L'incubo diventa realtà: ora i terroristi islamici hanno la bomba sporca

Nelle mani dell'Isis 40 chili di uranio radioattivo e residui chimici dell'era di Saddam. Appello dell'Irak all'Onu: "Aiutateci a fermarli"

È il Santo Graal dei terroristi, il peggiore incubo dei capi delle agenzie d'intelligence occidentali. È la bomba sporca, l'atomica dei poveri, l'ordigno radioattivo capace di esplodere nel centro di una metropoli e inondare di radiazioni i suoi abitanti. I primi allarmi si diffusero dopo la caduta dell'impero sovietico quando ingenti quantitativi di materiale nucleare caddero nelle mani di trafficanti senza scrupoli. L'allarme diventò incubo alla vigilia dell'11 settembre quando i rapporti della Cia segnalarono i tentativi di Osama Bin Laden di mettere le mani sui componenti nucleari usciti dai laboratori pakistani. Tredici anni dopo, quell'incubo sta per diventare realtà. Qualche settimana fa, secondo le autorità irachene, almeno 40 chili di uranio radioattivo custoditi nei laboratori dell'Università di Mosul sono caduti nelle mani dei terroristi dell'Isis (Stato Islamico dell'Irak e del Levante). E a rafforzare il sospetto che l'Isis stia cercando di dotarsi di armi non convenzionali contribuisce l'attacco del 12 giugno scorso a un deposito a sud i Bagdad dove i militanti jihadisti hanno messo le mani su centinaia di tonnellate di componenti chimici dell'epoca di Saddam Hussein.

I primi a varcare una linea rossa del terrore mai superata neppure da Bin Laden e Al Qaida potrebbe essere dunque Abu Bakr Al Bagdadi, il capo dell'organizzazione che dopo aver rimpiazzato Al Qaida ha anche proclamato la nascita di un Califfato transnazionale a cavallo di Irak e Siria. Quel Califfato minaccia ora di diventare la prima roccaforte del terrorismo nucleare. A denunciarlo in una lettera dai toni allarmanti indirizzata al segretario generale dell'Onu Ban Kii Moon è l'ambasciatore iracheno presso il Palazzo di Vetro Mohammed Alì Al Hakim. «Nonostante la limitata quantità - scrive nella lettera l'ambasciatore - quel materiale nucleare può venir usato, da solo o in combinazione con altre componenti, per mettere a segno attacchi terroristici da parte di gruppi in possesso della necessaria conoscenze tecniche. L'Irak oltre a mettere al corrente la comunità internazionale chiede aiuti e appoggi per evitare che i terroristi mettano a segno queste minacce in Irak o altrove. «Per ora l'Aiea, l'agenzia dell'Onu incaricata di vigilare sulla minaccia nucleare, sembra decisa a minimizzare la minaccia. Pur sottolineando la «preoccupazione per ogni materiale radioattivo o nucleare fuori controllo» la portavoce dell'Aiea Gill Tudor sostiene che la razzia nucleare messa a segno a Mosul «non dovrebbe presentare un significativo rischio per la sicurezza».

Ma le tranquillizzanti rassicurazioni dell'Aiea sono anche legate alla necessità di non allarmare l'opinione pubblica e di non mettere sul chi vive i terroristi nel caso le task force, incaricate d'intervenire in casi come di questo genere, stiano progettando un'operazione per il recupero del materiale. A rendere il tutto ancor più inquietante s'aggiunge l'incursione messa a segno, sempre dai militanti dell'Isis, nel deposito di Al Muthanna, uno stabilimento cinquanta chilometri a sud di Bagdad, dove erano conservati ingenti quantitativi di residuati chimici dell'era di Saddam. Nei bunker del deposito, attaccato e razziato dall'Isis il 12 giugno scorso, erano ammassati i componenti chimici degradati e resi inerti di 2500 razzi disinnescati dagli ispettori dell'Onu dopo la guerra del Golfo del 1991. Nel bunker 13 del deposito, stando a una lettera inviata dalle autorità irakene alle Nazioni Unite, erano conservate almeno 180 tonnellate di cianuro di sodio, «un componente chimico molto tossico» usato - spiega il rapporto delle autorità di Bagdad all'Onu - come precursore del «tabun», l'agente nervino usato su larga dalle forze di Saddam Hussein nel corso della guerra combattuta negli anni 80 contro l'Iran.

Commenti

Felice48

Dom, 13/07/2014 - 09:41

Sarà la conseguenza dell'invasione dell'Irak da parte degli USA per appropriarsi del loro petrolio. Hanno fatto bingo e noi con loro. Hanno fatto crescere questi signori che nella loro cultura hanno solo la morte.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Dom, 13/07/2014 - 09:59

A richiesta si può fornire ai terroristi tutti gli indirizzi delle varie sedi dei cumunistazzi, pacifessi, centri sociali, pretazzi terzomondisti, onlus, giornali de sinistra, rai tre, la7, ecc.. Saranno felicissimi di ospitare gli ordigni e immolarsi per la causa del jihad islamico che sostengono in odio all'occidente e al sionismo.

Raoul Pontalti

Dom, 13/07/2014 - 10:38

Hanno messo le mani su materiale nucleare per lo più di interesse medico e per la ricerca, è come se avessero svaligiato un centro di medicina nucleare o un istituto universitario di ricerca nucleare da noi: materiale più pericolo per chi lo maneggia incautamente che per il nemico. Un eventuale ordigno sporco dovrebbe anche essere lanciato sull'obiettivo e i vettori (missili o aerei o anche cannoni) non sono alla portata di questi signori. Il pericolo è dunque ambientale più che militare. Va detto che ci voleva tutta l'imbecillità dei governanti attuali dell'Iraq per gettare gran parte della comunità sunnita nelle mani di quella gente prezzolata da CIA, Mossad, etc.. Ora prima ancora di una energica azione militare (condotta da chi? l'esercito irakeno essendo al livello del nostro all'epoca dell'8 settembre...) serve una opportuna azione politica nei confronti della comunità sunnita per farla rientrare nell'ambito delle istituzioni dello Stato. Ma prima ancora serve che l'Iraq si liberi del giogo yankee che è sia l'origine di questi guai che la causa di mantenimento di questa situazione anche per quanto avviene in Siria.

Ritratto di danutaki

danutaki

Dom, 13/07/2014 - 11:13

Sembra che la priorità assoluta sia fornirne una ad Hamas !!

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 13/07/2014 - 12:03

NON VI PREOCCUPARE QUEL GENIO DI OBAMA RISOLVERA' PRESTO LA SITUAZIONE.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 13/07/2014 - 12:04

KI SAREBBE PAGATO DALLA CIA E DAL MOSSAD ? L'ISIS ? A PONTARTI MAKKE TE SEI FUMATO ??

agosvac

Dom, 13/07/2014 - 13:05

Egregio pontalti, lei è in grosso errore. Per fare scoppiare una bomba sporca non è necessario avere un missile, basta costruirla e trasportarla nel luogo scelto.

agosvac

Dom, 13/07/2014 - 13:24

Rivolgersi all'Onu per aiuto è del tutto inutile. L'onu è un'organizzazione fine a sè stessa, non ha alcun potere nè decisionale nè d'intervento rapido. Non ha un esercito proprio, non ha capacità decisionale, dipende solo ed esclusivamente dalle decisioni dei suoi aderenti con la palla al piede delle famose cinque potenze che hanno il diritto di veto. In pratica l'Onu, così come è attualmente, non funziona nè può funzionare. Un vero organismo sovranazionale dovrebbe essere del tutto indipendente, dovrebbe poter decidere e dovrebbe essere diretto da una persona di non alto ma altissimo livello, cosa che attualmente non c'è. L'onu attuale è solo un enorme sperpero di soldi pubblici. Se la si volesse realmente fare funzionare, ma questo non lo vogliono per prime le grandi potenze mondiali, la si dovrebbe dotare di libertà di scelta, di capacità d'intervento rapido, di un proprio esercito e di una direzione realmente capace.In pratica dovrebbe essere del tutto indipendente dalle nazioni che ne fanno parte.

gian paolo cardelli

Dom, 13/07/2014 - 13:42

Sara' un gran giorno quando gli imbecilli che continuano a dare la colpa sempre e solo agli "yankees" diventeranno una minoranza insignificante della popolazione occidentale, ma e' un giorno purtroppo molto lontano: l'indole predominante nel vecchio continente rimane propensa a cercare "l'uomo forte che ci guidera' verso un radioso avvenire"...

Linucs

Dom, 13/07/2014 - 13:52

"per la causa del jihad islamico che sostengono in odio all'occidente e al sionismo" Per carità del Cristo non mi metta "occidente" e "sionismo" nella stessa frase, non mescoliamo una cultura millenaria con la sete di sangue di quattro rabbini con la bava alla bocca.

Ritratto di federalhst

federalhst

Dom, 13/07/2014 - 14:11

Ben inteso che l'allarmismo è inutile poichè questi gruppetti di fanatici sanno bene che se utilizzassero un ordigno del genere sull'occidente sarebbero spazzati via dalle termonucleari americane in men che non si dica. Aggiungo : @Mario Galaverna le suggerisco di moderare il consumo di alcolici, almeno nelle prime ore del mattino.

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Dom, 13/07/2014 - 14:14

@Raul Pontalti, chiedi una energica azione militare alla Pinotti, siamo anche noi Italiani in pericolo! Ti consiglio inoltre di entrare in un laboratorio di medicina nucleare, estrarre dai contenitori un po di Iodio 131 e rimanere li vicino qualche tempo a leggere l'Unità o Repubblica, ovviamente senza missili,aerei o cannoni,ti consiglio però la Tiroxina....

alberto_his

Dom, 13/07/2014 - 14:44

@federalhst: di grazia, dove la faresti piovere queste termonucleari made in USA? Questa gente, ammesso abbia le capacità e l'intenzione di portare avanti un attacco "sporco", è gente senza patria, un'accozzaglia di tagliagola prezzolati, indottrinati e addestrati per guerre conto-terzi in determinati scenari. Se ora agiscono in apparente autonomia tra Iraq (dove operano in momentanea associazione a milizie sunnite locali ed ex-baathisti) e Siria certo non possono essere i siriani e gli iraqeni a pagarne le conseguenze.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Dom, 13/07/2014 - 15:57

Linucs, chiedo venia. I rossi sostengono il Jihad in odio all'occidente va meglio?alberto_his, i cosidetti tagliagole sono jihadisti indottrinati nelle moschee salafite all'intepretazione sanguinaria del corano. Chi deve pagarne lo scotto se non l'Islam stesso? Voglio ricordarti che tutto un popolo pagò per il nazismo e per il fascismo. dove sta la differenza con l'Islam, nel definirsi religione?

nino47

Dom, 13/07/2014 - 17:28

risposta dell'ONU: aiutati che il ciel t'aiuta!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 13/07/2014 - 20:03

Pontalti, alla epoca dell 8 Settembre sono? mi fai ridere penso tu voglia scherzare,Oggi le guerre non si fanno con le baionette ma con i kamikaze fanatici e fedeli, loro in questo sono alla avanguardia.A loro i finanziamenti non mancano.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 14/07/2014 - 23:42

buri, questi vi purgheranno.Questi sistemeranno anche il Mossad.