Rapita su treno nel 1999: ora la ragazza riabbraccia i genitori

È la storia di una bielorussa, che grazie al fidanzato è riuscita a ricongiungersi con i suoi genitori dopo vent'anni di mistero

Si perse sul treno da bambina, nel 1999, e per vent'anni ha vissuto a centinaia di chilometri di distanza dai suoi genitori. Il mistero inizia sui binari, in viaggio da Minsk ad Asipovichy, in Bielorussia: lungo il tragitto, una coppia di sconosciuti avrebbe progettato il suo rapimento, sfruttando un momento di distrazione della madre e del padre.

L'uomo e la donna furono addirittura accusati di averlo fatto apposta, volendo disfarsi della figlioletta, venendo torchiati senza successo dagli inquirenti, che presero un granchio.

E così Yulia è stata portata via dai suoi affetti. Il destino, però, l'ha riportata a casa, vent'anni dopo. Il ruolo decisivo l'ha giocato il fidanzato della ragazza, che grazie ad approfondite ricerche su internet è risalito alla famiglia, organizzando un incontro.

Il test del Dna ha dato il responso ufficiale: Yulia era tornata da mamma e papà, che hanno avuto una seconda piacevole sorpresa; Yulia, infatti, li aveva da poco resi nonni.

Commenti
Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 04/09/2019 - 11:47

Lo stesso stereotipo che hanno gli italiani al giorno d'oggi ... quando ritroveranno la Patria dei loro avi?

yulbrynner

Mer, 04/09/2019 - 15:57

Una bella notizia