Oggi si vota in New Hampshire

Bernie Sanders per i Democratici e Donald Trump per i Repubblicani: stando a tutti i sondaggi la loro sarà una vittoria annunciata nelle primarie del New Hampshire. Salvo sorprese. Grande attesa per sapere chi tra i repubblicani conquisterà il "podio"

Urne aperte nel New Hampshire, con gli elettori democratici e repubblicani chiamati a esprimere la loro preferenza sul candidato per la Casa Bianca. Ci sono tre incognite: gli indipendenti, gli indecisi e il tempo (o meglio, la neve). Nello Stato del granito i vincitori hanno già incoronato i vincitori: Donald Trump, in testa con oltre 31%, dovrebbe staccare tutti gli altri repubblicani con un distacco di oltre 16 punti. Sul fronte democratico, invece, Bernie Sanders dovrebbe imporsi con 10-13 punti di distacco su su Hillary Clinton (53,3% contro il 40,5%). Tra poche ore vedremo se i sondaggi avranno azzeccato la previsione.

Grandissima attenzione sul podio repubblicano: se Trump vuole vincere in modo rotondo, per rifarsi dello smacco subito da Ted Cruz in Iowa, resta da vedere chi arriverà più vicino a lui, e con quali percentuali. A giocarsela sarebbero in quattro: Cruz, Rubio, Kasich e Bush. Il sito RealClearPolitics.com, che elabora una media dei sondaggi, prevede il secondo posto di Rubio con il 14% dei voti, seguito da John Kasich, governatore dell'Ohio, con il 13,5%. Cruz avrebbe l'11,8%, davanti a Bush (11,5%). A seguire Christie (5,8%), Fiorina (4,8%) e Carson (2,8%).

Nel piccolo stato del New Hampshire (1,3 milioni di abitanti) gli indipendenti sono oltre il 40% dell’elettorato. Per quetso, trattandosi di primarie aperte, si comprende subito come possono essere decisivi. A differenza di altri casi, infatti, in New Hampshire chi non è registrato come repubblicano o democratico può comunque partecipare al voto. A rendere ancora più difficili le previsioni è l'alta percentuale di indecisi, pari a circa il 30%.

Infine c'è il fattore climatico da non sottovalutare. Alcune forti nevicate lunedi sera hanno imbiancato le strade, con temperature glaciali e venti artici. Questo potrebbe tenere lontane le persone dalle urne. Sul fronte democratico, dopo la vittoria per un pugno di voti nell’Iowa, Hillary Cliton dovrà limitare i danni. Sa che parte sfavorita e, non a caso, negli ultimi comizi l’ex first lady ha fatto appello agli indecisi, facendosi aiutare anche dal marito. "Quando fai una rivoluzione non puoi essere troppo attento ai fatti", ha ammonito Bill a proposito della "rivoluzione" promessa dal socialista Sanders.

Annunci

Commenti
Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mar, 09/02/2016 - 14:55

Spero solo che gli americani ci ripensino. Trump l'é matt.

alox

Mar, 09/02/2016 - 21:38

Ci vuole un uomo forte, un Dittatore come Putin, solo un po’ piu’ alto!

alox

Mar, 09/02/2016 - 21:42

...ma e' vero che vogliono abolire le elezioni nel paradiso Russo? D'altra parte cosa servono il piccolo profeta ormai ce l'hanno.....e se lo tengono! Evgeny Tunik