La proposta di Putin: fronte anti-terrorismo sotto l'egida Onu

Questa la proposta lanciata dal presidente Putin nel telegramma indirizzato ai suoi diplomatici nel giorno della festa della diplomazia russa mentre sulla Siria, continua il botta e risposta sui colloqui di Ginevra tra la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca e chi accusa la Russia del fallimento dei colloqui di pace

“Si richiede una particolare attenzione dei diplomatici alla creazione di un ampio fronte anti-terrorismo con una solida base giuridica e sotto l’egida delle Nazioni Unite”, è quanto ha dichiarato il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, nel telegramma inviato oggi ai dipendenti del ministero degli Esteri russo, in occasione della festa della diplomazia nel Paese.

Nel testo del telegramma, pubblicato sul sito internet del Cremlino, Putin ha chiesto, per raggiungere questo obiettivo, che i diplomatici continuino i loro sforzi nell’obiettivo di ampliare la collaborazione con tutti i partner stranieri, in tutti i formati negoziali, sia bilaterali, sia multilaterali. Nello stesso telegramma il presidente russo si è complimentato con i propri diplomatici per i successi raggiunti nell’anno appena trascorso, come il contributo per il raggiungimento dell’accordo per il programma nucleare iraniano e l’avvio dei negoziati di Vienna sulla Siria.

E proprio sulla Siria oggi la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha respinto, intervenendo all’emittente televisiva Rossija 24, le accuse dei giorni scorsi secondo le quali i raid russi sulla provincia di Aleppo avrebbero contribuito al fallimento dei colloqui di Ginevra. Sia Ankara, sia la cancelliera tedesca Merkel in una conferenza stampa congiunta con il premier turco Davutoglu, e il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki Moon, avevano puntato il dito contro l’azione militare di Mosca a sostegno del governo siriano.

Intanto, in attesa del prossimo 25 febbraio, data in cui l’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria, Staffan de Mistura, ha invitato le parti in campo a sedersi di nuovo intorno al tavolo dei colloqui a Ginevra, si cercano di ricomporre i pezzi del puzzle siriano. Parte dell’opposizione siriana ha infatti fatto sapere oggi che intende partecipare al nuovo round di discussioni, ma ha chiesto al presidente americano Barack Obama di trattare con Mosca perché fermi i bombardamenti sulle postazioni dei ribelli in vista dei prossimi colloqui. Bombardamenti che secondo alcuni attivisti citati dall’agenzia di stampa di Pechino, Xinhua, avrebbero causato finora almeno 500 morti.

Domani a Monaco, inoltre, si svolgerà una riunione dell'International Syria Support Group (Issg), in cui verranno affrontati soprattutto i risvolti umanitari della crisi ed in particolare quello della nuova ondata di profughi verso la Turchia e delle iniziative intraprese da Ankara per limitare i flussi migratori verso l'Europa, alla quale parteciperà anche il nostro ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. E sempre a Monaco, infine, ha dichiarato poco fa la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, il ministro Lavrov potrebbe incontrare a margine dei lavori della conferenza sulla Sicurezza, l'Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue Federica Mogherini, il segretario di Stato americano John Kerry, e il ministro degli Esteri cinese Wang Yi. Un incontro tra Lavrov, il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, e il presidente dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) Yukiya Amano, potrebbe tenersi infine venerdì sempre nell’ambito della cinquantunesima edizione della conferenza sulla Sicurezza che si svolge nella città tedesca.

Commenti
Ritratto di Otto-Volante

Otto-Volante

Mer, 10/02/2016 - 14:36

putler ha preso atto che i bombardamenti russi, non servono ad eliminare le bestie tagliagole, ma solo ad ammazzare civili... L'ennesima disfatta...

Ritratto di Otto-Volante

Otto-Volante

Mer, 10/02/2016 - 14:36

*putler ha preso atto che i bombardamenti russi, non servono ad eliminare le bestie tagliagole, ma solo ad ammazzare civili... L'ennesima disfatta...

Ritratto di Horten

Horten

Mer, 10/02/2016 - 14:43

Effetivamente con un' ONU, che ha eletto ai Diritti Umani l'ambasciatore dell'Arabia Saudita, il Daesh e tutti gli amici moderati potrebbero avere un pò di respiro e magari con un pò di fortuna riuscirebbero ad evitare che i siriani siggillino i confini bloccando il flusso di armi, che continua, dall'ottomanistan nonostante tutti i teatrini dei nostri beniamini di brussel.

venco

Mer, 10/02/2016 - 15:00

Sapere tutti che l'islam è terrorismo totale, altro che pace, libertà e rispetto

Ritratto di Horten

Horten

Mer, 10/02/2016 - 15:40

Otto Volante, guardi che nell'articolo c'è scritto "...fermi i bombardamenti sulle postazioni dei ribelli...." di Aleppo. Non la popolazione civile. E' dal primo giorno delle operazioni che cercano di screditarli. Fecero vedere addirittura una immagine di una bimba ferita attribuendola al primo bombardamento russo. Peccato che girava su internet da una settimana prima dell'inizio delle operazioni.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 10/02/2016 - 16:50

@Otto-Volante: vai tu a Mosca a dire a Putin cosa deve fare e come si deve comportare, chissà, forse ti ascolta essendo tu un noto statista, luminare e politologo internazionale.

paolo b

Mer, 10/02/2016 - 16:59

putini dovrebbe fermare i bombardamenti sui ribelli....e i ribelli dovrebbero deporre le armi e cercare di prevalere con la politica e non con il terrorismo. chiunque combatte contro il governo del proprio paese è considerato terrorista....se invece vice la battaglia viene considerato partigiano .... le br erano terroristi anzi compagni che sbagliavano, i nar solo terroristi perché di destra ecc. ecc.

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Mer, 10/02/2016 - 17:09

Tranquillità. Al poveretto Otto gli semplicemente piace essere preso in giro più forte ogni volta. C'è una perversione chiamata masochismo. Harsh reality is the case, quando un desiderio aberrante cresce, è molto difficile nasconderlo.

Ritratto di AndreaPugnetta626390

AndreaPugnetta626390

Mer, 10/02/2016 - 19:43

il mio amico Otto-Volante critica il dittatore Putin perché lui ama veramente la madre patria Russia..infatti ne rappresenta la bandiera con l'icona di un maiale!

ziobeppe1951

Mer, 10/02/2016 - 19:45

Ottovolante...hai dimenticato il bombardamento del negretto sull'ospedale a Kunduz dei Medici Senza Frontiere

Massimo25

Mer, 10/02/2016 - 20:29

Per piacere lasciate stare Otto,lui é cosi non é colpa sua:))))

alox

Mer, 10/02/2016 - 22:38

E chi crede all'orsetto Putin? E' talmente storto che non sa' nemmeno da che parte e voltato!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 11/02/2016 - 00:56

Ciò che sorprende è la ostinata ignoranza di chi non capisce che Putin non sta facendo soltanto i suoi interessi ma sta combattendo i nostri nemici. PUTIN STA SALVANDO L'EUROPA E SOLO DEI POVERI IMBECILLOIDI NON RIESCONO A CAPIRLO.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 11/02/2016 - 01:15

Ciò che sorprende è la ostinata ignoranza di chi non capisce che Putin non sta facendo soltanto i suoi interessi ma sta combattendo i nostri nemici. PUTIN STA SALVANDO L'EUROPA E SOLO DEI POVERI IMBECILLOIDI NON RIESCONO A CAPIRLO.

franco-a-trier-D

Gio, 11/02/2016 - 08:52

attento Putin, vogliono far fuori te non la ISIS...

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Gio, 11/02/2016 - 14:27

Ahimè! Poveretto Otto ha invocato campioni per salvaguardare il suo tenero onore. Già possiamo cominciare ad aver paura?

alox

Sab, 13/02/2016 - 00:17

Che faccetta tesa ha il puffo russo, ricorda Percy Wetmore nel miglio verde come l'americano Arlecchino-86!