Infermiere australiano legato all'Isis arrestato al suo ritorno in patria

Sostiene di essere stato obbligato ad aiutare i jihadisti, ma le autorità sono di un altro avviso. A breve comparirà davanti ai giudici

Che fare con chi va all'estero, per combattere con sigle definite terroriste, e poi decide di tornare in patria? È una delle domande più intricate a cui i Paesi, occidentali e non, si trovano a dover dare una risposta. Una che le autorità australiane sono tornate a porsi, ora che quello che è il primo cittadino a lasciare i ranghi del sedicente Stato islamico, a cui si sarebbe unito, è tornato sulle sponde oceaniche.

Si tratta di Adam Brookman, 39enne infermiere accusato di essersi unito ai jihadisti, accusato di terrorismo, ma che sostiene di essere stato obbligato a mettere la sua professionalità di medico al servizio degli uomini del sedicente Califfo, mentre si trovava in Siria per ragioni umanitarie. Da ieri notte è in manette, fermato al Sidney International Airport per il suo presunto coinvolgimento nella guerra civile siriana.

Padre di famiglia, cinque figli, Brookman si è consegnato alle forze dell'ordine in Turchia, dopo avere lasciato i territori controllati dall'Isis ed è tornato in Australia con l'aiuto della autorità del suo Paese, che hanno già approvato il suo trasferimento a Victoria, nell'Australia meridionale, dove sarà giudicato.

Se l'infermiere punta a negare un suo coinvolgimento diretto nelle attività del gruppo, documenti nelle mani delle autorità australiane, di cui scrive la Associated Press, sostengono invece che non sia neppure limitato alla sola professione medica, ma si sia impegnato in operazioni di pattuglia e abbia aiutato nella preparazione di un possibile atto terroristico.

Sono circa 120 gli australiani che hanno lasciato il proprio Paese per unirsi alle schiere dei jihadisti tra Siria e Iraq. Tra di loro non ci sono soltanto combattenti, ma come nel caso di Brookman - se le accuse saranno provate - anche professionisti di vari settori. Ad aprile Tareq Khamleh, un medico australiano, era comparso in uno dei molti video dell'Isis, tessendo le lodi del servizio sanitario offerto dal sedicente Stato islamico e invitando altri a unirsi a lui.

"I dottori dovrebbero salvare vite - aveva commentato allora il primo ministro australiano, Tony Abbott - non toglierle. È il punto focale dell'etica professionale".

Commenti

Giorgio Rubiu

Sab, 25/07/2015 - 10:44

Lucio di Marzo - Victoria non è una località come sarebbe una città o un villaggio. Victoria è uno Stato la cui Capitale è Meobourne. Pertanto il soggetto in questione non può essere stato trasferito "a" Victoria bensì "nel" Victoria, o, per intero, "nello Stato del Victoria". Tanto Le dovevo per precisione geografico-fisica e per precisione linguistica. Cordialità. Giorgio

linoalo1

Sab, 25/07/2015 - 11:39

Tanto per diminuire i loro seguaci,io proibirei,oltre ai Burqa e similari,anche le barbe lunghe ed incolte sui visi degli Uomini!!!

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Sab, 25/07/2015 - 11:49

Con quel bel barbone da integralista? E poi i musulmani se c'è di mezzo la guerra santa, c'è scritto nel loro "mein kampf", DEVONO mentire agli infedeli (taquiyya), quindi la loro parola é da considerarsi sempre falsa...sarebbe l'ira di aggiornare codici penali e procedure di conseguenza.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 25/07/2015 - 13:15

Ma è cittadino australiano? Se sì fatevene una ragione altrimenti buttatelo fuori dal Vs. paese se non volete trovarvelo sopra di Voi.

gedeone@libero.it

Sab, 25/07/2015 - 15:55

Ma perché questi cxxxxxxi hanno tutti il barbone incolto?

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Sab, 25/07/2015 - 16:25

Andrea B. facciamo fare la barba anche ai francescani a togliere il velo anche alle monache? E perché non imporre pantaloni aderenti agli uomini e minigonne alle donne?

fisis

Sab, 25/07/2015 - 17:22

Non basta, per buttarlo in prigione o espellere, il fatto che sia simpatizzante dell'isis, cioè di un gruppo terroristico feroce che taglia le teste di innocenti? Il fatto che sia medico depone ulteriormente a suo sfavore, in quanto non è uno sprovveduto, ma perfettamente in grado di valutare l'estrema gravità anche solo delle sue simpatie.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Sab, 25/07/2015 - 18:10

gedeone@libero.it: ma è ovvio! Per imitare Gesù Cristo!

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Sab, 25/07/2015 - 19:15

@Omar: dato il suo commento ed il suo nickname, il modo di dire " o ci é o ci fa" si adatta alla perfezione!

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Sab, 25/07/2015 - 19:19

Il fatto che un islamico integralista non sia straniero é un problema facilmente risolvibile: invece dell'espulsione, internamento a tempo indeterminato in campi modello Guantanamo.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Sab, 25/07/2015 - 23:59

Non si capisce perché mai uno che ha il barbone dovrebbe necessariamente essere un (pseudo) islamico integralista. Allora anche molti rabbini lo sono e anche quasi tutti i Pope delle chiese ortodosse!