Rogo a Bucarest, in condizioni gravi una studentessa italiana di Napoli

Tullia Ciotola è rimasta coinvolta nell'incendio al club Collectiv. Iscritta all'Orientale, era in Romania per l'Erasmus

Un pompiere di fronte al memoriale delle vittime del rogo a Bucarest

Ha 27 anni la studentessa italiana, originaria di Napoli, che è rimasta coinvolta nel rogo al club Collectif di Bucarest, in Romania. Tullia Ciotola, iscritta all'università Orientale di Napoli, era in discoteca con le colleghe quando è scoppiato l'incendio nel locale, che ha provocato almeno trenta vittime e quasi 150 feriti.

Secondo l'edizione locale di Napoli di Repubblica, la giovane donna è in condizioni gravi, con ustioni sul 50 per cento del corpo. L'ambasciata di Bucarest "sta seguendo il caso" ed è in contatto con la famiglia di Tullia, che nel frattempo è arrivata in Romania.

Poche, per volontà dei familiari, le informazioni sulle condizioni di salute della 27enne, ricoverata in prognosi riservata all'ospedale Agrippa Ionescu. La ragazza, secondo quanto ricostruito finora, sarebbe stata soccorsa appena fuori dall'unica uscita del locale.