Il presidente Temer revoca l'asilo a Battisti: estradizione più vicina

Temer revoca lo status di rifugiato a Battisti: c'è l'ordine di estradizione in Italia. Ma i giudici brasiliani potrebbero opporsi e bloccarla

L'estradizione di Cesare Battisti dal Brasile all'Italia ha compiuto un passo avanti. Come riferisce il quotidiano locale Jornal do Brasil, il presidente Michel Temer ha revocato lo status di rifugiato concesso dall'ex presidente Inacio Lula da Silva all'ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo (Pac) e ha dato ordine di estradarlo in Italia sempre che, nel mentre, i giudici del Tribunale Supremo Federale si esprimano contro la limitazione delle libertà personali accettando la richiesta di habeas corpus chiesta dai suoi legali lo scorso 25 settembre quando il governo italiano aveva ripresentato la richiesta di estradizione. La decisione spetta ora al giudice Luiz Fux.

Qualche ora fa ilGiornale aveva incontrato Battisti sul lungomare di Cananéia. Si era dimostrato sfrontato. Ed era tornato a sfidare tutti quanti. "Io, in Italia, non tornerò mai", aveva detto certo di poter contare su quel foglio di carta che gli aveva firmato Lula qualche anno fa. E, con la sua arroganza di sempre, si era pure vantato di poter far qualsiasi cosa volesse, in Brasile. Ma proprio da quel Paese che lo ha accolto è finalmente arrivata una doccia ghiacciata. Il 4 ottobre scorso era stato arrestato al confine con la Bolivia dove, secondo la polizia, voleva scappare. Era stato formalmente fermato perché trovato in possesso di una somma di denaro (6.000 dollari e 3.000 euro) superiore al massimo consentito per attarversare la frontiera. L'8 ottobre un giudice ha accolto richiesta dei suoi legali di rilasciarlo. Ora l'ultimo sviluppo.

In Italia, ad attenderlo, ci son quattro ergastoli. Battisti dovrà fare i conti con quella condanna comminata in contumacia e dovrà pagare per quelle vite strappate durante gli Anni di Piombo. Già nel 2009 il Tribunale Supremo, in seduta plenaria, aveva concesso l'estradizione del terrorista rosso ma aveva anche lasciato l'ultima parola al potere politico. E Lula nel 2010, quale ultimo atto della sua presidenza, aveva bloccato tutto. Ora che non può più godere della protezione di Lula, ha sguinzagliato i legali perché trovino l'ennesimo cavillo legale che gli permetta di non rientrare in Italia. Ora, come sottolinea il Jornal do Brasil, il giudice Fux sarà chiamato a decidere sulla richiesta di habeas corpus in maniera monocratica. Tutto è nelle sue mani.

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 11/10/2017 - 23:06

Tutta SCENAAAA!!! Buenas noches.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mer, 11/10/2017 - 23:26

Possiamo solo sperare che se lo tengano.

killkoms

Mer, 11/10/2017 - 23:28

il cialtrone comunista aveva appena detto che era irrevocabile!

Ritratto di ohm

ohm

Mer, 11/10/2017 - 23:33

Che pagliacciata!

Ritratto di glucatnt73

glucatnt73

Mer, 11/10/2017 - 23:35

Ta-ta-ta-ta-ta: T'ASPETTIAMO!!!!!

Ritratto di alichino

alichino

Mer, 11/10/2017 - 23:44

Non ci crede nessuno. Ai brasiliani si renda la pariglia!

manfredog

Mer, 11/10/2017 - 23:49

..mica scemi questi brasilercios; il governo fa la sua bella figura approvando, per così dire, l'estradizione, ma..i giudici potrebbero opporsi. Questo vuol dire che poi non è colpa del governo, ma di qualche giudice ideologizzato se il batisto non viene più in Italia a scontare la pena..!!..che pena però; un po' come in Italia, dove i giudici si prendono molte colpe (anche giuste la maggior parte delle volte..) ed i politici non sanno niente, no.. le leggi (e gli ordini dall'alto) le faccio io e li do io nel nostro paese, infatti..!!..ah..ah.. mg.

swiller

Gio, 12/10/2017 - 00:02

Esatto solo scena messa in piedi dalla sinistra criminale.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 12/10/2017 - 04:12

La cosa è semplice , andrei a prendere tutti i cittadini brasiliani che si prostituiscono sulle nostre strade e non , e li rispedirei al loro paese di origine con un bel volo charter se non ci danno l'assassino .

Dordolio

Gio, 12/10/2017 - 06:03

Credo che continuiamo ad illuderci. Si porta continuamente l'attenzione sul VECCHIO status di rifugiato di Battisti. Ma si trascura il fatto che lui ha sposato una brasiliana e da lei ha anche avuto una figlia. Non so poi - sul "fronte italiano" - con quali magheggi si riuscirà a trasformare i suoi ergastoli in 30 anni di galera (richiesti per concedere una eventuale estradizione). Che non cambierebbero nulla nella pratica, ma modificherebbero sentenze passate in giudicato. Non mi sembra di aver mai sentito nulla del genere.

Ritratto di nazionalista_sardo

nazionalista_sardo

Gio, 12/10/2017 - 06:37

non credo venga estradato tanto facilmente questo individuo e protetto da una nazione sinistricola☭ senza contare tutti i bananas che giustificano le sue nefandezze

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Gio, 12/10/2017 - 07:31

Nel caso arrivasse in Italia troverà un bel magistrato che gli darà la libertà dopo un paio di giorni di carcere

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Gio, 12/10/2017 - 07:32

Allora? Tenetelo in Brasile che si faccia la vacanza lontano da Noi per non rovinarci il fegato dato che sopo poco se ne andrà a spasso per le Nostre Città con questo Governo di comunisti solidi complici e dei Magistrati compiacenti; una buona condotta e oplà eccolo ad insegnare all'Università. Forza Italia. Shalòm P.S. Non si dica che sono pessimista ma guardateVi intorno e ditemi se c'è più Religione?

mstntn

Gio, 12/10/2017 - 07:34

Questo in Italia sarà candidato al Parlamento in area sx ovvio.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Gio, 12/10/2017 - 07:58

Come insegnavano in URSS ai nostri politici che andavano a prendere direttive e soldi,i giudici sono parte attiva ed importantissima del sistema comunista,è facile cosi' bloccare tutto.Un presidente è una meteora,un giudice è come la luna,sta sempre li'.Speriamo che questo assassino arrivi presto da noi e messo in isolamento a vita.

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 12/10/2017 - 09:07

Carla Bruni piange

Ritratto di ALEX FORTY

ALEX FORTY

Gio, 12/10/2017 - 09:14

C'è un ma .... (se i giudici ....) e intanto quello se ne va in Bolivia ...... mandare un gruooetto sei corpi speciali a prelevarlo .... no ???? (già ... è un compagnuzzo ...)

MOSTARDELLIS

Gio, 12/10/2017 - 09:25

Ma che cavolo di procedimenti ha la magistratura brasiliana? Con Lula la Corte Suprema aveva dato via libera all'estradizione e poi lui si era opposto. Questa volta il Presidente da via libera e poi dovrà decidere la magistratura... boh... si decidessero una buona volta.

Ritratto di venividi

venividi

Gio, 12/10/2017 - 09:53

Se lo tengano ma in prigione per i 4 ergastoli, senza possibilità di uscire

Boxster65

Gio, 12/10/2017 - 10:02

State tranquilli che fugge prima dell'estradizione. Pronto a scommetterci.

compitese

Gio, 12/10/2017 - 10:03

W il Mossad W !!

DRAGONI

Gio, 12/10/2017 - 10:07

SE GLI PIACE IL CAFFE' DOVRA' FARE ORA MOLTA ATTENZIONE A BERNE POICHE' I SUOI COMPAGNI/PROTETTORI DELLA SUA DORATA LATITANZA FARANNO A GARA AD OFFRIRGLIENE, SOPRATTUTTO SE VERRA' ESTRADATO IN ITALIA!!