Salah Abdeslam, la reclusione dorata nel carcere sovraffollato

Il terrorista franco-algerino è recluso nel carcere più grande d'Europa, il Fleury-Mérogis. Nonostante l'alto tasso di affollamento, a Salah Abdeslam è stato riservato un piano intero

Dallo scorso 27 aprile Salah Abdeslam, uno dei responsabili degli attentati di Parigi in cui persero la vita 130 persone, è in custodia al Fleury-Mérogis, il più grande carcere d'Europa, situato a 50 km a sud della capitale francese. Pochi giorni fa un deputato dei Repubblicani, Thierry Solère, ha visitato la prigione insieme a due giornalisti del Journal du dimanche, scoprendo che, nonostante il carcere abbia un tasso di affollamento del 190 percento, a Salah Abdeslam è stato concesso un piano intero. Compresa una palestra personale.

Due stanze confortevoli, un'altra convertita su sua richiesta in uno spazio dove poter svolgere un po' di attività fisica. Per ora gli hanno messo a disposizione solo un vogatore, ma dovrebbero arrivare altri attrezzi. L'ultima sala del quarto piano dell'edificio D3 del Fleury-Mérogis è occupata dalle guardie che lo controllano continuamente: si teme infatti che il jihadista possa togliersi la vita, per questo nelle celle sono state installate sei telecamere.

Il deputato repubblicano e i due giornalisti hanno sottolineato come le attenzioni rivolte al terrorista stonino con il livello di sovraffollamento del carcere. Nella prigione ci sono 2855 i posti disponibili, ma i detenuti sono oltre 4500. "Il livello di affollamento ha raggiunto il 190 percenteo - ha spiegato Thierry Solère - e in alcune celle ci sono addirittura materassi disposti sul pavimento per ospitare i nuovi detenuti".

Il deputato ha scritto una lettera di protesta al ministro della Giustizia, Jean-Jacques Urvoas, sottolineando tutte le note stonate della vicenda.

Va detto anche che il terrorista non può uscire dal cortile perché i responsabili del carcere temono reazioni volente da parte degli altri detenuti. Stando a quanto raccontato dal deputato e dai giornalisti del Journal du dimanche, Salah sarebbe "affaticato e nervoso". I secondini hanno raccontato che ogni tanto legge il Corano e che il suo atteggiamento è cambiato rispetto ai primi tempi. "Agli inizi era educato, ma oggi non parla più: si è chiuso in uno strano mutismo".

La lettera di protesta per la reclusione privilegiata di Salah Abdeslam

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 04/07/2016 - 12:09

NO COMMENT...le vittime si staranno rivoltando nella tomba, ma non solo loro....

little hawks

Lun, 04/07/2016 - 12:58

lasciatelo andare in cortile a fare qualche sana passeggiatina

ziobeppe1951

Lun, 04/07/2016 - 13:07

Usciamo da questa Europa di mer.da che non tutela i cittadini ma ama i delinquenti

Malacappa

Lun, 04/07/2016 - 13:22

E chi se ne frega se non parla piu' io lo metterei hai lavori forzati altro che 2 stanze e' proprio vero piu' sono delinquenti e piu' li trattano bene.

giulio29

Lun, 04/07/2016 - 13:38

e pensare che se vieni ricoverato in ospedale devi pagare per vedere la tv

GuidoReinachAstori

Lun, 04/07/2016 - 13:46

Ma la pena di morte? Che vergogna, carcere dorato a un animale assassino. Complimenti EUROPA!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 04/07/2016 - 13:49

certo.... perché è una pedina di qualche servizio segreto e devono tenerlo con la bocca chiusa

Lucky52

Lun, 04/07/2016 - 14:03

Con quello che ha fatto il suo posto era a spaccare pietre in qualche luogo con 40 gradi all'ombra senza cibo ne acqua altro che due locali in cella, magari con tv.

Marzio00

Lun, 04/07/2016 - 14:07

Prima considerazione: anche le carceri francesi sono oltre il limite dell'accoglienza, un problema dunque non solo del Bel Paese. Seconda considerazione: secondo Voi perchè questo personaggio è trattato con un occhio di riguardo? Scommetto che tra qualche mese il detenuto ufficialmente si suiciderà misteriosamente per nascondere il suo trasferimento e garantire nuova identità.....

Ritratto di giorgio51

giorgio51

Lun, 04/07/2016 - 14:31

Continuate così vedremo domani cosa succederà

sottovento

Lun, 04/07/2016 - 14:39

Sembra che essere uno straniero e un delinquente dia più privilegi che esser povero e disgraziato. Vergogna!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 04/07/2016 - 14:43

Il carcere ha funzione di recupero e serve anche per pagare i propri debiti con la giustizia, giusto? siccome a questo individuo non basterebbero 100 vite per scontare la pena, va messo in una cella piccola e sporca a marcire per il resto della sua vita, dimenticato da tutti. Voleva il paradiso con le vergini che ha promesso Maometto? gli facciamo vivere il più a lungo possibile l'inferno sulla terra. Altro che palestra. VERGOGNA

Ritratto di Scassa

Scassa

Lun, 04/07/2016 - 14:47

scassa lunedì 4 luglio 2016 È proprio vero che il delitto paga ...e paga pure bene ! Chi si difende finisce in galera mentre Sala' prenderà il nobel ! W la giustizia !!!!!!!!!!!!!scassa.

titina

Lun, 04/07/2016 - 15:03

"Si teme che possa togliersi la vita". E se uno vuole suicidarsi perchè togliergli anche quella libertà? Almeno quella lasciategliela.( ma tranquilli, non se la toglie, no, ci tiene alla sua vita, non è stupido come gli altri terroristi, altrimenti si sarebbe fatto esplodere)

il sorpasso

Lun, 04/07/2016 - 15:16

Perfetto chissà come sono felici i parenti delle vittime. Non ho parole o forse è meglio che stia zitto!

ilbarzo

Lun, 04/07/2016 - 15:16

Il governo francese evidentemente teme Salah Abdeslam anche stando in galera.Holland è un cacasotto.

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Lun, 04/07/2016 - 16:12

Bravo Marzio00!

fisis

Lun, 04/07/2016 - 18:06

Bisogna avere fantasia per combattere le bestie islamiche. Certo, la pena di morte non basta. Perchè loro cercano la morte. Ma se dopo la morte, magari per decapitazione, venisse fatto a pezzi e poi dato in pasto ai maiali? Mi sembra che in questo caso loro non potrebbero più aspirare per l'eternità al loro paradiso di vergini, latte e miele. Quanto può sembrare folle e macabro, ma bisogna entrare nella psicologia del nemico per combatterlo. Se ciò potesse servire a scoraggiare qualche aspirante terrorista, salvando così qualche vita innocenti, non sarebbe disprezzabile. Certo, occorre cambiare le leggi, i tempi non sono ancora maturi e con l'attuale leadership di sinistra europea è molto difficile che accada. Non siamo ancora con l'acqua alla gola, e ancora non tutti si sono resi conto che siamo in una guerra che pur essendo asimmetrica non è meno pericolosa per il cittadino comune.

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 04/07/2016 - 18:16

Suicidarlo no? Ci sono riusciti con la Bader-Meinof...potrebbero fare altrettanto con questa BESTIA! (scusate animali se vi ho nominato).

opinione-critica

Lun, 04/07/2016 - 22:35

Bisogna dargli pure l'assistente sessuale, così tanto per consolarlo e farlo uscire dal suo mutismo. Sarebbe meglio aiutarlo a raggiungere Maometto o Allah che gli daranno pace e felicità eterna facendolo uscire da questa valle di lacrime che è il mondo. Farebbero festa pure i vermi e potrebbe contribuire a fertilizzare il terreno.