Più soldi per fermare i migranti: il ricatto della Tunisia a Roma

I diplomatici sono al lavoro per capire se il governo di Tunisi non abbia allentato i controlli sulle partenze per ottenere più soldi dal nostro governo

Ora si tratta di capire cosa voglia la Tunisia. È questo l'obiettivo dei diplomatici italiani al lavoro per tentare di comprendere le ragioni alla base del vertiginoso incremento negli arrivi di barchini dalle coste tunisine a quelle lampedusane e agrigentine.

Da giugno sono almeno 5mila i migranti arrivati in Italia su piccoli scafi che accolgono appena poche decine di persone: le cosiddette "barche fantasma". Un traffico molto diverso da quello, ben più massiccio, che arriva dalla Libia; un traffico molto più difficilmente controllabile e che per questo ha sollevato anche le preoccupazioni della procura di Agrigento in merito a possibili infiltrazioni di terroristi.

Eppure, sebbene al Viminale neghino che la rotta tunisina sia ufficialmente riaperta, secondo La Stampa adesso l'obiettivo è quello di scoprire i motivi dietro l'indebolito controllo di Tunisi sulle proprie spiagge. Non sono passati che pochi anni da quando il nostro governo ha regalato al Paese nordafricano l'ennesima infornata di motovedette, pattugliatori e fuoristrada, dietro la promessa di controllare le partenze.

Fino a venerdì in Tunisia ci sarà una delegazione del Parlamento europeo per valutare la gestione dei flussi e raccogliere dati sulle operazioni in Mediterraneo. Da Roma assicurano che tutti coloro che arrivano dalle spiagge tunisine vengono riportati indietro in base a un accordo che, a quanto pare, funziona. Quello che resta da capire è a quale prezzo.

Commenti
Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 19/09/2017 - 10:33

Siete fenomenali! Concludete l'articolo con "Quello che resta da capire..." Però nel titolo avete capito già tutto: la Tunisia vorrebbe più soldi. Poi però confermate che se li riprendono indietro. Infine non si capisce perché questi barchini sarebbero difficilmente intercettabili dall'Italia ma dovrebbero esserlo perfettamente dalla Tunisia!

baleno

Mar, 19/09/2017 - 10:37

regaliamo motovedette che sequestrano i ns pescherecci, ci ricattano e qualche bella testa gli permette di sdoganarci il loro olio marcio. RIMANDIAMOGLI INDIETRO I DETENUTI DELLA LORO BELLA PATRIA!!

oracolodidelfo

Mar, 19/09/2017 - 10:43

E' ora di finirla! Perche' dovremmo dare i soldi per fermare questi predoni? La Tunisia deve farlo (se vuole) gratuitamente. Si rifiuta?Rimpatrio coatto di tutti i tunisini in Italia! I tunisini hanno capito che adesso si possono fare i soldi senza fare gli scafisti e correre il rischio della traversata....Mettete soldi nelle tasche degli italiani stremati, politici farabutti, pavidi, omertosi ed inetti (salvo poche lodevoli eccezioni)

Reip

Mar, 19/09/2017 - 10:45

Questo è il risultato del nostro falso buonismo, e della nostra debolezza, per aver permesso a cani e porci di entrare liberamente in Italia e in Europa per il beneficio di pochi e il disagio di tutti! Bisogna ringraziare l’attuale governo e quello precedente se adesso l’Italia si trova costretta a continuare ad accogliere incondizionatamente centinaia di miglia di islamici finti profughi clandestini, molti dei quali terroristi, pedofili, e violenti malati mentali. La macchina del business dell’immigrazione oramai e fuori controllo, ci sono troppi interessi in ballo. Adesso siamo schiavi di questo “mostro”, che è l’immigrazione clandestina. Piuttosto che rispondere duramente alle provocazioni della Tunisia, come della Libia imponendo un severo controllo militare nel mediterraneo e proteggendo le nostre coste, controllando le nostre frontiere ci troviamo costretti a scendere a patti con questi sporchi arabi, islamici infami, traditori e terroristi.

oracolodidelfo

Mar, 19/09/2017 - 10:49

I diplomatici italiani devono capire? E' lampante e chiara la situazione: il commercio di carne umana prosegue in altro modo e per smetterla ci ricattano chiedendo quattrini pari al......mancato introito.

clod46

Mar, 19/09/2017 - 10:52

In un modo o nell'altro noi dobbiamo sempre pagare! è mai possibile che dobbiamo essere ricattati dai paesi nordafricani per il nostro stupido buonismo!? ma davvero i nostri governanti credono che se noi finiamo nella me..da più di quanto già ci siamo, qualcuno correrà ad aiutarci come noi facciamo con gli africani facendoci carico dei loro problemi come se noi ne fossimo la causa!? Il nostro stupido buonismo ci porterà alla rovina e già ne vediamo i segni in molte nostre città.

Sabino GALLO

Mar, 19/09/2017 - 11:01

Non è un sospetto!! E molti lo avevano capito! Ce la farà il nostro Ministro a rimandarli da dove sono veduti? Bisogna riconoscere che Minniti ha assunto un incarico molto difficile, che toglie il sonno!

adgarliveri

Mar, 19/09/2017 - 11:26

Basterebbe una sola nave...un colpo di cannone...e tutto questo sarebbe finito...basta col buonismo...oramai siamo invasi da gente senza scrupoli e lo dimostrano le continue violenze....

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 19/09/2017 - 16:01

Ma in cosa consisterebbe il ricatto?

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 19/09/2017 - 16:07

E il ricatto? In cosa consisterebbe il ricatto?

oracolodidelfo

Mar, 19/09/2017 - 16:10

Governanti sciagurati, gli italiani sono esausti e ne hanno abbastanza di mantenere chi e' arrivato e continua ad arrivare qui da tutto il mondo e che sono fannulloni, scioperati, ladri, stupratori, furbacchioni di ogni genere, profughi economici, profittatori di ogni risma falsi, violenti, irriconoscenti. In piu' questa marmaglia se ne infischia delle nostre Leggi, non viene punita adeguatamente e lasciata libera di reiterare i reati. Nessuno tocchi Caino a condizione che si smetta di ammazzare Abele......

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 19/09/2017 - 19:38

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/19/girare-per-la-citta-con-una-svastica-al-braccio-pessima-idea-ecco-cosa-e-capitato-al-suprematista-di-seattle/3865188/

Ritratto di Omar El Mukhtar

Anonimo (non verificato)