A Dover le ronde antimigranti: "Impediamo gli sbarchi da Calais"

Paul Golding, leader di Britain First, spiega che le spiagge della città costiera verrano pattugliate giorno e notte "perchè l'invasione da Calais sta andando fuori controllo"

Vogliono fermare l’arrivo dei migranti sulle coste britanniche. Britain First, organizzazione politica di estrema destra è decisa nel suo intento.

Come riportato dalla Stampa, il leader del partito Paul Golding sottolinea in un video che le spiagge di Dover verranno pattugliate giorno e notte per impedire ulteriori sbarchi dei migranti provenienti da Calais, in Francia. Secondo Golding, “questa invasione sta andando fuori controllo”. E infatti le traversate della Manica hanno subito un incremento anche se i numeri del Regno Unito non sono paragonabili con quelli italiani. Stando ai dati, quest’anno sarebbero arrivate 1.200 persone su imbarcazioni di fortuna, spesso condotte da trafficanti di esseri umani.

Golding evidenzia che “se qualcuno dei migranti di Calais proverà a entrare nel nostro bellissimo Paese lo intercetteremo e glielo impediremo” e va all’attacco della Guardia costiera britannica definendola “inetta e inefficiente”.

L'associazione umanitaria Care4calais ha espresso la sua preoccupazione per questa iniziativa precisando che “quando uomini, donne e bambini profondamente traumatizzati arrivano sulle nostre coste hanno spesso bisogno di cure mediche e dovrebbero essere accolti da professionisti”.

Le ronde di Britain First, conosciuto per la sua propaganda anti islamica, si inseriscono in un contesto dove stanno aumentando gli episodi di intolleranza verso le minoranze etniche. Basti pensare che nel biennio 2017/18 la polizia ha registrato più di 96 mila crimini di odio in Inghilterra e Galles, numeri più che raddoppiati rispetto a 5 anni prima.

Commenti

nopolcorrect

Sab, 21/09/2019 - 14:44

Complimenti a Britain First! I Patrioti Inglesi non vogliono che in futuro i caratteri somatici catteristici degli Inglesi vengano completamente stravolti e gli Inglesi diventino un popolo di meticci anglo-africani.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 21/09/2019 - 15:21

Quella europea è una politica scellerata e globalizzata. Saremo invasi perché dietro ci stanno poteri forti che vogliono destabilizzare l'ordine costituito.

marco m

Sab, 21/09/2019 - 15:28

Nopolcorrect, magari prima di scrivere informati sulla storia inglese, specie quella coloniale, e le migrazioni che ha implicato. E'da più di due secoli che i migranti arrivano in massa in UK, oppure credi che la massiccia comunità indiana sia arrivata in gommone da Calais la settimana scorsa? Tutto questo senza contare che, anche se non a livello di quella italiana, la storia e la popolazione inglese sono frutto di varie invasioni di popoli esterni, che si son poi stabiliti qua. Chissà quali saranno questi fantomatici tratti inglesi.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 21/09/2019 - 15:37

Esattamente come da noi. Con la differenza che le nostre sono ronde pro migranti. Pronte a consegnare attestati di cittadinanza italiana 2 metri dopo la battigia.

albero_a_cammes

Sab, 21/09/2019 - 16:06

"Le ronde di Britain First, conosciuto per la sua propaganda anti islamica, si inseriscono in un contesto dove stanno aumentando gli episodi di intolleranza verso le minoranze etniche." Cioe' contro i nativi bianchi??

vince50

Sab, 21/09/2019 - 16:30

A Calais decenni fa sono sbarcati ma erano attesi e graditi.Questi non sono affatto e per giunta non li fermerete

blu_ing

Sab, 21/09/2019 - 17:05

non si dimentichino i crimini d odio degli islamici che ciulano a ripetizione decerebrate donne bianche che di sono convertite ad allokkoalbarre e che giustamente vengono vendute a chiunque valendo meno di un cammello

mozzafiato

Sab, 21/09/2019 - 17:08

MARCO M scusami amico, ma di quali invasioni parli? Se c'è una nazione autocnona per eccellenza quella è proprio la GB? E fra gli autocnoni ci puoi inserire anche gli indiani originari dal periodo della colonizzazione inglese! L'invasione in corso è tutta un'altra roba del tutto simile a quello che sta accadendo in Italia.

tersicore

Sab, 21/09/2019 - 17:16

I sinistri non faranno mai ITALIAN FIRST come gli inglesi hanno fatto 'Britain First'! Loro possono soltanto decidere per INVADERS FIRST! Per questi ritardati ideologici gli italiani sono solo un peso da sopportare, non certo da supportare. E ho la vaga idea che molte delle loro televisioni stiano tentando una (ormai disperata) persuasione occulta in tal senso: ogni riferimento a RAI3 e a La7 è puramente casuale......

Giorgio Rubiu

Sab, 21/09/2019 - 17:50

@ vince50-Cosa c'entra Calais che è in Francia.Chi si oppone agli sbarchi sono gli inglesi a Dover,che è in Inghilterra. E,se con gli "sbarchi di qualche decennio fa" a Calais lei si riferisce allo sbarco delle truppe Anglo-Americane nella Seconda Guerra Mondiale,è meglio che s'informi.I tedeschi si aspettavano gli sbarchi a Calais (il punto più stretto della Manica) ma gli sbarchi avvennero,76 anni fa,in Britannia e Normandia (Nord della Francia).NON a Calais che è, adesso,la città francese da cui i migranti cercano di partire per sbarcare a Dover (Inghilterra). L'articolo lo dice chiaramente.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Sab, 21/09/2019 - 20:53

Minoranze etniche? Tempo al tempo e minoranza etnica saremo noi occidentali.

buonaparte

Dom, 22/09/2019 - 07:28

anche in inghilterra si è creato un business come da noi con le associazioni finte umanitarie che fanno soldi impietosendo l'opinione pubblica dicendo che I CLANDESTINI sono traumatizzati psicologicamente visto che non possono piu dire che sono malati perchè come in italia i medici sono stati smascherati con i falsi referti di malattie sulle navi delle ong. mentre un trauma psicologico è difficile da diagnosticare e quindi contestare . GLI INGLESI HANNO VOLUTO FARE LA BREXIT PROPRIO PER CONTROLLARE LE ENTRATE DI TUTTE LE PERSONE ANCHE DEGLI EUROPEI NUOVI ED ORA SI VEDONO INVASI DA CLANDESTINI . FOLLIA EUROPA.

effecal

Dom, 22/09/2019 - 17:54

I nostri traditori rossi pensano ad ingrassare le coop con il business della sostituzione etnica.