel Macron non escludendolo come candidato da sostenere, per poi privilegiare, però, il manifesto politico di Dupont-Aignan. Sentito dal Giornale.it, il ragazzo, ci ha tenuto a sottolineare come non sia mai avvenuto alcun contatto tra la sua figura ed "En Marche!", fatto che è invece riportato su altre testate. Dupont-Aignan, nello specifico, gli ha chiesto di restare al suo fianco per queste elezioni, convinto dalle doti del giovane studente italofrancese. La doppia nazionalità, del resto, dà a Jacques il pieno diritto di candidarsi sul suolo francese e così sta svolgendo la sua campagna elettorale accompagnato dal nonno, suo primo grande sostenitore.

Intervista da noi sulle ragioni della sua candidatura , ha dichiarato: " I cittadini rivolgono delle domande alla politica. Il compito di quest'ultima é portare loro le risposte. A maggior ragione in un momento di crisi economica, sociale e culturale come quello che attraversa ancora oggi l'Europa occidentale. Io credo nella necessità del superamento della dicotomia tradizionale sinistra-destra, incapace di riflettere le fratture sociali odierne. Sono candidato per far rientrare le idee golliste nel XXI secolo. La vita pubblica ha bisogno di un rinnovamento a livello di persone, idee, visioni a medio e lungo termine. É compito della mia generazione riavvicinare alla politica tutti coloro che si sentono traditi dalla classe dirigente: bisogna riportare al centro del nostro radar l'attenzione ai problemi dei cittadini e creare degli spazi di partecipazione attiva e dialogo tra elettori ed eletti." Un gollista ventunenne con idee molto chiare, in definitiva, agguerrito in vista di questi ultimi 3 giorni, quelli che mancano alle elezioni legislative francesi