Reuters: "Un think tank russo influenzò le elezioni Usa". Mosca nega ogni accusa

Un think tank del governo russo controllato da Putin sviluppò un piano per influenzare le elezioni presidenziali Usa a favore di Trump e minare la fiducia dei cittadini nel sistema elettorale americano

L'agenzia Reuters parla di un piano di Mosca per influenzare il voto nelle ultime elezioni presidenziali americane. Un piano che sarebbe stato pianificato, per filo e per segno, da un think tank del governo russo controllato da Putin, Russian Institute for Strategic Studies. I piani di azione sarebbero stati due: favorire Donald Trump e minare la fiducia dei cittadini nel sistema elettorale americano. Reuters cita quanto riferito da sette funzionari Usa (tre ancora oggi in carica), che fanno riferimento a due documenti confidenziali del think tank che l'intelligence Usa ha acquisito dopo le elezioni dell'8 novembre scorso.

Dai documenti apparirebbe lo sforzo intensivo da parte di Mosca di interferire nel voto per la Casa Bianca. Ma che cos'è il Russian Institute for Strategic Studies? Si tratta di un centro studi gestito da funzionari in pensione dell'intelligence estera russa, nominati dall'ufficio di Putin.

Il primo documento, scritto a giugno e fatto circolare ai più alti livelli del governo russo, ma non indirizzato a qualcuno in particolare, è solo "strategico": in pratica si raccomanda al Cremlino di lanciare un'intensa propaganda sui social e sui media pro governativi per incoraggiare gli elettori Usa a scegliere un presidente con una una linea più soft verso la Russia rispetto all'amministrazione Obama.

Il secondo documento, stilato a ottobre e distribuito sempre nello stesso modo, avvertiva invece che era probabile che era probabile la vittoria della candidata democratica, Hillary Clinton, e per questo sosteneva che per la Russia fosse meglio porre fine alla propaganda pro Trump per intensificare invece i messaggi relativi alle frodi elettorali. Così facendo si sarebbe minata la legittimità del sistema elettorale americano, danneggiando la reputazione della Clinton.

I funzionari citati dall'agenzia di stampa hanno parlato a condizione di anonimato e non hanno voluto offrire dettagli su come gli Stati Uniti abbiano ottenuto i documenti. Le stesse agenzie di intelligence non hanno voluto commentare la notizia. Da parte sua Putin, com'è noto, ha sempre negato di aver interferito nelle elezioni americane.

"Putin ha avuto questo obiettivo in mente sin dall'inizio ed ha chiesto all'Istituto di disegnare per lui una road map", ha riferito una delle fonti, un ex alto ufficiale dell'intelligence americana.

Ma se parliamo di interferenze è impossibile non pensare al rilascio delle email del Partito democratico, da cui emerse l'ostracismo dell'Asinello nei confronti del candidato Bernie Sanders, a vantaggio della Clinton. Ebbene, nessuno dei documenti del Russian Institute for Strategic Studies parla di questa operazione. Quattro dei funzionari citati da Reuters sostengono che la pirateria informatica in questo caso sia stata un'operazione di intelligence gestita direttamente dal Cremlino. Le accuse raccolte da Reuters farebbero riferimento solo ad un'operazione culturale-mediatica, con una massiccia operazione di propaganda alimentata da due network russi, Russia Today e Sputnik, e sapientemente rilanciata da blogger più o meno famosi.

Ricapitoliamo. In vista del voto americano Mosca ha "fatto il tifo per Trump". Lo ha fatto in modo "attivo", cioè non limitandosi a sperare nella vittoria del tycoon, ma parlandone bene (e male della sua avversaria). Di certo il tentativo di influenzare il voto di altri Paesi in modi più o meno subdoli non è una novità. Gli stessi Stati Uniti lo hanno fatto varie volte in passato. E non solo quando era necessario per la Guerra fredda. Se dovessero emergere altri dettagli sulle responsabilità di Mosca ne daremo conto.

La secca smentita del Cremlino

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, osserva che non bisognerebbe prestare attenzione alle notizie basate su fonti anonime:"Non so niente di questo. L'unica cosa che posso dire è che sette fonti anonime non valgono una fonte reale". Anche il think tank del governo russo smentisce la notizia, definendola falsa:"Sembra che, nella loro consapevolezza cospiratoria, gli autori di questa concezione non abbiano fatto pesare la realtà sulle loro fantasie desiderate, per attirare ancora una volta l'attenzione sul tema...della 'partecipazione' della Russia nella campagna pre elezioni negli Stati Uniti", afferma il direttore del Riss, Mikhail Fradkov, in una dichiarazione diffusa dall'istituto.

Commenti
Ritratto di jasper

jasper

Gio, 20/04/2017 - 11:33

E come avrebbe fatto ad influentare le elezioni? Mettendo droga negli hamburger forse? Certo che se ne dicono di cassiate!

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 20/04/2017 - 11:35

Fregnacce a go-go. Fuori una avanti l'altra.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Gio, 20/04/2017 - 11:49

mi viene da ridere... com se gli usa non l'avessero mai fatto...

tormalinaner

Gio, 20/04/2017 - 12:04

Le solite fake-news per screditare Trump e far passare tutti gli americani come bambini imbecilli!

Ritratto di drazen

drazen

Gio, 20/04/2017 - 12:10

Gli americani l'hanno fatto e lo fanno continuamente anche da noi!

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 20/04/2017 - 12:16

Pagliacci. Putin in urna ti vede, Dio no. Buffoni non sanno più cosa inventarsi.

Jimisong007

Gio, 20/04/2017 - 12:16

Balle, l'influenza dei media è stata tutta a favore si Hillary, Trump è sempre stato dato perdente. Non ci provate

Parermio

Gio, 20/04/2017 - 12:18

Ah-ah! Hanno usato i pensionati! Allora ve lo dico io come sono avvenuti i fatti: Putin è andato a visitare un ospizio militare, è entrato nella saletta del ritrovo ed ha detto: "cari nonnini! Volete giocare a briscola o cantare le canzoni americane?" Da bravi sordi qualcuno ha compreso "cambiare le elezioni americane" e così hanno risposto: "la seconda! La seconda!

greg

Gio, 20/04/2017 - 12:27

E' evidente che ancora oggi in molti, tipo Reuters, non hanno digerito d'avere perso un punto di riferimento che contava sulle loro balle per essere sostenuta. Intendo parlare della Clinton che ha fatto di tutto per adulterare verità, inventare menzogne ed influire sotto banco per diventare La Presidenta e continuare l'opera di demolizione del mondo occidentale, consegnandolo del tutto nelle mani della globalizzazione, di Soros, e qui sto iniziando ad avere dubbi se sia la finanza globale ad avere usato Soros come grimaldello, o Soros ad avere utilizzato la finanza mondiale per i suoi scopi, conoscendo la criminalità di gente come Rockefeller (per fortuna morto), dei Rothschild, degli euroburocrati UE, delle famiglie tipo Clinton e Obama, diventate stra milionarie con la politica, avendo sfruttato il loro potere per creare caos, quindi speculazione, ovunque si sono mossi. E fanno gli scandalizzati!!

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 20/04/2017 - 12:42

è allora?? ma stanno indagando sulle GRAVI MAIL(gravissime) top secret della Clinton?

ghorio

Gio, 20/04/2017 - 12:53

Questa rientra tra le notizie bidoni di un'agenzia peraltro seria.

agosvac

Gio, 20/04/2017 - 12:54

Sarà, ma a me sembra che a minare la fiducia degli USA per il loro stesso sistema elettorale siano quelli che le elezioni le hanno perse!!! Mi sembra che gli interventi , diciamo alquanto strani, delle varie agenzie tipo CIA o FBI o Nsa, stiano contribuendo a rendere le elezioni americane una vera barzelletta!!! Per non parlare della stampa targata soros e compagnie varie!!! In tempi ormai lontani negli Usa prima delle elezioni si scornificavano poi una volta eletto il Presidente, tutti lo accettavano. Oggi non è più così: il Presidente eletto dal popolo non è più il Capo indiscusso degli USA, è diventato un "usurpatore"!!! DOVEVA essere eletta la clinton per continuare le rovine di obama: non è andata così, quindi c'è stato un intervento estraneo!!! La democrazia che più democrazia non si può, ha fallito perché la candidata "eletta" senza vincere non ha vinto!!! A volte mi chiedo come questa gente strana possa aspirare ad avere il diritto di governare il mondo intero.

Ritratto di libere

libere

Gio, 20/04/2017 - 12:56

Dal che emerge che i 7 funzionari USA hanno un'idea molto bizzarra della democrazia del loro Paese. Gli elettori americani sarebbero dei minus habens, psicologicamente instabili e totalmente decerebrati, in balia del primo foglio di propaganda russo o di un oscuro blogger che da Mosca manipola le loro fragili menti.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 20/04/2017 - 13:28

A questi babbei non è andata giù la sconfitta. Si inventano di tutto pur di non perdere la faccia. Se fosse così allora si poteva dire che anche Obama era stato eletto con trucchi di altre potenze straniere. Ne inventassero un'altra, oppure se è valso per uno, deve valere anche per l'altro.

MarcoTor

Gio, 20/04/2017 - 13:30

Di converso quindi potremmo dire che tutto il battage mediatico pro-Clinton era un piano preordinato di qualcuno per influenzare la campagna in favore della Clinton. Questa gentaccia è veramente la schiuma della terra, è semplicemente il nuovo nazismo: “se voti per il nostro candidato OK, se invece non lo fai è perché ti sei sbagliato, perché ti hanno condizionato”.

alox

Gio, 20/04/2017 - 14:13

Putin rimpiange la Hillary? hahhahahaha

alox

Gio, 20/04/2017 - 14:16

Trump e' il POTUS e LA CRIMEA E' UCRAINA: restituiscila che pagherai meno interessi nano Russo!

alox

Gio, 20/04/2017 - 14:18

Adesso Putin ammette che ha fatto vincere quello che gli fara' il mazzo? Too late piccolo Tzar...

Mizar00

Gio, 20/04/2017 - 15:30

"sarebbe..sarebbero.." . Articoli più seri, per favore !

Tarantasio

Gio, 20/04/2017 - 15:39

pure il Giornale, dalla parte di Trump, era agli ordini di Putin?

sesterzio

Gio, 20/04/2017 - 16:16

Balle più grosse di quelle di fieno dei nostri contadini. Trump aveva contro tutto l'entourage obamclintoniano e il battage delle pie anime degli artisti,ballerini,attori e presunti tali. Gente con portafoglio pieno e testa vuota.

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Gio, 20/04/2017 - 16:22

Questa è bella, Hillary Clinton aveva a favore tutta la stampa e le televisioni del mondo occidentale, finanziamenti da paesi arabi e poteri bancari Soros in testa e accusa la Russia di aver influenzato le elezioni. Spero sia una battuta.

Divoll

Gio, 20/04/2017 - 16:33

Ma ancora con questa sciocchezza? Anche la CIA ha detto che non c'e' stata nessuna influenza indebita da parte della Russia.

Divoll

Gio, 20/04/2017 - 16:35

@ Alox - si prenda un Maalox

Ritratto di Legba

Legba

Gio, 20/04/2017 - 16:53

Altre FAKE NEWS!!!!

alox

Gio, 20/04/2017 - 17:34

@Divoll sei un altro che ha cambiato nickname perche' confuso dalle giravolte di Trump?...prenditi 'na supposta va' che magari ti passa!

Libertà75

Gio, 20/04/2017 - 17:44

A parte prendere in giro la stupidaggine della notizia (come ben fanno quasi tutti). Aggiungo che il sistema elettorale americano è basato su delegati nazionali, chi vince il collegio nazionale prende il 100% dei delegati. In una unione federale, i sistemi sono pochi. Uno è quello citato, un altro è come avviene in Europa con una distribuzione proporzionale all'interno dei singoli Stati. Se gli USA passassero alla seconda formulazione, per i democratici (più forti negli stati popolosi) sarebbe più dura vincere le presidenziali. Quindi, di cosa blaterano? P.S. non è possibile effettuare una votazione a collegio unico confederale, sarebbe la negazione del federalismo. See you in 2020

rudyger

Gio, 20/04/2017 - 17:48

Se è vero, a me sembra che la strategia di Putin sia stata fatta propria dalla stampa italiota e dai nostri politici - a cominciare da Renzi con allegato Benigni - con una sfacciata e schifosa propaganda contro Trump e a favore di quella guerrafondaia di Hillary. Comunque non vedo come il cittadino americano possa essere stato influenzato. Se è rincognonito, allora lo saremmo anche noi.

Divoll

Gio, 20/04/2017 - 18:11

@ ALox - Mai cambiano nick in 7 anni, anche perche' e' composto dalle prime lettere del mio nome e cognome. Lei, invece, di supposte ne avra' gia' fatta una scorpacciata, ecco perche' non l'aiutano piu' a trattenere le kaiserate che scrive.

Keplero17

Gio, 20/04/2017 - 18:18

Quando Obama disse di votare per la riforma diRenzi può essere considerato un modo per influenzare le elezioni in Italia?

killkoms

Gio, 20/04/2017 - 18:32

poteva bastare solo il "pensiero"?

Massimo Bocci

Gio, 20/04/2017 - 18:39

I FALSIFICATORI!!! SERIALI!!! CIA!!! Non sanno più cosa inventarsi,parlano di influenzare l'opinione pubblica su un elezione dove una delle due parte Clinton, aveva finanziamenti per milioni di milioni dai più grandi criminali della terra, narco trafficanti, emirati e finanziatori Meticci,già padroni UE-Euro e del terrorismo internazionale ISIS, mercati e produttori di armi,Banchieri,Industrie, il 99% dei mezzi di comunicazione ecc.ecc. cioè la vera SPETTRE DEI CRIMINALI MONDIALI e questi ora ci raccontano che solo avendo scoperchiato VERITA'' COMPROVATE DOCUMENTATE!!! Delle PORCATE combinate, abbronzato,Clinton, si sia potuto inficiare il loro tutto l'apparato FALSIFICATORIO!!!! Alla buon ora,si son svegliati gli Americani.

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Gio, 20/04/2017 - 19:01

Se i cittadini americani non si sono lasciati influenzare dalla colossale ordalia mediatica a favore della Clinton e contro Trump, sicuramente un "think tank" russo li deve aver lasciati completamente indifferenti. Credo che queste bufale - che vorrebbero farli passare per scemi - non facciano altro che acuire la rabbia anti establishment degli elettori (che peraltro cominciano ad avere dei dubbi anche su Trump).

ziobeppe1951

Gio, 20/04/2017 - 19:20

alox...stai ancora a rosicà?...fatti un 5 contro 1

greg

Gio, 20/04/2017 - 19:32

ALOX - povero imberbe bamboccio rosso. Continua a bruciare eh? che i leftist in America l'hanno preso in saccoccia.

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 20/04/2017 - 20:11

@alox: La Crimea è Ucraina come il Sudtirolo è Italiano. LOL

alox

Gio, 20/04/2017 - 21:00

@tarantasio Trump l'han gia' buttato sotto il tram! Non ci sono dubbi, come il Milan e' Cinese, il Giornale e' Russo...visto che non c'e' mai uno sbaglio, mai una pecca, un errore una mezza critica alla Russia del Sant'Putin...

jeanlage

Gio, 20/04/2017 - 21:48

E se anche fosse? Dalla fine della seconda guerra mondiale, gli USA condizionano le scelte politiche europee e (fino a quando ci sono riusciti) sudamericane ed asiatiche. Nota umoristica ma vera: anche Renzi, Boschi e Mogherini hanno cercato di influenzare le elezioni americane con il loro tifo sguaiato per la Clinton. Credo che il risultato sia stato che le tre persone in tutti gki USA che li conoscevano hanno cambiato idea ed hanno votato Trump

Gianni11

Gio, 20/04/2017 - 21:48

Insomma, la sinistra globalista ancora non ha digerito che Trump ha vinto? Tutta la loro propaganda per la Clinton non ha funzionato.

unz

Gio, 20/04/2017 - 22:11

ridicolo. continuano. eppure ormai l'hanno indebolito assai. Che ne vogliano fare il novello George W Bush Jr?

Arch_Stanton

Ven, 21/04/2017 - 00:40

caccia alle streghe ! Se anche fosse vero, si tratterebbe solo di propaganda elettorale, non di falsare le elezioni. fare propaganda non p né illegale né biasimevole. Anche Obama ha fatto campagna per il Remain contro la Brexit.

alox

Ven, 21/04/2017 - 14:53

@greg sei solo un falso buffone incapace di distinguere fra destra e sinistra... Sempre sul treno dei vincitori che persona di me.da! @Jasper vedremo, vedremo...Putin ha iniziato guarda chi finisce; i conti si fanno alla fine. USA USA USA! @Ziobeppe non fa' per te: vai in chiesa a pregare!

alox

Ven, 21/04/2017 - 16:51

@Arch-Stanton sono d’accordo che questa notizia e’ caccia alle streghe Trump ha vinto Punto. Il “Russiagate” e’ passato in secondo piano dopo la giravolata di Trump a Putin, con il piacere dei Rubio, McCain, Graham e molti repubblicani come me e il dispiacere di Putin(che oggi considera Trump il peggior nemico) ma non si puo’ negare l’evidenza del licenziamento/allontanamento di Paul Manafort, M. Flynn e figlio, S. Bannon etc e finche’ non mostra il SS rimane il dubbio di legami (penso economici/finanziari) con la Russia.

alox

Ven, 21/04/2017 - 16:57

@Divoll e chiessenfrega del Tuo nome... ti brucia quando si critica il nano Russo primo resposabille del ritorno alla guerra fredda!...ma Obama non c'e' piu' e se i Trumpiani sono preoccupati della poltrona, I Generali vedono questo un ATTACCO Russo agli USA (indipendentemente da chi siede alla WH).

alox

Ven, 21/04/2017 - 17:22

@Arch-Stan correzione: non il social security ma il tax return.