Russiagate, possibili mandati d'arresto già da lunedì

Da lunedì potranno cadere le prime teste per il Russiagate, l'inchiesta che dimostrerebbe i presunti legami tra Trump e la Russia

Sono giorni di grande caos negli Stati Uniti. Da una parte la famiglia Clinton viene investita da un nuovo scandalo sulla vendita di uranio alla Russia, dall'altra, già dal prossimo lunedì potrebbero scattare i primi arresti nell'ambito delle indagini sul Russiagate, ovvero sulle interferenze di Mosca nelle presidenziali Usa. Il procuratore speciale Robert Mueller non sta insomma perdendo tempo e le prime teste potranno cadere nelle prossime 48 ore. I nomi delle persone indagate e la natura delle ipotesi di reato restano per il momento riservati, su ordine di un giudice federale.

Il dossier sul Russiagate? Commissionato da un sito di destra

Donald Trump non è mai particolarmente piaciuto all'establishment del partito repubblicano e, proprio nel mondo conservatore, sarebbe nato il dossier sui legami tra il tycoon e la Russia. Lo sostiene il New York Times. Per il quotidiano statunitense fu il Washington Free Beacon, un sito conservatore fondato da un importante donatore del partito repubblicano, il finanziere Paul Singer, il primo a commissionare il dossier su Trump e la Russia. Questo dossier sarebbe stato poi passato ai democratici durante le presidenziali.

Il Free Beacon ha assoldato la società Fusion Gps, di cui avevamo parlato in un altro articolo, nel 2015 con il mandato di scovare informazioni in grado di danneggiare candidati presidenziali repubblicani, compreso Trump. Il sito ha poi detto alla società di interrompere le ricerche negative nel maggio del 2016, quando Trump era ormai ad un passo dalla nomination del Grand Old Party. Solo successivamente, secondo la ricostruzione fornita dal New York Times, il Democratic National Committee (Dnc), l'organo direttivo del partito democratico, si è affidato alle Fusion Gps per indagini sugli avversari che hanno poi prodotto il dossier anti Trump.

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 28/10/2017 - 11:20

Non sanno più come fare le scarpe a Trump. Si inventano di tutto. Ma anche in Usa come in Italia: è vera democrazia?

venco

Sab, 28/10/2017 - 11:28

Abbiamo capito, negli Usa deve comandare la mafia della finanza sionista mondiale.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 28/10/2017 - 11:37

Gli fanno fare la fine di Berlusconi.

Jon

Sab, 28/10/2017 - 11:38

Ma come.. proprio adesso che si e' svelata la trama, come descrive il N.Y.Times : "Clinton Campaign and Democratic Party Helped Pay for Russia Trump Dossier".. La bufala ha dei mandanti noti , ma i media fanno finta di nulla..!! Chissa' perche' ??

Massimo Bocci

Sab, 28/10/2017 - 12:32

Streco democratico!!!!

Demy

Sab, 28/10/2017 - 12:44

Mueller, lo stesso coinvolto nello scandalo uranio insieme alla Clinton e Osama Bin Obama.

MOSTARDELLIS

Sab, 28/10/2017 - 12:52

E' come in Italia, non si capisce più niente tra destra e sinistra.

agosvac

Sab, 28/10/2017 - 12:53

Mi sembra giusto: che si arresti Trump per essere stato eletto Presidente senza il beneplacito del partito democratico, dell'alta finanza USA e della Cia, l'NSA e l'FBI!!!

arkangel72

Sab, 28/10/2017 - 14:56

Forse in quest'ottica del Russiagate si capisce il motivo per cui Trump abbia deciso, giusto in questi giorni, di eliminare il segreto di stato sull'omicidio Kennedy, volto a sputtanare le complicità dei democratici. E' una sorta di contro attacco nei confronti della Clinton e dei dem., o una sorta di contro ricatto!

Atlantico

Sab, 28/10/2017 - 16:17

Riva, non è Trump che è nel mirino. Che lui e il suo staff abbiano avuto aiuto e complicità da Putin e la sua banda lo sanno tutti e lo nega solo chi è in cattiva fede o è ottuso. Adesso i nodi vengono al pettine e se uscirà fuori quello che io credo, le istituzioni americane dovranno prendere in seria considerazione la possibilità di mettere Trump sono accusa, anche la più grave di tutte. D'altronde sono sempre stato convinto che Trump non porterà a termine il suo mandato e sarà cacciato via dalla Casa Bianca perché lo considero ( da sempre, da quando nemmeno lui sapeva di candidarsi un giorno ) un autentico mascalzone indegno di ricoprire quella carica.

ESILIATO

Sab, 28/10/2017 - 16:19

Chi vivrà vedrà ....e riderà......a vedere Hillary che entra a Sing-Sing

gedeone@libero.it

Sab, 28/10/2017 - 16:45

Atlantico,.mai lette tane idiozie tutte in una volta. Komplmenti kompagno!

Holmert

Sab, 28/10/2017 - 17:04

A quanto pare Trump ha vinto perché lo hanno aiutato i russi. C'è da pensare che gli americani che l'hanno votato sono tutti deficienti. Certo che la Clinton è una iena,donna ambiziosa che non ammetterà mai di aver perso in elezioni democratiche. In Italia Berlusconi accusato mafioso, in USA Trump russofilo. Aveva ragione quello che diceva "nazione massonico-plutocratica".

alox

Dom, 29/10/2017 - 00:10

@Atlantico ben scritto e condivido...bisogna ammettere (con amarezza) che c'e' chi vede in Trump un Dio in terra come i tedeschi (alcuni pure oggi) vedevano Hitler o gli Italiani Mussolini; Trump ha che detto potrebbe sparare a qualcuno in 5th avenue e non perdere voti: purtroppo e' vero!

alox

Dom, 29/10/2017 - 00:24

Che le azioni e sparate di Trump aiutano la Russia di Putin e' ormai evidente: gli USA di Trump sono visti con sospetto dagli storici alleati che non si fidano...Trump in ogni argomento mette in discussione e cerca di dividere e creare caos non solo a riguardo la politica internazionale e la propria costituzione (una crisi costituzionale con Trump e' garantita..) ma anche in casi mondani e quotidiani football, Reduci etc...con Trump ogni argomento finisce ad insulti ed offese con quelli di destra o con quelli di sinistra (per il piacere di Putin).

ortensia

Dom, 29/10/2017 - 08:27

Ma la Clinton e l'uraniumone? Nelle casse della sua fondazione entrarono in questa occasione un totale di 3 milioni di $ donati dalla Russia mentre il vecchio Bill Clinton ci si recava per tenere delle conferenze strapagate. Chi indagava su questo deal? Ma Mueller dell'FBI, quello che ora si occupa del Russia gate di Trump. Per inciso a Comey fu affidato solo?! il fine indagini nel 2015.Sembra pero' che un agente segreto ancora sotto copertura dovrebbe rivelare al congresso tutto su questo uraniumgate. Vedremo se restera' vivo o verra' suicidato.