L'avvertimento degli scienziati: "Pensiamoci bene prima di rispondere a segnali alieni provenienti dallo spazio"

Dopo la scoperta di Kepler 452b, il pianeta "gemello" della Terra, torna nuovamente il dibattito sulla presenza di forme di vita simili agli uomini con cui venire a contatto

Dopo la scoperta di Kepler 452b, il pianeta "gemello" della Terra, torna nuovamente il dibattito sulla presenza di forme di vita simili agli uomini con cui venire a contatto. Di fatto, finora, gli uomini non hanno mai stabilitio un vero e proprio contatto con forme aliene di vita. Ma gli scienziati, dopo la scoperta di Kepler lanciano qualche avvertimento. Il più pesante arriva da Matthew Bailes, professore allaSwinburne University di Melbourne. Lo scienziato analizza i possibili scenari futuri sull'Indipendent e mette in guardia dalla voglia di entrare in contatto con altre forme di vita. "La storia ci insegna che quando una civiltà più avanzata ne ha contattata una più debole, c'è raramente un lieto fine", afferma. E ancora: "Un eventuale contatto con una civiltà del genere potrebbe essere un disastro per gli uomini". Insomma c'è una frenata su un possibile progetto per entrare in contatto con gli alieni.

Sul fronte scientifico negli ultimi tempi è stato avviato un progetto sponsorizzato dal miliardario russo Yuri Milner che servirà a rintracciare nell'universo forme di vita diverse da quella umana. Secondo quanto riferito dagli studiosi, "applicare il metodo della Silicon Valley alla ricerca della vita intelligente". Il progetto avviato di fatto sarà 10 volte superiore a quelli del passato. Bailes avverte: "La difficoltà è di sapere che genere di segnali stiamo cercando. Non esiste un manuale per la ricerca degli alieni. Dobbiamo immaginare il tipo di comunicazione che una razza aliena potrebbe impiegare. Si spera che inviino schemi e modelli riconoscibili dagli esseri umani, come i numeri primi per esempio".

Commenti

alox

Ven, 24/07/2015 - 22:48

"La storia ci insegna che quando una civiltà più avanzata ne ha contattata una più debole, c'è raramente un lieto fine" e' per me un rischio inevitabile, per quel che sappiamo magari ci stanno gia' "evitando", proprio perche' conoscono la nostra storia e specie!

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Sab, 25/07/2015 - 12:57

Se un alieno ci contattasse, avrebbe fatto quello che a noi non riesce ancora. Si tratterebbe cioè di una civiltà più avanti della nostra, almeno sotto l'aspetto tecnologico. Un po' di preoccupazione dovremmo davvero averla, perché non è detto che gli alieni siano vulnerabili alla musica hawaiana, come i marziani di Mars attack.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 25/07/2015 - 15:30

Ve lo immaginate un venditore di pentole,tale Renzi-no, venuto dallo spazio.Averne uno è un pericolo,averne 2 un'incubo senza fine.

cgf

Sab, 25/07/2015 - 17:05

i numeri primi debbono essere arabi come usiamo in occidente o indiani come usano gli arabi? oppure Tamil o cinesi?

Raoul Pontalti

Sab, 25/07/2015 - 18:11

I numeri primi li puoi notare con punto e linea, + e -, palla e cono o altro qualsiasi sistema che ti consenta una numerazione binaria o cgf...

FRANZJOSEFF

Sab, 25/07/2015 - 19:16

NEL NATALE DEL 1978 IN UN AEREOPORTO CALABRESE E' SUCCESSO UN ATTERRAGGIO PECHE' NON SI PARLA? IL GIORNO DOPO VIENE PUBBLICATA UNA NOTIZIE SUL GIORNALE CITTADINO CHE NON ERA UFO. MA LA PAURA DI COLORO CHE ERANO PRESENTI? PARLATE CHE NON ERA NE' STELLA NE' PALLONE METEOROLOGICO. ERA TUTTO VERO. PARLATE

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Sab, 25/07/2015 - 23:13

Potrebbero solo studiarci come UNA DIVERSA TIPOLOGIA DI BATTERI, per i quali non occorre intervenire osservando la velocità con cui procediamo verso il suicidio collettivo...L'ECATOMBE DELLA SPECIE...