Isis, nuove minacce alla Spagna in un video: "Al-Andalus tornerà nel Califfato"

Ad una settimana dalla strage della Rambla l'Isis torna a minacciare la Spagna. In un video, per la prima volta in lingua spagnola, i jihadisti celebrano l'attentato di Barcellona e promettono nuovi attacchi

“Non vi lasceremo mai tranquilli, mai e poi mai, possa Allah accettare il sacrificio dei nostri fratelli a Barcellona, la nostra guerra contro di voi durerà per sempre, fino alla fine del mondo”. A parlare, dalla provincia siriana di Deir Ezzor, è il jihadista Abu Salman Al Andalus. È lui, fucile a tracolla e faccia nascosta da un passamontagna che svela soltanto gli occhi neri, a minacciare nuovamente la Spagna ad una settimana dalla strage della Rambla, rivendicata dall’Isis e costata la vita a 15 vittime innocenti.

Nel video propagandistico, il primo diffuso dall’Isis in lingua spagnola, l’organizzazione promette nuovi attacchi, minacciando direttamente i cristiani spagnoli e giurando di vendicare il sangue dei musulmani “sparso durante l’Inquisizione”. Nel filmato scorrono le immagini dell’attacco terroristico nel centro della città catalana: le vittime stese sul marciapiede, i poliziotti, i volti dei turisti sconvolti e il furgone bianco con cui Younes Abouyaaqoub ha falciato i passanti lungo la via più famosa della città. Proprio al terrorista ucciso lunedì dalla polizia catalana viene dedicato l'ultimo fotogramma, nel tentativo grottesco di celebrarne le gesta.

A parlare nel video messaggio c’è anche un secondo jihadista, che per la polizia spagnola, citata dal quotidiano spagnolo El Pais, avrebbe un nome e un cognome. Si tratterebbe di Muhammad Yasin Ahram Perez, ventidue anni, originario di Cordoba, nato da madre spagnola e padre marocchino. Il padre di Muhammad Yasin, Abdelah Ahram, si trova attualmente recluso a Tangeri per le sue attività legate all’islam radicale, mentre la madre del miliziano, Tomasa Perez, una donna proveniente da una famiglia cattolica di Malaga, nel 2014 ha lasciato la Spagna assieme ai suoi sei figli per trasferirsi nei territori controllati dallo Stato Islamico in Siria.

"Non dimentichiamo il sangue versato dai musulmani durante l'Inquisizione spagnola, ci vendicheremo per il vostro massacro e per quello che state facendo ora contro lo Stato Islamico", minaccia Perez, rivolto ai cristiani spagnoli. Dietro di lui, mentre il sole tramonta sulla provincia siriana di Deir Ezzor, sventola una bandiera nera. Poi invita i “fratelli” musulmani a compiere nuovi attacchi: "Se non potete fare l'Egira nello Stato islamico, il jihad non ha frontiere, fatelo dove siete". "Con il volere di Allah, al-Andalus tornerà ad essere quello che era, territorio del Califfato", promette il giovane jihadista, che si fa riprendere armato e con la barba lunga.

Quello della “riconquista” dei territori della Spagna centrale e meridionale che conobbero la dominazione islamica, Catalogna compresa, è un chiodo fisso per i gruppi islamisti. Fin dalla sua proclamazione nell’estate del 2014, infatti, lo Stato Islamico ha espresso in più di un'occasione la volontà di liberare i territori occupati dal Califfato degli omayyadi a partire dall’VIII secolo d.C., definendo al-Andalus “la terra degli avi”. Una terra, questa, da “liberare con il volere di Allah” anche per organizzazioni terroristiche come al Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI) che tra i suoi obiettivi ha proprio quello di riconquistare i territori spagnoli che furono occupati dai mori.

Nel mirino dei jihadisti, infine, anche il re Felipe VI, che viene mostrato nel filmato dell'Isis mentre sfila contro il terrorismo su Plaza Catalunya assieme al premier spagnolo Mariano Rajoy e al presidente della Generalitat catalana, Carles Puigdemont.

Commenti
Ritratto di Zohan

Zohan

Gio, 24/08/2017 - 18:01

Grand Hotel per pulci e acari questo tipo.

tonipier

Gio, 24/08/2017 - 18:34

"BISOGNA DARE A COSTUI LA CITTADINANZA COME DICE IL PAPA "

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 24/08/2017 - 18:47

Fatemi indovinare... il video come tutti gli altri video dell'ISIS è stato diffuso dal SITE dell'ufficiale del Mossad ? Che strano !! Proprio oggi Netanhahu ha detto a Putin che l'Iran (che non fa guerre da 250 anni) è peggio dell'ISIS.

Cheyenne

Gio, 24/08/2017 - 19:31

e' una risorsa sboldriniana e papocchiana. SUBITO CITTADINANZA E STIPENDIO ADEGUATO, CASA GRATIS E LICENZA DI UCCIDERE

Cheyenne

Gio, 24/08/2017 - 19:32

per precisione l'ran ha fatto la guerra con l'irak nel 1991

leopard73

Gio, 24/08/2017 - 19:38

PORCI SCHIFOSI MAIALI VI COLGA LA PESTE E PURE IL COLERA VIGLIACCHI.

man73

Gio, 24/08/2017 - 19:48

ah beh se vogliono conquistare la spagna un furgoncino alla volta....ma seriamente questi messaggi dovrebbero spaventare? (fatto salvo ovviamente che qualche pxxxa ci crede e fa gli attentati); come se domani facessi un video dicendo che rivogliamo la Gallia.

GGuerrieri

Gio, 24/08/2017 - 22:03

Veramente è stao l'Iraq di Saddam a fare guerra negli anni ottanta all'Iran, su mandato congiunto di usa, urss e soliti emirati del golfo... Comunque al momento ha ancora più possibilità l'Europa di riconquistare il Nord Africa e far sì che tutto il Mediterraneo, come ai tempi gloriosi della classicità greco-romana, torni ad essere un lago europeo... Basta volerlo...

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Gio, 24/08/2017 - 23:07

Bisogna farlo parlare con la PR artista, quella che come forma d'arte ci presenta una pipì fatta proprio nel mezzo della strada a Barcellona, tra bestie senz'altro si capiscono.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 25/08/2017 - 00:22

i musulmani rivogliono la loro terra..man 73 la Andalusia è la terra dei musulmani, non hai mai visto un matrimonio in Spagna? Uomini spagnoli che in una altra stanza ballano con spade? Con musica musulmana? Parlo di spagnoli non di arabi.

acam

Ven, 25/08/2017 - 01:13

se non si capisce che l'islam deve andare al più presto fuori dall'Europao o chi vuol restare deve rinnegare pubblicamente le parti del corano avverse alle nostre costituzioni con giuramento solenne, pena espulsione privati dei beni, allora è meglio che i governi chiudano bottega e lascino fare ai popoli... Gli islamici dovrebbero essere tassati per i figli che hanno a cominciare dal primo.

titina

Ven, 25/08/2017 - 08:23

Stanno a pensare a ciò che avvenne 600 anni fa (sempre per interessi economici)! Allora Dio dovrebbe ricordarsi che Adamo "mangiò la mela" e dovrebbe punire tutti gli uomini castrandoli.

routier

Ven, 25/08/2017 - 09:23

La Spagna è stato il territorio dei "matamoros". Fossi nell'ISIS ci penserei due volte.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 25/08/2017 - 09:31

io li ho visti ho assistito a matrimoni inoltre io mi sono sposato ad Alicante.

maricap

Ven, 25/08/2017 - 09:31

Intanto cominciate a pensare come difendervi in Siria e in Irak, dato che là, vi stanno facendo "nu mazzo tanto". Ihihihi

Ritratto di mircea69

mircea69

Ven, 25/08/2017 - 09:31

Basta guardarlo in faccia per comprendere che ha qualche rotella fuori posto. Tutti quelli del califfato sono accomunati da questo. Sono degli sfigati.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 25/08/2017 - 09:54

dovete capire che gli spagnoli sono arabizzati 800 anni sotto il dominio musulmano. la fine fu nel 1500 ora necessitano altri 800 anni per ritornare europei quindi 1500 + 800 fanno 2300 nel 2300 forse saranno come noi.

t.francesco

Ven, 25/08/2017 - 10:16

SI COPRE IL VOLTO PERCHE' RIDE MENTRE LO DICE. SE NON CI HANNO COLPITO E' FORSE PERCHE' SIAMO L'UNICO PAESE DOVE POSSONO NASCONDERSI TRANQUILLAMENTE E DA DOVE NESSUNO LI CACCIA. RICORDATE QUEL FAMOSO MILITARE CHE HA UCCISO DUE PERSONE E CHE ABBIAMO CERCATO CON INSISTENZA: BE NON LO ABBIAMO TROVATO.

man73

Ven, 25/08/2017 - 11:15

@franco-a-trier_DE; mi ero ripromesso di non rispondere a persone con QI prossimo allo zero ma per lei faccio un'eccezione...le LORO terre? ma si rende conto delle scempiaggini che scrive? i musulmani conquistarono quelle terre con ferocia sanguinaria, altro che LORO; e glielo ripeto: la francia, la stessa Spagna e mezzo nord europa sono terre appartenute all 'Impero Romano, ce le riprendiamo? PS: nel sud Italia tutti i matrimoni si possono definire "arabi" ma non significa che si voglia la Sharia...vada a scrivere le sue farneticazioni altrove.