L'asse Merkel-Macron: "Entro giugno misure importanti per il futuro dell'Europa"

Macron incontra la Merkel a Berlino: "Abbiamo convenuto che da qui al Consiglio europeo del mese di giugno prederemo delle decisioni importanti per rilanciare l'Europa"

L'asse franco-tedesco intende riproporsi come guida per tutto il Vecchio Continente. Il presidente francese, Emmanuel Macron, durante la conferenza stampa congiunta dopo il vertice bilaterale con la cancelliera Angela Merkel, ha tenuto a precisare che "entro giugno abbiamo l'obiettivo di presentare una visione comune. Bisogna dare risposte comuni a problemi di ieri, oggi e domani, presentare una visione condivisa dell’Ue. Ci siamo impegnati a farlo - ha aggiunto - e lo faremo al consiglio europeo di giugno". E di fronte a "visioni profondamente nazionalistiche, il momento è assolutamente decisivo per il futuro dell’Europa". La Merkel ha confermato l'impegno: "Abbiamo deciso che per il vertice di giugno avremmo affrontato grandi temi centrali".

I due leader si sono incontrati nel cantiere del nuovo castello di Berlino. Una "location" che ha un forte valore simbolico. Anche l'Europa, paiono voler sottolineare Merkel e Macron, è un cantiere aperto. Il presidente francese ha voluto sottolineare che "la nostra comune sovranità viene messa alla prova". E come aveva fatto a Strasburgo, davanti al parlamento europeo riunito in seduta comune, ha parlato del rischio derivante dai "forti nazionalismi". Una minaccia rispetto alla quale è "decisivo" lavorare per il futuro dell'Europa.

Un altro tema affrontato è quello dell'immigrazione. "Bisogna creare una solidarietà esterna ed interna" all’Ue - ha detto Macron - "non possiamo lasciare che un Paese venga lasciato solo nell’accoglienza e integrazione" . Ha sottolineato che "siamo bloccati sulla ricollocazione" dei migranti all’interno dell’Ue, indicando la necessità di "condividere la pressione" esercitata sui Paesi d’arrivo. Insieme a questo, bisogna lavorare su una "solidarietà esterna, proteggere e investire sulle nostre frontiere comuni, armonizzare le regole dell’accoglienza e una vera solidarietà interna".

Commenti

Klotz1960

Gio, 19/04/2018 - 15:06

Si, certo, un asse nazionale contro i nazionalismi - che risate. Quando poi sono i Francesi a parlare contro i nazionalismi, c'e' da rotolarsi dalle risate. Gli ignorantoni possono consultare l'atlante storico a seguito delle guerre napoleoniche, per eventuali delucidazioni.

istituto

Gio, 19/04/2018 - 15:26

" misure importanti per il futuro dell' Europa...."....Sì, più tasse, più migranti ( cioè clandestini), meno diritti, ulteriore perdita di sovranità, patrimoniale, CENSURA DEL WEB perché dà fastidio, più guerre, lgbt nelle scuole per pervertiret ulteriormente la gioventù.....

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 19/04/2018 - 15:33

Della serie, tutti a cuccia, comandiamo noi, tramite la ue.

nopolcorrect

Gio, 19/04/2018 - 16:53

Belli i propositi per un'Europa guidata dai due nazionalismi francese e tedesco uniti per comandare ai nazionalismi degli altri.

Ritratto di Quasar

Quasar

Gio, 19/04/2018 - 17:14

Misure importanti saranno valide solo se decise da tutti gli Stati nazionali che fanno parte di Eurolandia. Macron rappresenta solo uno Stato.

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 19/04/2018 - 17:20

Micron, si porta ancora sempre appresso la mamma?

Ritratto di bracco

bracco

Gio, 19/04/2018 - 18:10

Vai a vedere che l'omuncolo francese amante delle tardone vuole farsi an che la Merkel ???

paolo1944

Gio, 19/04/2018 - 18:25

Basta, fortunati gli inglesi che quando hanno capito che qui comandava la Germania hanno fatto il gesto dell'ombrello. Noi coi nostri governanti sudditi siamo diventati l'immondezzaio del continente.

Ritratto di franco-a-trier_D

franco-a-trier_D

Gio, 19/04/2018 - 19:57

la politica è un ammasso di ruffiani..e falsi ipocriti..

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 19/04/2018 - 22:30

L'Emanuele Maccherone ha un debole per le tardone.

Ritratto di pinox

pinox

Gio, 19/04/2018 - 22:32

i nazionalismi non potranno mai essere sedati in una unione che di fatto è incompiuta, e fintanto che non arriveranno (se mai arriveranno) gli stati uniti d'europa, prevarranno i nazionalismi dei paesi piu' forti economicamente sui nazionalismi di quelli piu' deboli.....così com'è questa europa è una idiozia senza precedenti.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 20/04/2018 - 00:26

"Abbiamo convenuto che da qui al Consiglio europeo del mese di giugno prederemo delle decisioni importanti per rilanciare l'Europa". Certo, loro decidono e per gli altri non c'è possibilità di aprir bocca. Arroganti e supponenti alla massima potenza. 4° tentativo: c'è ancora democrazia ed espressione di libero pensiero in questo giornale che fu di Indro Montanelli e di Paolo Granzotto o c'è qualche permaloso che pubblica quello che gli fa comodo? Grazie

pisopepe

Ven, 20/04/2018 - 07:28

ATTENTI A YUPITER VI PUO' BOMBARDARE LA PISCINA SE PIENA DI CLORO E UNA NULLITA' ASSOLUTA UN VERO DITTATORE E INTANTO VIVIAMO NEGLI SCIOPERI