Germania, vescovi scrivono prefazione a libro pro unioni gay

Il vicepresidente della Conferenza episcopale tedesca e vescovo di Osnabrück, monsignor Franz-Josef Bode e l'arcivescovo di Amburgo, mons. Stefan Hesse, hanno scritto la prefazione al libro "Con la benedizione della chiesa?", un testo che auspica la benedizione delle unioni omosessuali nelle Chiese cattoliche

In Germania due vescovi hanno scritto la prefazione di un libro a favore del riconoscimento delle unioni omosessuali da parte della Chiesa.

Il vicepresidente della Conferenza episcopale tedesca (non nuova a richieste di questo tipo) e vescovo di Osnabrück, monsignor Franz-Josef Bode e l'arcivescovo di Amburgo, mons. Stefan Hesse, hanno scritto la prefazione al libro "Mit dem Segen der Kirche?", che in italiano si potrebbe tradurre con la domanda "Con la benedizione della chiesa?", un libro che auspica la benedizione delle unioni omosessuali nelle Chiese cattoliche.

L'opera, che è stata appena pubblicata in Germania dall'editore Herder Verlag, ha come curatori Stephan Loos, Michael Reitemeyer e Georg Trettin. Quest’ultimo è un teologo che si è "sposato" civilmente con un altro uomo ed è un organizzatore dei "Queer Church Services" in Germania. Loos e Reitemeyer sono, invece, responsabili delle accademie diocesane per l'educazione rispettivamente della diocesi di Osnabrück e dell'arcidiocesi di Amburgo.

Il libro, che ha come sottotitolo l’auspicio di "Concentrarsi sul lavoro pastorale con le unioni omosessuali", include numerosi articoli sulla questione della benedizione ecclesiale delle unioni omosessuali. Tra questi testi c’è anche quello del professor Thomas Schüller, teologo ed esperto di diritto canonico all'Università di Münster, il quale ha affermato che, sebbene la legge canonica leghi chiaramente il sacramento del matrimonio con la procreazione, sarebbe "possibile" per un vescovo diocesano "stabilire norme nella sfera liturgica per la chiesa a lui affidata" e proporre "una benedizione liturgica per le coppie omosessuali".

Un altro articolo del libro si intitola "Due donne sulla strada del matrimonio" . La sua autrice, Petra Dankova, direttrice di un gruppo femminista di fedeli cristiane, descrive la sua esperienza personale "nella e con la Chiesa".

Johannes Zu Eltz, sacerdote e decano di Francoforte che da anni, in opposizione alle norme morali della Chiesa Cattolica in materia, lavora per preparare una benedizione liturgica per le coppie omosessuali, nel suo articolo ha proposto i dettagli concreti di come potrebbe apparire una benedizione liturgica di tali coppie e come potrebbe essere preparata. Zu Eltz ha fatto, attraverso una sua interpretazione personale, riferimento all'esortazione post-sinodale di Papa Francesco Amoris Laetitia (i numeri 3, 297, 299, 300, 305) che permetterebbe "soluzioni regionali", nonché l’"apprezzamento del vero amore nelle cosiddette situazioni irregolari" in cui la crescita dell'amore e della grazia sarebbe "possibile".

Un altro saggio è stato scritto dal professor Stephan Goertz, autore del libro "Chi sono io per giudicare? L'omosessualità e la Chiesa cattolica". Questo docente, durante i dibattiti del Sinodo dei vescovi sulla famiglia del 2015, aveva sostenuto che l'omosessualità non dovrebbe più essere condannata perché i tempi sono cambiati. Aveva anche proposto di considerare un carattere sacramentale per le unioni omosessuali se sono basate su "una leale e amorevole relazione omosessuale", che si comprenderebbe "come associazione nell'ambito della credenza nel Dio di Israele e di Gesù".

Nella loro prefazione, i vescovi citati scrivono, con ambiguità, di schierarsi nel mezzo "di questi dibattiti". Mons. Hesse ha aggiunto, in particolare, che come Chiesa non si sente di influenzare con credibilità "questa società quando affrontiamo le realtà della vita delle persone". Entrambi i vescovi hanno proposto una forma di rispetto reciproco tra omosessuali e hanno aggiunto che "è davvero impressionante che ci siano uomini gay e donne lesbiche che si confessano come cristiani credenti, nonostante le esperienze di rifiuto che ricevono, e che chiedono attenzione pastorale nel loro stile di vita, che è una sfida per sviluppare insieme prospettive di attenzione". Infine i due vescovi hanno menzionano il "desiderio di una benedizione per le coppie dello stesso sesso come espressione di una efficace confidenza nell'amore e nella fedeltà di Dio".

Commenti
Ritratto di rapax

rapax

Mer, 28/08/2019 - 21:18

Secondo Amort satana era gia' dentro la chiesa..io oserei dire sta al vertice..e non ha corna e zampe caprine e veste di bianco

macommmestiamo

Mer, 28/08/2019 - 21:20

Secondo voi perché?? I preti sono pedofili oppure gay. Qual è la sorpresa?

Ritratto di RedNet

RedNet

Mer, 28/08/2019 - 23:51

Meno male che il Cristianesimo si basa sulla Bibbia la parola di Dio. Ma lo dice chiaro, che il Vaticano non sta lì per molto. E la forza della politica e finanza la snuderà ti tutto quello che ha il Vaticano.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 29/08/2019 - 05:48

Lo speculatore finanziario Bergoglio ha altro per la testa che non la morale cristiana, pensa al Sinodo sull'Amazzonia...

SpellStone

Gio, 29/08/2019 - 09:33

Si vede che in seminario erano distratti quando si studiava sodoma

serscafa

Gio, 29/08/2019 - 10:53

Ancora per poco dovremo subire questo schifo. La Chiesa sotto i colpi del suo capo scellerato durerà ancora per poco!

dagoleo

Gio, 29/08/2019 - 16:47

proposta: la distribuzione delle ostie ai fedeli in chiesa dovrebbe essere fatta in guanti di lattice. lascio a voi intuire il motivo di questa precauzione.