Libia, il generale Haftar alle forze aeree: "Bombardate le navi italiane"

Sale la tensione in Libia. Secondo al Arabyia, il generale avrebbe ordinato alle forze aeree di bombardare qualsiasi nave militare italiana entrata in acque libiche. Ma Roma: "Notizia infondata"

Il generale Khalifa Haftar, l'uomo forte della Cirenaica, e rivale del premier Fayez al Sarraj, fa carta straccia dell'intesa raggiunta nei giorni scorsi. E, dopo la passerella di Parigi al fianco del presidente francese Emmanuel Macron, ha ordinato alle sue forze aeree di bombardare qualsiasi nave militare italiana entrata nelle acque territoriali libiche su richiesta di Sarraj. Proprio oggi pomeriggio, dopo aver ricevuto le necessarie autorizzazioni, la nave "Comandante Borsini" è, infatti, entrata nelle acque libiche.

In mattinata il Parlamento ha dato il via libera all'intervento della Marina Militare italiana a sostegno della Guardia di costa libica. E nel pomeriggio la nave Comandante Borsini, già impiegata nell'ambito del dispositivo dell'operazione "Mare Sicuro", è entrata nelle acque territoriali libiche, dopo aver ricevuto le necessarie autorizzazioni, facendo rotta verso il porto della città di Tripoli. A bordo, come ha reso noto lo Stato Maggiore della Difesa, è imbarcato il nucleo di ricognizione, costituito da Ufficiali del Comando Operativo di Vertice Interforze e della Squadra Navale, che ha ricevuto il compito di "condurre, congiuntamente con i rappresentanti della Marina e della Guardia Costiera libiche, le necessarie attività di ricognizione e di definire le ultime modalità di dettaglio per quanto attiene alle misure di coordinamento delle successive attività di supporto e di sostegno, che avverranno su richiesta della controparte". L'obiettivo è duplice: combattere i trafficanti di esseri umani e controllare i flussi degli immigrati irregolari. "Non è una missione aggressiva - ha garantito il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, durante la visita al Comando operativo interforze - ma una missione di sostegno alla fragile sovranità di quel paese e delle autorità libiche".

E, sebbene la missione italiana non abbia intenti aggressivi, il generale Haftar è pronto ad accogliere le nostre navi con le bombe delle forze aeree. Come riferito dall'emittente araba Al Arabiya, che ricorda che oggi è già entrato nelle acque libiche un pattugliatore d'altura italiano, l'ordine del rivale di Sarraj esclude dall'attacco soltanto le navi commerciali. Sentite dall'agenzia Agi, fonti governative italiane hanno definito la notizia di minacce all'Italia "inattendibile" e "infondata".

Commenti

Aprigliocchi

Mer, 02/08/2017 - 23:02

Caos totale, finche om nuovo ordine mondiale ( putrido ) dirà, 'oi vi garantiamo la pace...lasciate fare a noi...lasciateci governare... Una diavolata che finirà male per chi l'ha concepita. É scritto, Cristo ritorna, e renderà a questi macchiavellici cospiratori quello che si meritano ! Ride bene chi ride ultimo !

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Anonimo (non verificato)

micribol

Mer, 02/08/2017 - 23:14

va a finire che ci tocca occuparli, da morire dal ridere tocca fare ai governicchi di sinistra quello che fece il Duce, che come volevasi dim. aveva ragione.

TitoPullo

Mer, 02/08/2017 - 23:17

Eeeeccolo Macron !! Comunque é una buona occasione per provare gli Aster 15 ed il 76/62 a tiro rapido per non parlare del 127/64 con proiettili Vulcano !! Quest'ultimo però andiamo davanti a Tobruk e dal momento che arriva a 100 km glielo tiriamo sulla testa !!

MarcoTor

Mer, 02/08/2017 - 23:20

Tanto non li ha gli aerei. Se ne avesse che li si abbatta. E poi ci ricorderemo di Macron nelle dovute sedi, ovvero la NATO e la finta Unione Europea.

Reip

Mer, 02/08/2017 - 23:22

...Non mi meraviglierei se armi e cacciabombardieri a questo ixxxxxxxe li abbia forniti la Francia, nazione sempre più infame e imperialista, e non mi meraviglierei neanche un po' sei i piloti libici militari di Haftar siano direttamente addestrati da piloti francesi.. Viva l'Europa!

oldstyle

Mer, 02/08/2017 - 23:33

Hanno ragione. Non dobbiamo assolutamente entrare in acque libiche. L'unica possibilità oggettiva è attendere nelle nostre acque e affondare a colpi di mitraglia i barconi. Dopo una settimana, ma forse meno, le partenze cessaranno come per magia. Risultato:italia disumana. Realtà:un migliaio di morti, forse meno, e poi più niente, da qui agli anni a venire. Peccato che con il "progresso" moderno, rimarranno solo sogni del sottoscritto...

Ritratto di malatesta

malatesta

Mer, 02/08/2017 - 23:35

Loro attaccano?..noi risponderemo con cannoni pieni di fiori...siamo fatti cosi' poiche' ripudiamo la guerra.

Who_dares_wins

Mer, 02/08/2017 - 23:40

A un tiro di canna da pesca ecco che trovi uno con gli stessi attributi ferrei di Sonneglioni. Poi scusate il post era più lungo ma mi viene troppo da ridere nemmeno i fratelli Marx potevano reggere il confronto con il Pd

Mefisto

Mer, 02/08/2017 - 23:44

Di bene in meglio... continuiamo a prendere ceffoni a destra e a manca...

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Mer, 02/08/2017 - 23:46

ve l'avevo detto ! Yeahh . Navi da Guerra Nato in acque territoriali Libiche . Ve l'avevo detto . Yeahh .

Frank90

Gio, 03/08/2017 - 00:15

Ci manca solo la guerra in casa e poi le avremo davvero tutte. Chissà se la sinistra avrà uno straccio di dignità e ammetterà pacatamente i propri errori.

QuebecAlfa

Gio, 03/08/2017 - 01:10

I migliori in bocca al lupo al tenente generale Khalīfa Belqāsim Ḥaftar. Sarà molto interessante rilevare l'effettiva capacità militare dell'esercito da lui comandato.

Arch_Stanton

Gio, 03/08/2017 - 01:27

Ottimo, questa è la volta buona che facciamo piazza pulita del ciarpame di Haftar. La Libia è una invenzione italiana, mi auguro che l'Italia se la riprenda. Adesso vedremo se il debole Gentiloni obbedirà anche ad Haftar o se andrà avanti. Consideriamo anche che l'Italia fa parte della NATO, ed in caso di attacco contro di noi, tutti devono sostenerla militarmente: Haftar sarebbe carbonizzato nel giro di pochi minuti.

Fluidball

Gio, 03/08/2017 - 07:27

Non capisco cosa ci sia di così strano. Assurdo è che ci sia chi crede sul serio che una nazione possa, indisturbatamente, rimpatriare fuggitivi nei propri paesi d'appartenenza o comunque invadere acque, spazi aerei o terre altrui senza che ci sia alcuna reazione. Comunque mette sempre ilarità venire a leggere i commenti de Il Giornale. Sembrano essere scritti quasi tutti da Rumeni, Albanesi o Africani, non per offesa, ci mancherebbe, semplicemente per il fatto che raramente sono scritti in un italiano corretto.

Demy

Gio, 03/08/2017 - 07:39

Spero che le navi della Marina Militare abbiano la possibilità di rispondere ad eventuali minacce. Circa la fancia,.............meglio uscire dalla Nato e dalla UE, organismi inutili e dannosi specialmente per l'Italia. La Francia, facente parte del consiglio di sicurezza dell'ONU appoggia Serraj ma, subito dopo, finanzia e fornisce di armi il suo rivale Haftar. Di chi ci dobbiamo fidare?

ItaliaSvegliati

Gio, 03/08/2017 - 08:05

Questa dittatura comunista schifosa ci porterà in guerra, sono come i fascisti all'epoca di Mussolini, per la conquista della Libia. Verrà il giorno che andremo a votare maledetti bolscevichi.

roniks69

Gio, 03/08/2017 - 08:18

al primo tentativo di attacco alle navi,abbattere tutti l'aerei libiche(se ci sono)...e poi si vedra...

GVO

Gio, 03/08/2017 - 08:28

In un paese civile chi ha voluto la guerra in Libia con ka morte di Gheddafi e quindi tutti i guai che ne sono e ne derivano dovrebbe essere chiamato a rimborsare i danni causati e marcire in una galera ....Mussolini ha voluto la guerra ed è finito appeso invece a questi signori gli diamo il vitalizio e la pensione , ennesima schifezza!!

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 03/08/2017 - 08:30

Haftar pone termine alla pagliacciata militaresca di questo governucchio privo di politica estera.

Ritratto di italiota

italiota

Gio, 03/08/2017 - 09:02

ma speriamo che bombardino qualche nave e vediamo poi che casino succede a quei cxxxxxxi di Roma, nullafacenti e pagati con i soldi delle nostre tasse

tuttoilmondo

Gio, 03/08/2017 - 09:14

INFAMI! Gli infami sono i traditori! I traditori danno la colpa a tutti. Ma la colpa dello sfascio è soltanto loro. Le cose che sono nell'universo sono semplici o complesse, mai complicate. Se sono complesse lo sono perché formate da insiemi a loro volta formati da insiemi e così via. Tutto si può risolvere. Ma quando qualcuno si mette di traverso... allora le cose si complicano. L'Italia è uno Stato Sovrano' Allora nessuno passa. L'Italia può legiferare come gli pare? Allora ergastolo agli scafisti. Ed è tutto risolto. Nessuna ONG può attraccare e se insistono: ergastolo. Dopo le dovute critiche tutto il mondo ci applauderà.

GoldEagle

Gio, 03/08/2017 - 09:36

see...bombardare e con cosa ?? aerei ?? quale aerei....parole al vento anche se fossero vere, haftar non ha nessuna forza consistente per ostacolare la nostra marina e aviazione. Aggiungo che se fosse per me avrei già inviato truppe speciali per neutralizzare questi traffici, e al mister uomo forte della zona avrei intimato o lo fai tu o lo facciamo noi.

paco51

Gio, 03/08/2017 - 10:02

Secondo me ci colpiscono!| O Forse la Marina si ritirerà come è accaduto tanta volte in passato!

ginobernard

Gio, 03/08/2017 - 10:20

Secondo me abbiamo un problema al Ministero degli Esteri. Macron ha invitato i libici a Parigi per stringere alleanze, ovviamente. E Haftar potrebbe aver siglato un accordo non scritto con Macron. Ancora una volta la UE si dimostra inesistente, con iniziative autonome dei singoli stati. A questo punto meglio sarebbe parlare con Macron e minacciare che so un rilascio di migranti incontrollato verso la Francia. Di sicuro decine di migliaia di quelli che sono da noi preferirebbero andare in Francia. Invece di usare gli alpini lasciamoli passare ... aiutiamoli a passare. Facciamo anche noi i veri figli di pxxxxxa. E poi vediamo la reazione. Io credo che una alleanza seria ed onesta tra Francia ed Italia risolverebbe il problema e poi ci si divide il petrolio. Bisogna comunque stare attenti ad entrare nelle acque territoriali. Questi sono abbastanza disperati e potrebbero veramente fare cxxxxxe.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Gio, 03/08/2017 - 10:28

Vorrei dare un consiglio ai nostri governanti: il ministro degli esteri Alfano, Pinotti, il capo di stato maggiore della marina si riuniscano per vedere cosa sia opportuno fare nella situazione attuale in Libia e con Aftar che vuol bombardare. Prendere le prime misure adeguate e poi tutti e tre, chiarito bene cosa vogliono andare a chiedere o sentire dai vari stati coinvolti(Egitto, stati del Golfo, USA, e Francia, Russia...) farsi, assieme ,un giro nelle varie capitali per trovare alleanze, vedere soprattutto cosa pensano di fare questi stati. Questo si chiama fare politica estera e non pensare solo alla seggiola e alle elezioni. Tornati, fare il punto, relazionare a chi di dovere( Gentiloni, Consiglio di difesa e per ultimo il Parlamento e la stampa). Parlare poco e coesi. Non perdere tempo.

Ritratto di michageo

michageo

Gio, 03/08/2017 - 10:32

....sembra il preludio della guerra dei tricketrack...non invidio gli eventuali piloti di cammelli di Tobruk, sarebbe come dicono gli americani, "Turkey Shooting", la caccia ai tacchini selvatici americani e da noi, si direbbe, "sparare sulla Croce Rossa"

giovanni951

Gio, 03/08/2017 - 10:38

e con cosa le bombarda? coi bussolotti? o chiede un aiutino a macron?

Jesse_James

Gio, 03/08/2017 - 10:40

Ho letto un commento di un utente circa la NATO. E' vero, non ci avevo pensato. Haftar non oserà alzare un solo dito, sa benissimo che nell'arco di un paio di giorni gli pioverebbe addosso uno tsunami di fuoco e piombo.

Cinele

Gio, 03/08/2017 - 10:55

Ma infatti non vedo la necessità di entrare nelle acque territoriali libiche. Basta schierare la nostra Marina al limite delle nostre acque territoriali con un unico ordine irrevocabile " abbattere qualunque nave libica su avvicini e qualunque barcone di qualsiasi nazionalità "

Ora

Gio, 03/08/2017 - 11:05

XGVO: Berlusconi disse " la guerra alla Libia è giusta mi dispiace per il mio amico Ghedafy" il suo governo approvò e sostenne l'intervento francese.

carlottacharlie

Gio, 03/08/2017 - 11:06

Caspita! Siamo in guerra coi muslim?

tuttoilmondo

Gio, 03/08/2017 - 11:09

Che cose assurde devo leggere. Il mondo al contrario. Secondo le leggi internazionali, uno Stato ha il DIRITTO di bloccare fuori dalle proprie acque territoriali chi porta danni, minaccia, problemi. Ed ha il DOVERE di non invadere le acque territoriali di un altro Stato. L'Italia sta facendo il contrario.

Ritratto di giordano

giordano

Gio, 03/08/2017 - 11:09

è fondata o infondata? investigate e riscrivete l'articolo corretto, grazie. ps. cerchiamo di fare i giornalisti e non i cazzoni ogni tanto.

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 03/08/2017 - 11:12

Ed ha anche ragione. Sono gli imbelli, forse addirittura complici, governanti italiani che permettono la violazione dei nostri confini. Ai barconi, gommoni, navi in arrivo ingiungere di girare la prua di 180° e tornare da dove sono partiti. Mai lasciarli entrare nei nostri confini.

restinga84

Gio, 03/08/2017 - 11:21

@Aprigliocchi 02/08/2017-23:02.Lei crede? Speriamo in bene.Saluti.

carpa1

Gio, 03/08/2017 - 11:31

Vera o non vera, questa boutade, ripeto: l'unica soluzione al problema è l'interdizione "militare" (o blocco navale, chiamatelo come volete) delle nostre acque e dei nostri porti a qualunque natante che trasporti anche un solo clandestino. Solo così se ne guarderebbero bene dall'imbarcare merce umana di cui non saprebbero poi che farsene.

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 03/08/2017 - 11:43

Il nostro ministro degli esteri è momentaneamente impegnato nelle operazioni pre-elettorali in Sicilia; mica può distrarsi con questioncine secondarie come la Libia. La Pinotti? Basta dire che è la prima volta al mondo che a capo del ministero della difesa c'è una donna. "Basta la parola", diceva la pubblicità di un lassativo.

idleproc

Gio, 03/08/2017 - 12:01

Noi stiamo facendo da proxy di interessi di altri come di consueto. Se noi fossimo lì a fare gli interessi del popolo libico che coincidono anche coi nostri, non avremmo problemi. Oppure pensate che l'attuale "governo" come i precednti sia in grado di fare una politica estera decente e autonoma. Non è cambiato nulla dall'epoca nella quale abbiamo tradito un amico e un alleato strategico.

scarface

Gio, 03/08/2017 - 12:09

Lo capiranno ora i nostri decerebrati criminali politicanti che le navi della Marina Militare devono finire il servizio taxi ?

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Gio, 03/08/2017 - 12:10

Minaccie sensa senso ; però uno dei pochi Governi al mondo capace di intimorirsi è quello Italiano . Morale : nel mezzo del gioco dei due capi Libici prosegue indisturbata l'invasione . In memoria di chi ha sacrificato la vita per difendere le , un tempo, "sacre frontiere".

TruthWarrior1

Gio, 03/08/2017 - 12:16

Haftar è un uomo con forti agganci negli USA; per dirla breve, CIA. Cosa potete aspettarvene di uno come lui? Ormai, la politica estera degli States va a pari passo con quella dei francesi, 2 parti integranti del Nuovo Ordine Mondiali.

Marcello.508

Gio, 03/08/2017 - 12:23

Macron che fa, rifornisce Haftar con cosa? Ad Emmanuel prude che l'Eni gestisca i pozzi libici? A quanto pare.. Intanto il governo italiano dovrebbe mandare in zona - al limite delle acque territoriali - la Cavour con la sua squadra appoggio pronta ad intervenire. Poi vedremo cosa farà il satrapo di Bengasi. tuttavia l'Italia dovrebbe impegnarsi maggiormente in questa faccenda, altrimenti l'azione di frenaggio avverso i migranti sarà solo un pour parler.

Jesse_James

Gio, 03/08/2017 - 12:24

Se non volete che violiamo la vostra sovranità allora fermateli voi i barconi, ed una volta per tutte che ne abbiamo le scatole piene!

agosvac

Gio, 03/08/2017 - 12:35

Il problema è sempre lo stesso: chi comanda in Libia????? Sarraj oppure Haftar??? Uno chiede aiuto alle navi italiane, l'altro minaccia di distruggerle. Sembrerebbe una barzelletta ma è una triste realtà. Comunque la cosa sarebbe facilmente risolvibile: le navi italiane devono pattugliare le acque libiche, mantenendosi fuori dalle acque territoriali, ed evitare che barconi o navi ong portino migranti fasulli in Italia. Meglio sarebbe chiudere i porti italiani a TUTTI i migranti fasulli, sia ai barconi sia alle navi ong.

ginobernard

Gio, 03/08/2017 - 12:44

urge parlare seriamente con Macron. Se la Francia aveva messo nel mirino la Libia di sicuro ce l'ha ancora. La soluzione del problema passa attraverso un accordo tra Francia - Italia - USA e arabi. Bisogna fare le cose per bene a livello diplomatico. Haftar avrà uno sponsor no ? ce l'hanno tutti. Quelli che contano intendo. Chi è il suo sponsor ? bella domanda.

glucatnt73

Gio, 03/08/2017 - 12:48

E con cosa, coi raudi? O con le catapulte?

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 03/08/2017 - 12:59

La regola è: al primo tentativo ostile,colpire per primi, colpire duro,in modo che ai beduini scappi ogni velleità!!

marco.olt

Gio, 03/08/2017 - 13:28

Voglio proprio vedere se bambardano una nave Italiana se gli USA e vari alleati Nato alzeranno un dito (anzi un missile)

tuttoilmondo

Gio, 03/08/2017 - 16:08

Siamo zerbino. Lo abbiamo fortemente voluto. Lo sanno all'estero che in italia c'è chi scrive 10, 100, 1000 Nassyria, Marò fucilati, ed altre quisquilie? Certo che lo sanno. Ed è per questo che ci disprezzano. Come potevano, gli indiani, essere benevoli con i marò, se molti italiani (?) li condannavano e li volevano morti? E' sempre 8 settembre! Chi sono i nostri nemici? Dove sono? Sono in Italia oppure fuori? Purtroppo... sono dentro e fuori. Siamo messi male.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 03/08/2017 - 19:18

almeno che i francesi si prendano anche la Liguria oltre la Savoia sarebbe la volta buona per stare meglio.Si perchè lo sapete che dietro la Libia c'è la Francia si?