Svolta storica, Obama apre a Cuba: scambio di prigionieri e inizio nuove relazioni diplomatiche

Dopo 52 anni sta per finire l'embargo degli Stati Uniti. Scambio di prigionieri tra i due Paesi. E nuova fase nei rapporti. Presto riaperta ambasciata Usa all'Avana

Il 17 dicembre è una data che segna una svolta storica nei rapporti tra Stati Uniti e Cuba. In un messaggio in diretta tv Barack Obama lo ha detto chiaro e tondo: "Questi 50 anni ci hanno mostrato che l'isolamento di Cuba non ha funzionato. Siamo pronti a iniziare un nuovo capitolo nelle relazioni". Il presidente ha dato incarico al segretario di Stato John Kerry di iniziare le trattative con Cuba, rilanciando le relazioni diplomatiche interrotte nel gennaio 1961. Nei prossimi mesi l'ambasciata americana sarà riaperta nella capitale dell'isola caraibica. L'Avana e Washington Dc "lavoreranno su questioni di interesse comune", spiega una nota della Casa Bianca, citando l'immigrazione, la lotta contro il traffico di droga, la protezione ambientale e il traffico di esseri umani. Gli Stati Uniti rivedono le restrizioni ai viaggi e al trasferimento di denaro con Cuba. Qualche ora prima era uscita la notizia dello scambio di prigionieri tra Washington e L'Avana. Il contractor americano Alan Gross è stato rilasciato da una prigione di Cuba, Paese in cui era detenuto da 5 anni.

Alla fine del discorso Obama si è rivolto direttamente ai cubani e parlando in spagnolo ha detto: "L'America tende una mano amica" perché "todos somos americanos", ovvero "siamo tutti cittadini delle Americhe". Il presidente invita ad andare oltre l'eredità del "colonialismo e del comunismo". Per Obama "è tempo per un nuovo approccio verso Cuba". Quasi contemporaneamente al discorso del presidente Usa è intervenuto, con un messaggio in diretta tv, anche Raul Castro: ha annunciato che, con il suo omologo americano, è stato raggiunto un "accordo sul ripristino delle relazioni diplomatiche" tra i due Paesi, interrotte da più di mezzo secolo. Ma ha tenuto a precisare che "questo non vuol dire che il (problema) principale, l'embargo economico, sia stato risolto". Fra le divergenze che permangono, nominate da Castro, ci sono la questione dei diritti umani, quella della sovranità e la politica estera. Ma il leader cubano ha sottolineato che Usa e Cuba devono imparare a vivere con queste differenze "in maniera civile". Castro ha poi confermato che il suo governo ha deciso "per motivi umanitari il ritorno al suo paese del cittadino americano Alan Gross", la liberazione di "persone riguardo alle quali gli Usa avevano espresso il loro interesse" (si tratta di 56 prigionieri politici detenuti nell'isola, ndr) e di "una spia di origine cubana", in prigione da 20 anni.

Ma torniamo al prigioniero americano liberato dai cubani. Sessantacinque anni, collaboratore di Usaid, Gross era stato arrestato nel 2009 mentre distribuiva materiale elettronico alla comunità ebrea dell’Avana. Condannato a 15 anni di prigione per spionaggio, le sue condizioni di salute non erano buone. Della sua liberazione si era già parlato alla vigilia del Natale 2011, quando Raul Castro aveva promesso un indulto per 2900 detenuti in vista della visita del Papa sull'isola. Ma alla fine era saltata.

Ora Gross è tornato a casa. Come rivela Abc News la trattativa tra Washington e L'Avana è andata avanti per un anno e mezzo, con un ruolo decisivo svolto dal Vaticano ("Voglio ringraziare papa Francesco" per il ruolo svolto nel riavvicinamento tra Usa e Cuba", ha detto Obama). Tecnicamente il rilascio di Gross avviene a seguito di uno "scambio di prigionieri". Per la sua liberazione, infatti, gli Usa hanno accettato di far uscire dal carcere tre agenti cubani detenuti in America per spionaggio. I tre facevano parte del cosiddetto gruppo de "Los Cinco", rete di spie inviata da Fidel Castro nel sud della Florida. I cinque, considerati eroi in patria, furono condannati nel 2001 a Miami per cospirazione e mancata registrazione come agenti stranieri negli Usa (altri due membri del gruppo erano già stati rilasciati). In base all'accordo oltre a Gross Cuba dovrebbe liberare 53 prigionieri politici. Da parte sua Washington toglierà Cuba dalla lista nera dei paesi legati al terrorismo internazionale (i cosiddetti "Stati canaglia"). Secondo indiscrezioni, Obama annuncerà che le carte di credito americane potranno essere usate a Cuba e aprirà all’esportazione verso il paese di attrezzature per telecomunicazioni.

L'amministrazione Obama ha sempre considerato la carcerazione di Gross come un ostacolo al miglioramento delle relazioni con Cuba. Questa svolta potrebbe spianare la strada a colloqui di più ampio respiro. Secondo alcuni osservatori anche alla fine dell'embargo posto da Washington su Cuba nel 1962. Ma sarebbe prematuro parlarne ora, anche se il cammino è avviato. Di sicuro i Repubblicani non intendono sentir parlare di accordi al ribasso né tantomeno di fine dell'embargo, almeno fino a quando il regime resterà ben saldo nelle mani dei castristi. "I rapporti fra Stati Uniti e Cuba non devono essere rivisti - afferma lo speaker della Camera, il repubblicano John Boehner -. La svolta annunciata dal presidente americano è una "concessione stupida". Ma in base al Trade with Enemy Act (che risale al 1917) il presidente ha il potere di limitare in tutto o in parte il commercio con i Paesi considerati ostili (e quindi revocare tale decisione) senza l'approvazione del Congresso.

La soddisfazione del Papa

"Il Santo Padre - afferma la segreteria di Stato vaticana, guidata dal cardinale Pietro Parolin - desidera esprimere vivo compiacimento per la storica decisione dei Governi degli Stati Uniti d'America e di Cuba di stabilire relazioni diplomatiche, al fine di superare, nell`interesse dei rispettivi cittadini, le difficoltà che hanno segnato la loro storia recente. Nel corso degli ultimi mesi, il Santo Padre Francesco ha scritto al Presidente della Repubblica di Cuba, Raul Castro, ed al Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, per invitarli a risolvere questioni umanitarie d'interesse comune, tra le quali la situazione di alcuni detenuti, al fine di avviare una nuova fase nei rapporti tra le due Parti. La Santa Sede, accogliendo in Vaticano, nello scorso mese di ottobre, le delegazioni dei due Paesi, ha inteso offrire i suoi buoni offici per favorire un dialogo costruttivo su temi delicati, dal quale sono scaturite soluzioni soddisfacenti per entrambe le Parti. La Santa Sede continuerà ad assicurare il proprio appoggio alle iniziative che le due Nazioni intraprenderanno per incrementare le relazioni bilaterali e favorire il benessere dei rispettivi cittadini".

Commenti

Mr Blonde

Mer, 17/12/2014 - 16:06

Del resto non c'è paese al mondo che si fa più i caxxi suoi di cuba

Mr Blonde

Mer, 17/12/2014 - 16:06

Del resto non c'è paese al mondo che si fa più i caxxi suoi di cuba

marinaio

Mer, 17/12/2014 - 16:13

L'accerchiamento della Russia si sta completando. Obama pur di far fuori Putin è disposto a trattare anche con i comunisti!!!!

Ritratto di nonmollare

nonmollare

Mer, 17/12/2014 - 16:40

marinaio...ma quale accerchiamento a Putin!!!! sta solo rompendo le uova ai Repubblicani in vista del prossimo presidente. E' chiaro che certi blocchi anacronistici li rimuove lui, agli altri resta poca polpa per fare i "belli" appena insediati.

linoalo1

Mer, 17/12/2014 - 16:49

Dopo tante cappelle,il povero Obama cerca disperatamente di far risalire il suo indice di gradimento!Ma,ormai,è finita la pacchia!Gli Americani,non lo vogliono più!Lino.

michele lascaro

Mer, 17/12/2014 - 16:55

La voglia di fare una vacanza a Cuba prende anche Obama. Ma non sarebbe meglio mettersi d'accordo con Putin? E se allo zar saltassero i nervi che succederebbe?

Ritratto di vomitino

vomitino

Mer, 17/12/2014 - 17:38

mai piaciuto e mai piacerà questo "abbronzato"...

gcf48

Mer, 17/12/2014 - 17:42

michele lascaro ha ragionissima

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 17/12/2014 - 17:50

Certo che ormai Cuba senza la potenza sovietica dietro e' una barzelletta comunista. Resta il problema della violazione della libertà e dei diritti umani, ma al negro che frega, per la sua visione geopolitica va bene cosi'.

Totonno58

Mer, 17/12/2014 - 18:02

Seconda bella notizia della giornata...dopo il pronunciamento sullo Stato palestinese anche il disgelo tra USA e Cuba (un po' faziosetto il titolo sullo "sdoganamento" da parte di Obama, eh?)!!:)

82masso

Mer, 17/12/2014 - 18:12

stenos... Mi sà che al "negro" preoccupi più casa sua per quanto riguarda "violazione della libertà e dei diritti umani".

Atlantico

Mer, 17/12/2014 - 18:17

Obama ottimo: in pochi giorni sta lasciando un segno importante a livello planetario. L'embargo era a dir poco anacronistico. E pare ci sia dietro la mano di papa Francesco.

Ritratto di CCCP

CCCP

Mer, 17/12/2014 - 18:20

Bravo Obama, e se vai a Cuba inchinati al Líder máximo !!!

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Mer, 17/12/2014 - 18:32

@exCCCP, il lader maximo è silvio.

albertzanna

Mer, 17/12/2014 - 18:48

Ma che buffone che è quest'uomo!! Ha avuto a disposizione 6 anni per fare cose mirabolanti, facendo solo danni, e solo ora che si sta rendendo conto che non conta più nulla, se ne viene fuori a volere riconoscere Cuba. Si vede che i democratici liberals sono alla frutta: persa la House per la seconda volta, perso il Senato ora provano a dare via libera alla invasione dei cubani, sperando che loro riescano dove ha fallito l'abbronzato, distruggere la democrazia in USA. Che negro superfassullo. AZ

pier47

Mer, 17/12/2014 - 18:50

buonasera, addio Cuba,assorbirai tutti i mali americani e diventerai una loro colonia.Grazie Raul!!!

Eraldusik

Mer, 17/12/2014 - 18:52

Se c'è davvero la mano del papa, la vedo brutta per Putin.

Eraldusik

Mer, 17/12/2014 - 18:54

Avrei preferito vedere Putin concordare basi missilistiche nel giardino dell'abbronzato!!!!!!!!

82masso

Mer, 17/12/2014 - 19:15

Ma il grande Putin e del suo forte rublo non si menziona in questo giornale? Sarebbe l'ennesimo mito che si sgretola, vero bananas?

claudio63

Mer, 17/12/2014 - 19:16

mr blonde: cuba paese che si fa i cxxi suoi? mai stato in Angola?Ethiopia? Eritrea? Philippine? Sumatra? indonesia?ero in Angola ed Ethiopia per lavoro negli anni 80, non esattamente gitanti e turisti , per quello che ho incontrato io. cordialita'.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mer, 17/12/2014 - 20:00

Questo negro va neutralizzato. Nonostante gli americani gli hanno detto chiaramente che non lo vogliono più, questo continua impunito, a far di tutto per portarci in una terza guerra mondiale. Repubblicani muovetevi se non lo bloccate la prossima guerra ve la farete voi da soli.

gcf48

Mer, 17/12/2014 - 20:10

claudi63 concordo pienamente. personalmente ho conosciuto ufficiali cubani che hanno combattuto in angola.

Ritratto di CCCP

CCCP

Mer, 17/12/2014 - 20:20

@riccio.lino.por: Silvio? AHAHAHAHAHAHAH

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 17/12/2014 - 20:27

Bellissima notizia !!!

Ritratto di utentegiornale12

utentegiornale12

Mer, 17/12/2014 - 20:43

Eccola qua la ciliegina sulla torta dopo il nobel per la pace. L'economia USA va a gonfie vele, la copertura santaria universale c'e', svolta ambientalista e contemporaneamente indipendeza energetica, Russia lasciata in mutande e Putin che a breve salta per aria. Chamatelo pure abbronzato...

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Mer, 17/12/2014 - 21:21

...leggevo tempo fà commenti su articoli economici e di superpotenze...molti scrivevano che la Cina,la Russia avevano superato gli Stati Uniti o erano li x farlo.....eccovi servito come su un piatto il conto....sono troppo avanti agli altri....

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 17/12/2014 - 23:58

Ottima notizia per i cubani che potranno finalmente andarsene da Cuba. Sempre che il loro "leader maximo" si decida a sciogliere le catene. MIA FIGLIA, DOPO UN VIAGGIO A CUBA, AVEVA MANDATO ALLA FAMIGLIA CHE L'AVEVA OSPITATA UN PACCO DI REGALI CON GENERI CHE A LORO MANCANO. Il governo ha imposto ai destinatari di rispedirlo indietro perché pretendeva una tassa di 100 (cento) dollari USA per la consegna. QUESTA È LA DEMOCRAZIA DEI COMUNISTI.

gcf48

Gio, 18/12/2014 - 00:07

utentegiornale12 scommettiamo chi salta per aria prima?

un_infiltrato

Gio, 18/12/2014 - 01:11

@ marinaio - Mer, 17/12/2014 - 16:13 - Ma che stai addì? Che film hai visto? Vedi che hai sbagliato cinema, informati. Qui la svolta storica ha avuto luogo solo grazie a Francesco. Hai capito o no?

Otaner

Gio, 18/12/2014 - 07:38

E proprio una bella notizia. Speriamo che tutte le nazioni del mondo possano vivere in pace fra loro secondo lo spirito della fratellanza che porterà gli uomini della terra, in primis, alla fine delle guerre che hanno martoriato il nostro mondo fin da quando l'uomo uscì dalle caverne e dalle palafitte. La pace unoversale contribuierà al raggiungimento del bene comune per tutto il genere umano

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Gio, 18/12/2014 - 08:31

L'hanno capito anche i piu' cretini che questa scelta serve a contrastare le iniziative diplomatiche della Russia che cerca un riavvicinamento a Cuba. Merito di papa Francesco. Ridicolo....

vince50_19

Gio, 18/12/2014 - 08:40

o tempora, o mores..

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 18/12/2014 - 08:59

Ehi, kompagni, cosa ne dite ? Un'altro "paradiso socialista" che si converte all'inferno capitalista ? Chiedervi di aprire gli occhi è fiato sprecato perché proprio non volete. Comunque contenti voi ... Il mondo, da sempre, si regge sul concetto di domanda e offerta. Questa può essere sfrenatamente liberista, ed é un male, o soppressa, per legge, altro male, ma non la si potrà mai cancellare, perché è alla base di ogni azione umana.

onurb

Gio, 18/12/2014 - 09:09

Sono tutti americani, d''accordo. Ma prima ancora siamo tutti cittadini di questo mondo e allora Obama dovrebbe provare a rappacificarsi anche con Putin e la Russia.

onurb

Gio, 18/12/2014 - 09:13

Visto che Papa Francesco è riuscito a mettere d'accordo Cubani e USA, i primi hanno dato un prigioniero ai secondi e questi hanno restituito tre prigionieri, lo pregherei di intervenire nel caso dei marò: noi ci prendiamo i due militari italiani e in cambio rimandiamo a casa tutti gli Indiani che stanno in Italia. Eventualmente, poi, il discorso potrebbe ampliarsi anche a tanti extracomunitari.

nerinaneri

Gio, 18/12/2014 - 09:15

...ehhhh!...ci sono i komunisti buoni (cuba) e ci sono i komunisti kattivi (putin)...bravo obama! (chissà se oggi passa?)...

alberto_his

Gio, 18/12/2014 - 09:58

Non so se sia proprio una buona notizia per Cuba, si vedrà...

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Gio, 18/12/2014 - 10:05

Ennesima pagliacciata di un uomo tutta immagine e niente sostanza. Obama ridicolo...

Pigi

Gio, 18/12/2014 - 10:08

Chiamalo scemo. Ha seminato zizzania in tutto il mondo, tranne che dalle sue parti: ora l'America è una delle zone più tranquille nel mondo. L'Europa, invece, da pacifica che era, ha ricreato un muro contro la Russia e si trova con una guerra civile in Ucraina. Abbiamo appoggiato le "primavere arabe", così la Libia è nel caos e ci manda clandestini su clandestini. C'è poco da fare: la grande sconfitta è l'Europa, con noi italiani più sottomessi che mai.

vince50_19

Gio, 18/12/2014 - 10:43

alberto_his - Sicuramente il compagno Amquack, quello dei diari della motocicletta (vds. Alvaro Vargas Llosa), negli appunti di Regis Debray (suo braccio destro) e altri che lo hanno "osannato" (...) si starà rigirando nella tomba. Giusto?

BlackMen

Gio, 18/12/2014 - 10:58

bobirons: spero di non deluderla comunicandole una verità che cambierà la sua visione del mondo-. Il socialismo moderno ha sdoganato i concetti di domanda ed offerta da anni. C'è rimasto solo lei e qualche altro "boccalone" che ritiene che, essere di sinistra oggi, significhi rinunciare alla libertà di impresa e di arricchimento.

onurb

Gio, 18/12/2014 - 18:08

BlackMen. Penso che di boccaloni ce ne siano molto pochi. Avendo visto gli agi a cui da anni si sono dati i sinistrorsi, specie quelli in politica, anche quei pochi boccaloni, come lei li chiama, che erano rimasti hanno aperto gli occhi.

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 18/12/2014 - 19:51

@ BlackMen _ Ma lei c'é o ci fa ? Se è vero che i sinistrati si sono convertiti al dio profitto, è un'ulteriore conferma del mio assunto. Del resto l'ideologia comunista, o socialismo reale lo chiami come vuole, ha per presupposto l'abolizione della domanda/offerta a fronte di uno stato che si ritiene in grado di potere e dovere fornire a ciascuno secondo sue necessità. Teoria talmente perfetta da essere umanamente inapplicabile come dimostrato ovunque. Incidentalmente, visto che non ci conosciamo, ne ho desiderio di conoscerla, del boccalone lo vada a dare ai suoi kompagni e porti rispetto, anche formale, a persone che conosce solo per i commenti - sempre educati i miei, salvo rarissime occasioni di ritorsione quando tirato per le orecchie da dei cafoni maleducati.

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Gio, 18/12/2014 - 20:43

Ci sono tutti! Bleach merd richiio Lino bimbominchia 82casso Mr sbronz.....da vomitare! Tutti lì a fare lavaggio anale con la lingua a frank merdoglio radici obamba e la allegra dinastia castro

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 18/12/2014 - 21:28

Finché aprono gli occhi nxxla di male. Il guaio é quando incominciano ad aprire il cxxo. Sai che puzza?