Quelle strane coincidenze che legano Kennedy a Lincoln (ma saranno vere?...)

Sono stati uccisi a cent’anni giusti uno dall’altro, entrambi sono stati sostituiti da un Johnson, avevano tutti e due quattro figli e i loro assassini sembrano uno la copia dell’altro. Non tutti i conti però tornano. L’unica certezza è che i presidenti rischiano la vita

É il 23 novembre 1963: la morte di John F. Kennedy è sulle prime pagine di tutti i giornali del mondo

Sull’omicidio di John Fitzgerald Kennedy c’è un’unica certezza: a ucciderlo è stato un sortilegio. Lo stesso che sparò ad Abramo Lincoln. Le prove? Lincoln fu eletto presidente nel 1860 e Kennedy nel 1960, 100 anni esatti dopo. E vabbè, fin qui niente di strano. Il primo comunque fu eletto al Congresso nel 1846 e il secondo nel 1946. Tutti e due pagarono con la vita le loro battaglie civili: il primo con il Proclama di emancipazione, il secondo con la Legge dei Diritti civili. E anche qui ci può stare. Poi però le coincidenze si fanno strane. Sia il vice di Lincoln che quello di Kennedy si chiamava Johnson: Andrew era nato nel 1808, Lindon nel 1908. Volendo esagerare sia il nome Lincoln che il nome Kennedy hanno sette lettere. Il segretario di Lincoln si chiamava Kennedy e scongiurò il presidente di non raggiungere il teatro dove fu ucciso. La segretaria di Kennedy si chiamava Lincoln e anche lei pregò il presidente di non andare a Dallas. E il marito della donna, tanto per non farci mancare niente, si chiamava Abramo. Qui però pare che sia più la fantasia popolare che la realtà ad aver costruito la coincidenza. Sia Abramo che John poi portavano il nome del nonno, erano secondogeniti e, al momento della morte, avevano quattro figliLincoln e Kennedy furono uccisi di venerdì, davanti alla moglie. Il killer di Lincoln, John Wilkes Booth, era nato nel 1839 (data contestata però: si dice 1838), quello di Kennedy, Lee Harvey Oswald nel 1939 ed entrambi erano sudisti. Booth uccise Lincoln in un teatro e poi si rifugiò in un magazzino. Oswal sparò a Kennedy da un magazzino e poi si rifugiò in un teatro. Tutte e due furono uccisi da un colpo di pistola. E l’auto su cui viaggiava Kennedy era una Ford Lincoln. Ma Ford era anche il nome del teatro dove fu ucciso Lincoln. Alla fine la coincidenza è divertente che si regga in piede o zoppichi. Di certo i presidenti americani rischiano la vita: oltre a Lincoln e Kennedy anche Garfield e McKinley furono uccisi e undici la scamaprono per un pelo, soprattutto il più eclatante, Ronald Reagan. Senza contare che anche Robert Kennedy, fratello di John, fu ucciso quando ormai la Casa Bianca era vicina. Nello scorso giugno poi un diciannovenne inglese fu arrestato perchè, a suo dire, voleva uccidere Donald Trump. Si chiama però Michael Steven Sandford. Mica Hillary...

Commenti

alox

Sab, 03/12/2016 - 11:58

La scorta e gli aumenti nella sicurezza per Obama sono stati eclatanti...Trump invece non ha bisogno perche' terra' la sua pistola: chi fa' da se' fa' per tre!

alox

Sab, 03/12/2016 - 12:00

Ci sono lettori che considerano le coincidenze come realta'! Ma come mai Hillary non finisce in galera?