Germania, responsabile della morte del bimbo sui binari è eritreo ricercato in Svizzera

Secondo le prime ricostruzioni, l'uomo sarebbe stato ricercato in Svizzera per aver minacciato la vicina con un coltello e avrebbe problemi psichici. Il ministro dell'interno Seehofer: "Potenzieremo la sicurezza, quel delitto così efferato ci ha scossi"

È il principale sospettato della morte del bambino di otto anni, finito sotto al treno ad alta velocità in arrivo, ieri, nella stazione di Francoforte; sui binari, insieme al piccolo era finita anche la madre che, però, è riuscita a salvarsi. Ma a ricercarlo, in queste ore, è anche la polizia svizzera. A riferirlo è stato il presidente della polizia federale tedesca, Dieter Romann, durante una conferenza stampa a Berlino, insieme al ministro dell'Interno, Horst Seehofer.

Chi è il presunto responsabile

All'uomo, un cittadino di origini eritree, che è comparso oggi per la prima volta davanti al giudice per le indagini preliminari, è stato contestato il reato di omicidio e tentato omicidio. Secondo le prime ricostruzioni, il presunto autore del gesto era considerato ben integrato. Sposato e padre di tre figli, aveva un'occupazione stabile ma era arrivato in Svizzera senza alcun permesso, nel 2006. Due anni dopo gli era stato concesso il diritto di asilo.

Perché era già ricercato

Le forze dell'ordine elvetiche lo stavano ricercando dopo che aveva minacciato la propria vicina di casa con un coltello, per poi rinchiuderla nell'abitazione e darsi alla fuga. Sempre in Svizzera, si sarebbe fatto notare per reati analoghi in precedenza. Secondo gli inquirenti svizzeri, si ipotizza che l'uomo sia affetto da una malattia di natura psichica. In base ad alcune ricostruzioni, l'uomo aveva tentato di far cadere anche un'altra donna di 78 anni, ma questa era riuscita a evitare la caduto.

Un "omicidio a sangue freddo"

Quanto accaduto ieri nella stazione tedesca ha scosso profondamente l'opinione pubblica: "È stato un omicidio a sangue freddo, un delitto spaventoso", ha dichiarato Seehofer. Che ha immediatamente interrotto le proprie vacanze subito dopo aver appreso dell'accaduto e ha aggiunto: "Un fatto del genere ci lascia senza parole e ci colpisce in mezzo al cuore, si farà tutto il possibile per condurre il responsabile a una giusta punizione".

Il tema della sicurezza

Seehofer ha anche annunciato nuovi colloqui tra il proprio ministero, le ferrovie tedesche e il dicastero dei Trasporti per migliorare la sicurezza nelle stazioni. Tra le ipotesi c'è quella di installare delle apposite barriere lungo i binari o anche quella di un potenziamento della sorveglianza video e più personale per le forze di sicurezza. "Abbiamo bisogno di maggiore presenza di polizia nelle stazioni. Il tema è la vita umana, l'argomento denaro non mi interessa affatto". Secondo quanto riportato da Repubblica, l'attacco è avvenuto a nove giorni da un incidente dalla stessa dinamica: una donna di 34 anni era stata spinta al passaggio di un treno a Voerde, nello stato del Renania settentrionale Westfalia. Per il gesto era stato fermato un 28enne serbo kosovaro, identificato solo come Jackson B. Anche in quel caso l'uomo non conosceva la sua vittima.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 30/07/2019 - 20:27

Grazie Bergoglio.

RolfSteiner

Mar, 30/07/2019 - 21:44

Se Atene piange...Sparta non ride. O era viceversa?

Divoll

Mar, 30/07/2019 - 22:01

Anche di questo bisogna ringraziare i vari Boldrini, Saviani e Carole, oltre alla Merkel e a tutto l'oligarcato che ha progettato di trasformare l'Europa in una torre di Babele.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 31/07/2019 - 14:13

Stanco di pagare le pensioni ai teteschi.