Erdogan: "Ue rispetti promesse. Non parlo lingua dei terroristi"

Il presidente turco difende il suo operato. A Roma incontri blindati: niente stampa

È un ribadire le linee guida della politica turca dentro e fuori il confine del Paese quello che il presidente Recep Tayyip Erdogan consegna alla Stampa, in un'intervista al direttore Maurizio Molinari alla vigilia della sua visita in Italia, durante la quale incontrerà tanto le autorità di Roma quanto quelle vaticane, per parlare con il Papa soprattutto dello status di Gerusalemme, tema caro a entrambi e in cima all'agenda.

Erdogan chiarisce nell'intervista il punto di vista del Paese sui negoziati con l'Unione Europea, accusando Bruxelles di non "fare la sua parte" e chiededo che mantenga "le promesse fatte". E intanto accusa chi non lo sostiene nella sua campagna militare in Siria. "Non c’è alcuna differenza fra Pkk e Pyd-Ypg", dice riferendosi al Partito dei lavoratori curdo, che da decenni è in guerra con lo Stato turco e alle milizie siriane alleate dell'Occidente, punta di lancia nell'offensiva di terra contro lo Stato islamico nel nord.

Il presidente turco ribadisce un punto su cui la stampa vicina a lui batte dal giorno in cui l'operazione è iniziata, e cioè che i bombardamenti turchi e l'avanzata verso Afrin non hanno fatto morti tra i civili, ma piuttosto che il problema è che "i terroristi usano scudi umani", laddove il suo Paese ha avuto "quattro civili morti e 90 feriti nell'Hatay e a Kilis, per il lancio di razzi".

Nella sua visita a Roma, Erdogan cerca anche accordi per il settore della difesa, in un momento in cui la Turchia sta spingendo con forza per sviluppare alternative nazionali, con in ballo anche il progetto per un primo caccia "made in Ankara".

A chi contesterà il suo arrivo, risponde così: "Non mi rivolgo a chi sostiene il terrorismo ma a chi lo combatte. Con i terroristi mi comporto come ad Afrin, lo faccio perché loro capiscono solo quella lingua, e continuerò a farlo". E nel dubbio a Roma non è previsto nessun contatto con la stampa. Perché nessuno, come a Parigi, si azzardi a fare domande scomode.

Commenti

VittorioMar

Dom, 04/02/2018 - 10:59

..LA TURCHIA NON E' EUROPA !!LA TURCHIA E' ISLAM! L'EUROPA E' GRECA-LATINA-CRISTIANA !!..LA RUSSIA E' EUROPA !!

GUARDACOMEDONDOLI

Dom, 04/02/2018 - 11:10

E' un prepotente, arrogante. Minaccia tutti quelli che lo contrastano, democraticamente: chi non condivide le sue idee è un complottista contro la turchia. Se lasciato entrare in europa, è il cavallo di txxxa dell'islam non moderato in europa. Ma l'europa "cagasotto" gli dirà "no" o lo lascerà entrare per paura? Avete notatto che non appena gli si dice un "no" alza i toni e minaccia? E poi, lui e la Turchia con la deriva islamica cosa cavolo c'entrano con l'Europa? Conviene alla Turchia entrare in europa ma non a noi tenercelo come partner. Ci coinvolgerà in una guerra, nenache tanto remota, coi curdi e con gli oppositori dell'islam dei parrucconi e dei pigiami lunghi. Li vuole sterminare e troverebbe il pretesto di far fare parte del lavoro sporco anche all'europa. Non è un tipo al quale dare un passaggio in auto: se qualcosa va storto ti ruba l'auto e ti accusa di averlo pure sequestrato.

acam

Dom, 04/02/2018 - 11:17

caro erdogan noi non parliamo all'unisono con il corano si ritorni ad ata turk e poi si vedrà, tu togliti di menzzo

Edith Frolla

Dom, 04/02/2018 - 11:23

Ricordiamo agli Italiani ed ai Cristiani che l'Italia e la Chiesa NON riconoscono l'occupazione di Gerusalemme da parte degli israeliani, né riconoscono Gerusalemme come capitale di Israele. Siate Patrioti, siate Cristiani.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 04/02/2018 - 11:29

Ma che c'entra con l'Europa questo fanatico e dispotico buzzurro?

Reip

Dom, 04/02/2018 - 11:34

FUORI L’ISLAM DALL’EUROPA! Il mondo islamico e inconciliabile con i sacrosanti valori di eguaglianza, laicità, libertà, e democrazia europei!

TRIDENT1103

Dom, 04/02/2018 - 13:03

Islamici in europa, no grazie....

Ritratto di giordano

giordano

Dom, 04/02/2018 - 14:02

un furbacchione

giza48

Dom, 04/02/2018 - 15:02

Costui è un brutto figuro, un dittattorello musulmano integralista che ha tradito il lascito di Kemal Ataturk fondatore dello stato laico e democratico turco. Erdogan inprigiona i giornalisti liberi, chiude i giornali indipendenti, imprigiona qualsiasi tipo di oppositori e da la caccia ai curdi sognando un altro genocidio. I curdi però sono di un'altra pasta e rispondono colpo su colpo, hanno battuto l'Isis dalle loro parti e quindi non temono nessuno. E' stato ideologicamente ed economicamente sodale con i tagliagola, assassini, criminali, islamici dell'Isis per poi prendere paura e inginocchiarsi verso Putin chiedendo perdono per le sue malefatte. E costui un dittatore vuole rispetto e riconoscimento in Europa, ma che scherziamo! Solo il fantasma Gentiloni e il papa terzomondista gli faranno promesse e concessioni, ecco quanto male in arnese siamo in Italia.

alox

Dom, 04/02/2018 - 15:13

Erdogan/Putin due fecce della stessa medaglia.

venco

Dom, 04/02/2018 - 15:26

Bisogna far pagare alla Merkel i 6 miliardi che gli ha regalato. Si sappi che i rifugiati siriani in Turchia sono mantenuti dall'UNHCR che è organismo dell'Onu.

steacanessa

Dom, 04/02/2018 - 15:38

Riprovo. Per prima cosa va dall’antipapa islamico come lui, poi si vedrà.

Yossi0

Dom, 04/02/2018 - 16:12

Un megalomane sostenuto dai soldi del Qatar dalle mani sporche di sangue curdo; la Turchia è la prigione dei giornalisti; stesse a casa sua. Chi non si assoggetta ala sua ridicola supponenza diventa un terrorista. Tralascio la pagliacciata del colpo di stato degna di un grande clown

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 04/02/2018 - 16:27

ErdoKan, dovevano rifiutarti l'ingresso in Italia!

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 04/02/2018 - 19:32

Cioè, fatemi capire... Siete tutti lì a piangere, giustamente, per le vittime delle persecuzioni contro gli Ebrei... però votiamo contro la capitale dello Stato Ebraico a Gerusalemme. Nominiamo senatrice a vita una sopravvissuta di Auschwitz... però riceviamo in pompa magna l'islamico capo di uno stato che ha sterminato l'intera etnia Armena, non dico senza chiedere scusa, ma rifiutandosi addirittura di ammetterlo! Uno che sta facendo la guerra aperta ai Kurdi, unici nostri alleati contro il terrorismo islamico. Ma siamo diventati tutti schizofrenici?

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 04/02/2018 - 19:33

@Memphis35 E' personalmente raccomandato da bergoglione.