Dopo Parigi, la guerra globale rischia di diventare civile

La strategia mortifera dell'Isis funziona: nei Paesi occidentali maggiormente colpiti dall'immigrazione si moltiplicano gli attacchi fisici, materiali e verbali contro i musulmani

Di questo passo la guerra globale contro lo Stato Islamico nel Vicino e Medio Oriente potrebbe trasformarsi in guerra civile in molti Paesi europei che in questi ultimi decenni hanno subito i flussi migratori provenienti dal mondo islamico. In Francia, Germania, Inghilterra, Belgio, Olanda, Albania, Bosnia, Bulgaria, Macedonia, Cipro, nei Paesi Scandinavi, le tensioni di natura etnico-religiosa aumentano ogni giorno di più dettate dalla progressione delle relazioni internazionali, dagli attentati che colpiscono il cuore delle città europee, e dall’islamofobia imperante nei massmedia occidentali.

Il quotidiano The Independent ha rivelato che in Gran Bretagna gli attacchi contro i cittadini di fede islamica sono aumentati di oltre il 300 per cento, per un totale di 115 aggressioni di tipo verbale o fisico, nella settimana successiva agli attacchi terroristici di Parigi. La maggior parte delle vittime sarebbero state donne di età compresa tra i 14 e i 45 anni che indossavano il tradizionale velo, i responsabili invece sarebbero principalmente maschi bianchi tra i 15 e i 35 anni. Il video che dopo il 13 novembre ha fatto il giro di internet è infatti quello di un uomo che nella metropolitana di Londra ha gettato una ragazza con il hijab contro il convoglio ferendole gravemente il volto. In Francia il copione è pressoché identico. Il sito della rivista Nouvel Observateur ha pubblicato un elenco di brevi fatti che raccontano, dai Pirenei alla Val-de-Marne, i presupposti di una guerra che diventa sempre più civile: spari contro un uomo di origine turca, scritte razziste su una macelleria halal, croci rosso sangue sui muri di una moschea, pietre sul furgone delle consegne di un ristorante kebab a Barentin, botte a un maghrebino a margine di una manifestazione a Pontivy.

Oltre agli attacchi fisici o materiali, in molte città europee si sono svolte manifestazioni contro moschee, islamizzazione e Islam. A Colonia, in Germania, simpatizzanti e militanti di Pegida, il partito di opposizione tedesco nato da un paio di anni. Anche a Praga (Repubblica Ceca), Varsavia (Polonia) e Texas (Stati Uniti) non sono mancate le dimostrazioni di piazza per ribadire quello che alcuni partiti considerano un pericolo per la sicurezza e l’identità europea. Gilles Kepel, massimo esperto di cultura araba e islamica, in una recente intervista rilasciata al Corriere della Sera ha spiegato come la strategia dello Stato Islamico è proprio quella di “scatenare attraverso gli attentati i gruppi xenofobi della destra europea contro i migranti e contro il mondo islamico tout court” che a lavoro volta servono radicalizzare i musulmani in generale.

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 24/11/2015 - 11:02

Alternative possibili? Offrire pasticcini agli islamici ed incrementare la costruzione di moschee.

little hawks

Mar, 24/11/2015 - 11:19

Un po' di prudenza non guasterebbe nel trattare con persone che seguono le indicazioni coraniche, che pregano varie volte al giorno offendendo e minacciando i "miscredenti", che inneggiano alla sharia e che desiderano morire ammazzandoci.

Ritratto di Loudness

Loudness

Mar, 24/11/2015 - 11:22

A me fanno ridere quelli che parlano di islamofobia... Il nostro organismo, il nostro sistema immunitario, quando combatte contro batteri, virus agenti patogeni gli diamo per caso del batterofobico, virufobico, patogenofobico? Queste sono particelle estranee al nostro sistema e, più ne entrano, più si attivano gli anticorpi... E' normale.

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 24/11/2015 - 11:37

Ma nooo,dovete stare vicini,vicini e, mi raccomando con la gola ben in vista perché, come dicono i buonisti,sono vs fratelli...

pagano2010

Mar, 24/11/2015 - 12:05

Presto una "notte dei cristalli" 2.0? A pensar male molte volte ci si azzecca: ma di questo le autorità molte colpe le hanno! pubblicare prego!

ziobeppe1951

Mar, 24/11/2015 - 12:31

Con le buone o le cattive gli inferiori vanno domati

@ollel63

Mar, 24/11/2015 - 12:33

fuori dall'Italia, dall'Europa, dal mondo tutti gli islamici, subito.

giovauriem

Mar, 24/11/2015 - 12:39

l'islamofobia , violenta, deve essere un obbligo per tutti i cittadini europei , per che i politici europei non potranno mai risolvere questo problema , loro sono presi solo dai loro interessi e quelli delle lobi che li tengono in piedi .

java

Mar, 24/11/2015 - 12:50

i cristiani nei paesi mussulmani sono perseguitati da SEMPRE. Qualcuno ha coniato il termine cristianofobia? no, e allora andate a spigolare.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mar, 24/11/2015 - 13:07

@Loudness - Semplice, chiaro ed incisivo come sempre! Non c'è niente da aggiungere!

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Mar, 24/11/2015 - 13:09

Bene, cosi' sono costretti a decidere da che parte stare! Il problema va risolto alla radice: se rompono, prima giu' randellate, poi un calcio in ... che li manda direttamente oltremare

agosvac

Mar, 24/11/2015 - 13:11

Non credo che questa sia una cosa negativa e che vada a favore dell'isis. Credo anzi che vada contro l'isis ed a favore degli europei. Se non altro serve a diffidare di tutti gli islamici di nazionalità europea che potrebbero essere potenziali assassini! Serve a capire che non c'è possibilità di convivenza anche con gli islamici moderati. Io, personalmente, ho molta stima dell'Islam moderato, ma penso che non c'è alcuna possibilità di convivenza, nello stesso paese, tra Islam e non Islam. Se, per moli secoli, non c'è stata guerra è perché ognuno se ne stava a casa propria. Paesi come Francia ed Inghilterra hanno commesso un gravissimo errore a pensare di potersi mettere in casa gli islamici senza che si potessero creare problemi.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mar, 24/11/2015 - 13:13

Per quanto riguarda il massimo esperto Giller Kepel e la sua spiegazione della strategia islamica, io sarei un po' più cauto, ricordando che le frange xenofobe della destra europea, circa settant'anni fa, avranno pure radicalizzato gli ebrei in generale, ma hanno fatto più di sei milioni di morti. Quindi il discorso tiene fin quando le frange xenofobe saranno una minoranza, ma quando gli attentati come quello di Parigi saranno all'ordine del giorno, se fossi mussulmano non starei più tanto tranquillo della crescente radicalizzazione. La storia si ripete sempre...

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 24/11/2015 - 13:38

"...la strategia dello Stato Islamico è proprio quella di scatenare attraverso gli attentati i gruppi xenofobi della destra europea contro i migranti e contro il mondo islamico tout court che a lavoro volta servono radicalizzare i musulmani in generale". Ma dai??? Chissà che anche voi riusciate a capirlo!

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Mar, 24/11/2015 - 14:00

Purtroppo l'immigrazione selvaggia, quasi tutta di matrice islamica, ci porterà sicuramente a diventare tutti dei razzisti! Bisogna FERMARE immediatamente l'immigrazione di persone di religione islamica. Se abbiamo bisogno di mano d'opera rivolgiamoci a buddisti, induisti, ebrei, cristiani, ortodossi, ecc. ma lasciamo perdere i mussulmani che, è un fatto oggettivo, non si integrano e non hanno nessuna voglia di cambiare!

venco

Mar, 24/11/2015 - 14:13

E che dobbiamo essere contenti di questi clandestini venuti qua a pretendere e uccidere?

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Mar, 24/11/2015 - 14:38

@Dreamer_66 ... non lo capiscono, non lo capiscono ...

marco.olt

Mar, 24/11/2015 - 14:44

L'ISLAM ci conquisterà grazie alle nostre leggi e, vista l'invasione in corso dei finti profughi, sarà guerra civile come al tempo della liberazione dai nazisti. l'Europa è come un grasso itellettuale che non accetta l'idea di avere sposato una baldracca (l'ISLAM) che lo deruba e lo cornifica (ma lo rassicura chiamandolo amore).

giovanni PERINCIOLO

Mar, 24/11/2015 - 14:47

Perché parlare i islamofobia??? semplice realismo nel riconoscere il nemico e io il mio nemico non lo amo e non posso amarlo!

giovanni PERINCIOLO

Mar, 24/11/2015 - 14:51

Pajasu75. Forse che gli oltre cinquanta milioni di morti ammazzati totalizzati dai comunisti, non essendo razziali, vanno bene???

santecaserio55

Mar, 24/11/2015 - 15:02

Ziobeppe. Lavori al circo Togni come domatore delle pulci?

ben39

Mar, 24/11/2015 - 15:18

Bisognerebbe rispettare le professioni religiose altrui ma all'interno dei propri territori senza mai oltrapassare le frontiere, altrimenti sarebbe un tentativo di colonizzazione. L'Europa, volente o nolente, è di tradizione cristiana e tale dovrebbe rimanere, nonostante coloro (atei ex comunisti) che cercano di vendere la propria pelle e quella dei loro cari agli islamici in cambio dei petrodollari o euro.

routier

Mar, 24/11/2015 - 15:23

Non capisco la strategia dell'ISIS. Non sono islamofobo tuttavia non vorrei essere un islamico in Italia perché presto non saranno più in grado di dormire sonni tranquilli. Quando un popolo perde la pazienza allora son dolori per tutti. Possibile che in alto loco nessuno comprenda la situazione?

Rossana Rossi

Mar, 24/11/2015 - 15:46

I nostri pseudo-governanti locali ed europei non potevano immaginare che la corda tirandola troppo prima o poi si rompe? Non potevano immaginare che dando tutto lo spazio a questi invasori perchè tali sono, la gente prima o poi ne avrebbe avuto pieni i conigli? Non mi sembra che per capire una cosa così ci voglia un'intelligenza superiore alla media..........

gianfran41

Mar, 24/11/2015 - 15:53

E noi continuiamo ad accogliere questa gente. L'invasione pacifica ci sta riducendo schiavi dell'islam anche se, è risaputo, arabo è sempre stato sinonimo di infido.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 24/11/2015 - 16:18

routier: eppure la strategia dell'ISIS è di una semplicità imbarazzante. E' proprio quello che vogliono... che anche i musulmani in europa non possano dormire sonni tranquilli, così che possano appoggiare chi (a parole) si dimostrerà disponibile a proteggerli. Chi? L'ISIS stesso ovviamente. E' sempre stata la tattica del terrorismo di qualunque matrice: radicalizzare lo scontro... di qua o di la, senza possibilità di una terza via. Peccato che noi dalla storia non impariamo mai.

Beaufou

Mar, 24/11/2015 - 17:20

Macché islamofobia e islamofobia. È consapevolezza della propria civiltà e dei propri diritti, che abbiamo tutte le ragioni di difendere: se per difenderli dobbiamo combattere con l'Islam, guerra sia, ma se la stanno cercando. E non vengano a cianciare, "loro", di diritti, nella nostra Europa.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 24/11/2015 - 17:22

Dreamer_66: proprio così. E comunque è una strategia speculare a quella dei governi occidentali che vogliono proprio questo. Prima hanno distrutto lo stato sociale, ora vogliono distruggere anche le libertà formali di una democrazia di paccottiglia. Quindi cosa di meglio di una guerra civile?

l'occidentale

Mar, 24/11/2015 - 17:48

Non è islamofobia è islamocoscienza. Caro Dreamer se dobbiamo imparare dalla storia impari anche lei è pensi che i musulmani CI fanno la guerra da 1400 anni. La studi anche lei la storia. Tutta è non solo quella che le fa comodo. Saluti

ccappai

Mar, 24/11/2015 - 17:53

Beh... detto da voi è quasi paradossale. prima e dopo gli attentati fate di tutto ogni giorno per alimentare l'odio, la paura, la violenza e la rabbia nei confronti del mondo islamico. Questo articolo che significato avrebbe? spiegatemelo

Ritratto di Loudness

Loudness

Mar, 24/11/2015 - 17:55

Dreamer66 la cosa giusta l'hai detta alla fine; voi dalla storia non imparate mai

charliehawk

Mar, 24/11/2015 - 17:58

Dopo aver letto l'articolo qui sopra, sono andato a controllare se, per sbaglio, ero finito sul sito di "Repubblica"..Ma cosa vi prende ? E non è l'unico articolo "filoislamico" di oggi..

l'occidentale

Mar, 24/11/2015 - 18:13

Aggiungo al post precedente. Qui arrivano centinaia di migliaia dal mare e per terra con l'obiettivo di farsi campare da noi. Abbiamo periferie dove gli italiani e i nostri usi e costumi non sono più maggioranza. Se guardiamo ai paesi islamici non vediamo reciprocità, anzi, cosa dobbiamo fare essere tranquilli e contenti?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 24/11/2015 - 18:16

l'occidentale: la storia ci insegna che abbiamo fatto più guerre noi nei paesi musulmani che non il contrario, la storia ci insegna che il colonialismo era una realtà fino al secolo scorso... nemmeno troppo tempo fa. Ma il discorso in oggetto riguarda l'oggi senza bisogno di tornare al Feroce Saladino, e riguarda le reazioni nei confronti dei musulmani in Europa colpevoli solo di essere tali e non fiancheggiatori dell'ISIS. Riguarda la donna col velo, o il ragazzo magrebino, o il commerciante di Kebab... tutta gente che non ha alcun interesse ad alimentare la guerra di civiltà. E' contro di loro che si scaglia la rabbia dei vigliacchi nostrani, in maniera speculare rispetto ai fanatici religiosi.

Cheyenne

Mar, 24/11/2015 - 18:18

ma perché guerra civile gli islamici non sono da considerare cittadini ma indesiderati da sbattere fuori finchè è possibile perché tra un anno non sarà più possibile

gneo58

Mar, 24/11/2015 - 18:19

al momento giusto ricordiamoci anche dei politici e di tutti i "CCAPPAI" che li supportano.

ziobeppe1951

Mar, 24/11/2015 - 18:19

@ santecaserio55....io domo solo le zecche rosse e gli inferiori come te