Il Papa ai cristiani perseguitati in Iraq: "Siete il cuore della Chiesa"

Bergoglio durante l'udienza generale: "La Chiesa vi è vicina e soffre con voi, è fiera di voi". SOSTIENI IL REPORTAGE

Papa Francesco torna a far sentire la propria vicinanza ai cristiani perseguitati in Iraq. Lo fa parlando in una piazza San Pietro con quasi 50.000 pellegrini e turisti raccolti davanti alla Basilica Vaticana."Siete nel cuore della Chiesa - dice il pontefice durante l'udienza generale - la Chiesa soffre con voi ed è fiera di voi. Fiera di avere figli come voi. Siete la sua forza e la testimonianza concreta e autentica del suo messaggio di salvezza, di perdono e di amore, vi abbraccio tutti, tutti, il Signore vi benedica e protegga sempre".

Nel rivolgere il benvenuto ai pellegrini di lingua araba, "in particolare a quelli provenienti dall’Iraq", il Papa sottolinea che "la Chiesa è madre e come tutte le madri sa accompagnare il figlio bisognoso, sollevare il figlio caduto, curare il malato, cercare il perduto e scuotere quello addormentato e anche difendere i figli indifesi e perseguitati".

In occasione dei 75 anni dell’inizio della Seconda guerra mondiale, Bergoglio ha voluto affidare "alla misericordia di Dio coloro che hanno perso la vita per amore della patria e dei fratelli, e invochiamo il dono della pace per tutte le nazioni dell’Europa e del mondo. Oggi specialmente abbiamo bisogno di pace".

Il Papa ha toccato anche un altro tema che gli sta particolarmente a cuore. "Con il lavoro non si gioca. Chi per motivi di denaro e di affari, per guadagnare di più, toglie il lavoro, sappia che toglie la dignità alle persone". È il monito che lancia il pontefice al termine dell’udienza generale. "Al centro di ogni questione, anche di quella lavorativa, va sempre posta la persona e la sua dignità - ricorda il Papa, salutando in particolare gli operai delle acciaierie di Terni della Thyssenkrupp - Ancora una volta rivolgo un accorato appello affinché non prevalga la logica del profitto ma quella della solidarietà e della giustizia".

 

Commenti

beowulfagate

Mer, 03/09/2014 - 12:45

Purtroppo tu non ne sei il cervello.

moshe

Mer, 03/09/2014 - 12:46

Il Papa ai cristiani perseguitati in Iraq: "Siete il cuore della Chiesa" ..... ..... ..... peccato che i morti non lo possano sentire, sai come sarebbero contenti!

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Mer, 03/09/2014 - 13:02

mi pare che più che il cuore questi poveri perseguitati siano il "culo della Chiesa

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 03/09/2014 - 13:04

Niente affatto caro Papa Furbesco. I Cristiani perseguitati in Iraq, e non solo in Iraq, sono non "Il cuore della Chiesa", ma le vittime innocenti della detestabile politica ipocrita vaticana del "dialogo" e del "porgi l'altra guancia". Con i terroristi, di qualunque fede essi siano, non si dialoga ma ci si organizza per spazzarli dalla faccia della Terra. Gesù arrivò a gridare: "Fuori i Ladroni dal Tempio", non a dialogare con loro. Figuriamoci poi se si fosse trattato di sanguinari tagliagole come gli attuali terroristi islamici. Pertanto caro Papa Furbesco, quale "rappresentante " di Dio in Terra, veda di attenersi Lei per primo agli insegnamenti e comportamenti del Gesù morto sulla Croce!!!

pollicino46

Mer, 03/09/2014 - 13:24

Gran belle paole quelle del Santo Padre...peccato pero che i cristiani continuano a morire sgozzati o crocifissi e le donne stuprate!,,,,,,Poi sara pur vero che la Chiesa e a loro vicina!

Invisibleman

Mer, 03/09/2014 - 13:42

bah!!! questo fa di tutto pur di non prendere posizione ....

Holmert

Mer, 03/09/2014 - 14:05

Non solo il cuore della chiesa, ma tra non molto papa sor Cecco li farà beati e poi santi, come i martiri di Otranto, le cui ossa sono conservate in una teca della chiesa locale. Ecco farsi impalare e decapitare porta alla santità. Poveri cristiani destinati ad amare e porgere guance, mentre gli altri di altre religioni, ti decapitano a sangue vivo e nemmeno con la scure, come faceva er sor Titta, boia del papa re. Altri papi altra religione. Questo papa è il sovrano dell'ovvio, dice una ovvietà dopo l'altra. Oggi ne ho sentita un'altra: "il lavoro è una cosa seria ,ha detto alla folla raccolta in piazza San Pietro tra cui operai rimasti senza lavoro. E chi dovrebbe dare loro il lavoro, il padreterno? Mi sarei meravigliato se avesse dotto: il lavoro è una fesseria, meglio restare senza. A volte sembra Catalano, l'amico di Renzo Arbore. Se io fossi un ministro italiano, mettiamo dell'interno, scaricherei un paio di pullman pieni di profughi davanti ai cancelli del Vaticano, sarei curioso di sapere cosa farebbe er papa. Dalle parole ai fatti concreti. Quelle che stanno a zero spaccato sono le chiacchiere, specie papali. Ed i fatti? Tu quanto lavoro hai creato per i disoccupati? Quanti migranti ci sono in Vasticano, magari a smerciare anche mercanzie tarocche?

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mer, 03/09/2014 - 14:49

Bergoglio sembra l'imbonitore alla fiera delle ovvietà. Perché non ci va lui a farsi tagliare la testa?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 03/09/2014 - 15:09

Di Obama all'inizio del suo mandato, si diceva essere islamico. La questione teorica finì insabbiata. Però i due centri capitali della Cristianità, l'occidentale Roma e l'orientale Mosca, sono le più colpite dalle sanzioni economiche. Senza giardare alle solite lotte per la supremazia islamica.

Ritratto di apasque

apasque

Mer, 03/09/2014 - 15:12

No, no, no, no Papa Francesco, non devi dire: la Chiesa soffre con voi ed è fiera di voi." Ma: "ho qui con me la carta d'imbarco" (figuratamente), e il mio aereo arriverà da voi tra cinque ore. E starò lì con voi! E così devi fare in tutte le zone dove c'é la persecuzione dei cristiani!

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mer, 03/09/2014 - 15:15

Si va bè ma la condanna dura quando arriverà??? Francesco, Lei mi pare un poco in ritardo sugli eventi, non le pare?????????????

Giorgio5819

Mer, 03/09/2014 - 15:38

Ha perso un'altra occasione per tacere. Ogni volta che questo opulento signorotto apre bocca rende perfettamente il senso della sua inutilità .

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 03/09/2014 - 16:17

Renzi e Bergoglio hanno sbagliato mestiere o missione. Il loro lavoro sarebbe dovuto essere quello dei teleimbonitori... tipo il Baffo da Crema per intenderci. Bergoglio... guarda che le persone alle quali ti rivolgi, poi alla fine muoiono davvero mica per finta...

killkoms

Mer, 03/09/2014 - 18:50

ma intanto sei andato a ricevere i clandestini islamici in pompa magna a lampedusa!

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Gio, 04/09/2014 - 05:52

Ma Bergoglio sembra aver dimenticato che in passato il Papa era faro e guida delle crociate che muovevano contro l'Islam e i crociati erano ritenuti i guerrieri della Fede e difensori della Cristianità....dobbiamo davvero rimpiangere quei tempi?

Ritratto di stufo

stufo

Gio, 04/09/2014 - 09:07

Perchè non fa una bella telefonata ad al-bagdadi, così, tanto per provare. E magari offra la sua testa in cambio del rispetto verso i cristiani.

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 04/09/2014 - 11:13

"Siete il cuore della Chiesa" ed ecco perchè da quelle parti si fanno la coratella!

Mario Marcenaro

Gio, 04/09/2014 - 18:49

Al momento è solo possibile constatare che con il moltiplicarsi degli inviti alla preghiera l'incremento di Cristiani massacrati in tutti i modi nonché le minacce di morte ad opera di individui che professano ed applicano alla lettera il Corano stanno dilagando in tutto il mondo. Allora, e non mi sembra nemmeno un'idea poi tanto originale da farsi venire in mente, perché un Papa, che di queste cose dovrebbe intendersi un poco meglio di chiunque altro, non cerca di darsi un poco da fare almeno giornalmente per evidenziare le mostruose differenze che caratterizzano da una parte una religione, moderna al massimo, che si basa sull'amore e la reciproca tolleranza fra genti di buona volontà, e ciò viene quotidianamente dimostrato, e dall'altra un credo, ed è inconfutabile in quanto è scritto,in cui si parla di un dio al momento stesso clemente, misericordioso, violento e vendicativo? La negazione della vita degli esseri umani è palese, e non certo da parte di chi accoglie ed aiuta chiunque, non da chi uccide vantandosene, ma nascondendosi dietro paludamenti funerei, e gronda sangue da altrui? Se continuiamo a dire litanie, caro il mio Papa, non andremo molto lontano, tutti noi con Te, e in questo, checché se ne dica, non è assolutamente nei nostri desideri. Non vogliamo morire come martiri, che comunque rispettiamo, ma vivere a lungo, possibilmente, da creature libere.