Il Myanmar sta sotterrando mine sulla via di fuga dei rohingya

270mila rohingya in fuga dalle violenze nello stato di Rakhine. E ora su San Suu Kyi una nuova accusa per l'utilizzo di mine antiuomo

Sono 270mila i musulmani della minoranza rohingya in fuga dal Myanmar, spinti verso la frontiera con il Bangladesh da scontri che nello stato di Rakhine si fanno sempre più intensi e tra notizie di stragi e villaggi dati alle fiamme.

Una marea umana che si muove verso il confine, e che secondo Amnesty International deve ora fare in conti con un altro pericolo: le mine anti-uomo che le forze di sicurezza del Paese di Aung San Suu Kyi hanno iniziato a sotterrare nella zona vicino al confine e che già hanno fatto una vttima e ferito tre persone, tra cui due bambini, nelle scorse settimane.

Una crisi condannata dalla comunità internazionale quella a cui si sta assistendo in Myanmar, con molti che chiedono il Premio Nobel per la pace sia tolto all'ex dissidente San Suu Kyi, che accusa i rohingya per l'esplodere delle violenze, ricordando che 12 uomini delle forze di sicurezza sono stati uccisi ad agosto da milizie legate alla minoranza musulmana, che da decenni vive senza diritti.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 09/09/2017 - 14:28

A quanto pare,le mine le avevano messe per non farli entrare...Ora che escono,dovrebbero toglierle....a meno che ne escano 2 e ne vogliano entrare altri 10....Di Amnesty International,mi fido poco.Comunque sia,questo è il risultato,che dopo secoli di tradizioni,di culture locali,l'inserimento di altre,che sono in aperto contrasto(con risvolti politici ed economici,che inevitabilmente si innescano),genera solo caos,e siccome la "tolleranza" è sostenuta dalla "convenienza",quando quest'ultima viene a mancare,avviene il rigetto.

Malacappa

Sab, 09/09/2017 - 14:35

Adesso andiamo a prendere pure questi.

Ritratto di ErmeteTrismegisto

ErmeteTrismegisto

Sab, 09/09/2017 - 16:08

Strano che il giornale fornisca questa versione dei fatti Il fatto è che Nobel della pace o no, Buddismo o no , con certi popoli bisogna agire duramente prima che sia troppo tardi. Il monaco buddista Ashin Wirathu ha detto "è necessario essere persone gentili e amorevoli, ma non è possibile dormire accanto a un cane rabbioso.." ed i cristiani avrebbero di che imparare

marinaio

Sab, 09/09/2017 - 16:27

Ormai è lampante che il premio Nobel è diventato come la coppa del nonno. La presidente a cui è stato assegnato il Nobel per la pace si sta dimostrando una sanguinaria. Del resto non dimentichiamo i Nobel ad Al Gore che lo usò a fini commerciali, Obama al quale venne assegnato solo sulla base di alcune parole, per non parlare di Dario Fo e Bob Dylan che con la letteratura c'entrano come i cavoli a merenda . È diventato il premio più politicizzato in circolazione.

bruco52

Sab, 09/09/2017 - 16:43

non li vogliono, perché non appartengono a loro, alla loro cultura, alla loro visione della vita....li respingono e rispondono alla loro violenza con la violenza...non siamo tutti europei pecoroni, buonisti e cattocomunisti...

venco

Sab, 09/09/2017 - 16:52

Se li cacciano malamente vuol dire che devono aver rotto enormemente le scatole.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 09/09/2017 - 20:45

pare proprio che i musulmani restino sulle scatole a tutto il resto del mondo (a parte massoneria, PD e cooperative)

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 10/09/2017 - 14:03

Squallido occidente ... lo stesso occidente che ha aggredito Iraq, Libia, Siria...con milioni di morti... l'occidente che sostiene Sion e Saud.... questo occidente oggi attacca la Birmania perché non assiste passivamente alle violenze degli islamici.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 10/09/2017 - 14:05

Credevano che la famosa e celebrata Aung San Su Kyi avrebbe fatto il gioco di Washington. Perciò i media di regime occidentali la esaltavano. Invece questa è amica della Cina. Contrordine, liberi media occidentali.... la Suu Kyi è il diavolo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 10/09/2017 - 14:07

Anche in Birmania gli USA sostengono gli islamici. L'obiettivo è destabilizzare il paese perché è in ottimi rapporti con la Cina. Il Grande Satana passa da una destabilizzazione all'altra.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 10/09/2017 - 14:24

La Birmania è buddhista e ha ogni diritto a cacciare gli islamici. Impariamo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 11/09/2017 - 11:31

La Cina sta investendo miliardi in progetti energetici di immenso valore strategico in Myanmar. Ora, ormai sappiamo chi usa l'estremismo islamico per destabilizzare paesi non allineati. Guardacaso si sa che Soros sta dietro alla faccenda.