Il reporter britannico John Cantlie in un video dello "Stato islamico"

Utilizzato come portavoce dal Califfato, al pubblico chiede: "Sicuri vi stiano dicendo tutto?". Sarebbe stato rapito in Siria a novembre 2012

John Cantlie in una foto d'archivio e, in alto a sinistra, un fotogramma dal primo video

Al Furqaan, il gruppo che si occupa di diffondere molti video del cosiddetto Stato islamico (Is), e che nelle scorse settimane ha messo in rete le immagini dell'esecuzione di tre ostaggi occidentali, ha pubblicato oggi un nuovo video.

Tra i primi a scriverlo, su twitter, Daniele Raineri, giornalista del Foglio esperto della realtà dei gruppi jihadisti in Iraq e Siria, che già alcuni giorni fa aveva annunciato che lo Stato islamico avrebbe pubblicato un video dal contenuto rilevante.

Il filmato dura poco più di tre minuti e si concentra sul giornalista e fotografo britannico John Cantlie, nelle mani dello Stato islamico. Se i video in cui comparivano James Foley, Steven Sotloff e David Haines si concludevano con la morte per decapitazione dei tre ostaggi, per mano di un uomo dell'autoproclamato Califfato, in questo caso Cantlie è solo, seduto davanti a un tavolo e si rivolge direttamente al pubblico, pronunciando parole realisticamente suggeritegli dai carcerieri.

Il contenuto

Il reporter di guerra parla al pubblico occidentale, ricordando le istituzioni giornalistiche per cui ha lavorato da freelance in passato, e dice che altri video seguiranno a questo, che sembra essere la presentazione di una sorta di programma in cui mostrerà "la verità" al mondo. Accusa la stampa di "distorcere e manipolare la verità" e chiede: "Siete sicuri che vi stiano dicendo tutto?".

Nel filmato si fa riferimento alla politica che Gran Bretagna e Stati Uniti seguono per risolvere i casi di sequestro e che non prevede di trattare con i rapitori. Cantlie, che lo Stato islamico in questo caso presumibilmente sfrutta, costringendolo al ruolo di portavoce, annuncia che spiegherà come altri Paesi occidentali siano riusciti a portare a casa i propri concittadini, trattando con il gruppo di Al-Baghdadi, mentre Londra e Washington non lo hanno fatto. Il video si conclude con un invito: "Seguitemi nelle prossime puntate e penso che sarete sorpresi da ciò che saprete".

La realizzazione

Sebbene non sia possibile stabilire con certezza quando il video sia stato girato, il riferimento a "larghe aree della parte orientale della Siria e della parte occidentale dell'Iraq" nelle mani dello Stato islamico fanno pensare che sia stato realizzato se non altro dopo giugno.

A fine giugno il gruppo di Al-Baghdadi, il cui nome era "Stato islamico in Iraq e nelle terre di Shams", annunciò la creazione di un Califfato e iniziò a farsi chiamare semplicemente "Stato islamico", nome con cui Cantlie identifica il gruppo che lo ha sequestrato.

Il sequestro in Siria

John Cantlie sostiene nel video di essere stato sequestrato dopo il suo ingresso in Siria a novembre 2012. Secondo la stampa statunitense sarebbe stato rapito mentre viaggiava sulla stessa auto di James Foley, poi ucciso, e finora era stato chiesto il silenzio sulla notizia.

Il reporter fu rapito una prima volta a luglio 2012, insieme al fotografo olandese Jeroen Oerlemans e poi liberato. Il suo compagno di prigionia raccontò a Business News Radio che il sequestro avvenne poco dopo il passaggio della frontiera. Dopo nove giorni furono salvati da un gruppo di ribelli legati alla componente laica dell'opposizione armata.

Commenti

acam

Gio, 18/09/2014 - 16:56

sicuro impareremo la conferma che sono dell bestie il nero die loro turbanti non presagisce niente di buono par il mondo, non li fate piu vedere

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 18/09/2014 - 17:00

Ritirate tutto il personale occidentale e nuclearizzate. Non è solo l'islam ma quella regione di pazzi da far evaporare. Va sterilizzata dalla presenza aliena.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 18/09/2014 - 17:04

Chissà quanti pirla ci crederanno. E' come una strega alla ruota per confessare i rapporti sessuali col demonio. Sicuramente ammetterà di aver fatto zum zum con Satana in persona.

Nerone2

Gio, 18/09/2014 - 17:29

Mario Galaverna... lei e' un fuori di testa pagato per commentare!!

arnaldo40

Gio, 18/09/2014 - 17:47

Siccome neanche le bestie piú feroci arriverebbero a tanto, siccome loro dicono che non hanno paura della morte, perché quando vengono presi non li torturiamo? Si!!! spellarli vivi e non ucciderli subito; torturali un po alla volta, poi guarirli e poi ricominciare a spellarli vivi. Questi bastardi vili, che si nascondono dietro uno straccio per non farsi riconoscere, penso che se sapessero di avere questo trattamento ci penserebbero molte volte prima di seguitare. Se presi bisogna farli soffrire!!!!

Franco-in-Deuts...

Gio, 18/09/2014 - 18:05

mm

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 18/09/2014 - 18:19

Seeee come no, la "Verità", saremo stupiti dalla Verità, certo... magari che è tutto un fotomontaggio perchè sono maomettani masochisti, ovvero, quelli dell'Isis le vere vittime e i decapitati feroci carnefici. Bravo, alla prossima puntata.

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 18/09/2014 - 18:23

"A Nerò, guadagnete er salario", taci.

Ritratto di padania

padania

Gio, 18/09/2014 - 19:00

USA e GB Ci stanno vendendo una nuova guerra - l'Australia sventa i suoi attentati!!!!!! e manda armi Isis x destabilizzare La Siria X non dimenticare la madre di tutte le bugie USA e GB, la storia dei neonati strappati alle incubatrici in Kuwait dai soldati iracheni.

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Gio, 18/09/2014 - 19:18

La prossima puntata sarà una diretta dall'italia...ripresa in qualche moschea del nord dato che siamo pieni di jihadisti anche se non ne parla nessuno...ad ogni barcone ne arrivano un 20% in piu...e lo vedremo presto appena avranno ordine di attaccare.

roberto.morici

Gio, 18/09/2014 - 19:25

"Sicuri che vi stiano dicendo tutto?" Mr Cantlie crede che dobbiamo aspettarci di peggio degli sgozzamenti che ci hanno mostrato?

daniele123

Gio, 18/09/2014 - 20:02

non facciamo l'errore di pensare che queste persone siano mosse dalla religione per tagliare la testa agli ostaggi o proclamare guerra, c'è qualcosa di di più materialista dietro, io penso a soldi o potere. Se proviamo a guardare le guerre del passato sono state fatte tutte per uno o l'altro motivo, persino le crociate le cosidette guerre sante alla fin fine portavano ricchezze enormi agli organizzatori ed erano state fatte per la paura di perdere potere da parte della chiesa. le religioni son tutte uguali non insegnano ad uccidere però sono un arma potente a manipolare caproni senza educazione che sono quelle popolazioni che conosciamo bene (iraq, siria ecc.), e questo fa comodo ai capoccia che ci son dietro ai terroristi per ottenere i loro scopi.

Ritratto di sempreforzasilvio#

sempreforzasilvio#

Gio, 18/09/2014 - 20:21

E che ci importa? Tanto e' STRANIERO! Uno in meno che non invadera' le nostre pure coste italiane

Ritratto di sempreforzasilvio#

sempreforzasilvio#

Gio, 18/09/2014 - 20:27

SMETTETELA di parlare di questi STRANIERI! Non ci interessa se muoiono.... parlate degli ITALIANI che non arrivano alla fine del mese!

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 18/09/2014 - 20:38

daniele123, a noi che c'importa se c'è un grande burattinaio che sfrutta la religione musulmana. Il fatto è che tale religione si presta all'orrore e i jihadisti credono in quella religione. Non faccia lei l'errore di non attribuire questa pazzia alla religione. Perchè è proprio nel rifiutare la realtà da parte nostra la loro forza. Ma mi dica, se uno scanna in nome di Allah perchè lei non deve crederci?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 18/09/2014 - 20:44

Nerone, è in trepidante attesa della VERITA' JIHADISTA illustrataci da un morituro destinato al macello per mano dei jihadisti? Prenda uno a caso e lo martelli a sangue finchè non confesserà di essere un alieno travestito. Scommette che confesserà? Scommetto che non ha mai sentito parlare della sindrome di Stoccolma.

Ritratto di Lua78

Lua78

Gio, 18/09/2014 - 22:21

sembra un film americano. quando arrivera' l'eroe?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 19/09/2014 - 00:55

Dopo le dichiarazioni di questo giornalista britannico mi sono venute alla mente le parole di Fabrizio Quattrocchi rivolte ai suoi assassini. Anche allora come oggi questi esseri subumani minacciano e uccidono barbaramente gli ostaggi per convincere gli stati a pagare i riscatti. OVVERO DI FINANZIARE LA LORO OSCENA MATTANZA. Oggi come allora i trinariciuti sono dalla parte di questi SCHIFOSI VERMI ASSASSINI. UNA VERGOGNA CHE DISONORA IL NOSTRO PAESE.

daniele123

Dom, 21/09/2014 - 11:59

la loro forza sta nell'usare la religione per i loro scopi, generalizzando la religione mussulmana si fa il loro gioco, odiare la loro religione fa si che i mussulmani moderati si spostino e diventino estremisti. le dico questo perchè io viaggio spesso e quando vado in Turchia mi dicono "lo vedi come viviamo qui anche se siamo mussulmani? viviamo come voi, non siamo tutti terroristi come pensate voi in europa"