Salvano migranti naufraghi a Lesbo, ora rischiano 10 anni di carcere

Tre pompieri spagnoli e due attivisti danesi ora rischiano fino a 10 anni di carcere per aver salvato i migranti che dalla Turchia navigavano verso la Grecia: l'accusa è di favorire l'immigrazione clandestina

Sono partiti per la Grecia con lo scopo di salvare vite umane. E così hanno fatto, mettendosi in mare per recuperare i migranti naufraghi nei bracci di mare fra le coste turche e l'isola greca di Lesbo.

Eppure adesso tre pompieri spagnoli e due attivisti danesi rischiano di trascorrere ben 10 anni in carcere per un processo tanto imprevisto quanto pericoloso. I fatti risalgono al gennaio di due anni fa, quando i vigili del fuoco Manuel Blanco, Julio Latorre y Quique Rodríguez, partiti da Siviglia alla volta della Grecia, vennero fermati dalla polizia ellenica con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Con loro, fermati al largo mentre tentavano di salvare quanti più migranti possiibili, anche due volontari danesi che hanno condiviso il medesimo destino dei compagni spagnoli.

I cinque compariranno davanti al giudice il prossimo 7 maggio, con sul capo una spada di Damocle assai affilata: se dovesse precipitare, rischiano fino a dieci anni di carcere.

Il loro caso, prevedibilmente, ha scatenato una vera e propria polemica mediatica internazionale, con i cinque che protestano contro quella che definiscono "la criminalizzazione dello sforzo volontario di salvare vite umane". I tre pompieri hanno inviato una petizione alla Commissione Ue sottoscritta da ben 164mila persone per chiedere che non si castighi "chi difende la dignità ed i diritti delle persone più vulnerabili" e che "non si possa sanzionare penalmente le persone che facilitano l'ingresso o il transito non autorizzato di rifugiati o migranti per ragioni umanitarie".

"Potevamo fare di più, non restare a Siviglia e guardare cosa succedeva, ma portare la nostra esperienza e le nostre conoscenze nelle operazioni di riscatto lì, dove c'era bisogno - racconta Blanco - abbiamo visto che c'era bisogno di mani e siamo partiti". Arrivati a Lesbo, ricorda, "abbiamo dato i nostri documenti alle autorità greche e abbiamo collaborato con loro, c'era intesa", anche per questo quando sono stati fermati "non capivamo nulla".

Uno stupore che però non ha impedito loro di finire alla sbarra e di essere incriminati per un capo d'accusa molto serio: secondo l'accusa i cinque avrebbero fatto entrare in Grecia persone sprovviste dei titoli necessari per fare ingresso nel Paese.

Commenti
Ritratto di Leon2015

Leon2015

Dom, 11/02/2018 - 18:26

bene!

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 11/02/2018 - 18:31

Facciamo 20 anni,suona meglio ed è un ottimo disincentivo per chi volesse fare altrettanto. Volete salvare vite umane? Andate in Africa con MSF e restateci.

Cheyenne

Dom, 11/02/2018 - 18:46

30 ANNI DI CARCERE DURO

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 11/02/2018 - 18:53

Domanda: li salvano o favoriscono l'immigrazione illegale?.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 11/02/2018 - 19:05

Finalmente in Europa c`è gente che sta svegliandosi dal letargo???

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 11/02/2018 - 19:07

Più corretta la condanna di portarli a casa propria e mantenerli in toto.

RNA

Dom, 11/02/2018 - 19:36

LA GRECIA DI TSIPRAS E' UN PAESE PIU' SERIO DELL' ITALIA DELLA MACCHIETTA MINNITI.

qohelet51

Dom, 11/02/2018 - 19:49

Fa bene la Grecia. Se davvero volevano salvarli potevano riportarli in Turchia, stato pienamente inserito nel consesso civile. Comportandosi da traghettatori sarà bene che ne rispondano. Lo strano è che gli spagnoli abbiano tutto questo senso di umanità quando c'è da portare clandestini negli altri paesi ma mai che salvino quelli diretti ni loro territori.

Giorgio Rubiu

Dom, 11/02/2018 - 19:51

Questo è ciò che dovremmo fare anche noi con le navi ONG che ci portano i clandestini.Sequestro della nave e usarla per riportare i clandestini da dove sono venuti.Arresto degli ufficiali di bordo e dell'equipaggio seguito da processo e condanna con le stesse motivazioni che usa la Grecia che,tanto per cambiare,mostra di avere più grinta di noi.La nave sequestrata,dopo avere espletato il proprio compito,sia venduta all'asta o smantellata.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Dom, 11/02/2018 - 19:52

Non è vero li ha mandati minniti e sono gia assicurati.

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Dom, 11/02/2018 - 19:58

Mi domando se questi personaggi non hanno niente da fare nella vita. Per entrare in uno stato sono necessari i documenti e altro. Spero facciano un po' di galera.

Divoll

Dom, 11/02/2018 - 20:25

Bene! Una lezione che, si spera, servira' anche a educare gli altri.

tRHC

Dom, 11/02/2018 - 20:43

Eh si la musica Greca e' diversa non lo sapevate???

istituto

Dom, 11/02/2018 - 21:00

Bisogna imitare la Grecia....

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 11/02/2018 - 21:00

Anche i Greci si sono svegliati prima di Noi!!! AMEN.

Ritratto di karmine56

karmine56

Dom, 11/02/2018 - 21:06

Che bella notizia.

vince50

Dom, 11/02/2018 - 21:09

Non rischio ma certezza,dieci anni al gabbio altri capiranno credo!!!!

Pigi

Dom, 11/02/2018 - 21:10

I Greci ci sono arrivati, ora dobbiamo arrivarci anche noi. Volevano salvare i clandestini? Dovevano riportarli indietro da dove sono venuti. Invece li hanno portati in Grecia aiutando l'immigrazione illegale: giusta l'incriminazione, speriamo in una condanna a qualche annetto di galera. Tra l'altro, l'esempio di una traversata andata a buon fine incoraggia altri a tentare la sorte, aumentando i morti.

opinione-critica

Dom, 11/02/2018 - 23:01

Giusto che stiano in carcere, possono aiutare i clandestini servendoli in carcere

Tuthankamon

Lun, 12/02/2018 - 00:25

Se li hanno mandati deve andare in galera chi glielo ha ordinato. Ma se sono andati loro, se lo sono meritato. Comunque questa è schizofrenia. Quell'imbecille do Tsipras che fine ha fatto?

19gig50

Lun, 12/02/2018 - 00:36

Quella è gente che tiene alla propria nazionalità... ce ne fossero anche qui!!

Silvio B Parodi

Lun, 12/02/2018 - 00:58

perche' non si fa' cosi anche noi??? e no... la boldrinA non vuole!!!!!

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 12/02/2018 - 06:32

Mi sto chiedendo cosa stavano facendo in acque greche pompieri spagnoli e attivisti danesi. E' probabile che li pagni Soros. Condannateli a dieci anni o più così la "suocera intenda"

umberto nordio

Lun, 12/02/2018 - 07:28

Bravi greci.Dateglieli tutti,e magari di più.

Ritratto di luigin54

luigin54

Lun, 12/02/2018 - 07:58

Speriamo che il dittatorello Turco mantenga le promesse e glieli faccia scontare tutti.

Ritratto di luigin54

luigin54

Lun, 12/02/2018 - 08:00

PS: li darei in mano ai turchi .

maurizio50

Lun, 12/02/2018 - 08:06

Magari da noi si imparasse qualcosa a proposito di come gestire gli improvvisati soccorritori. Se ne mettessimo in galera qualcuno, finirebbe la solfa dei piagnistei delle ONG e degli pseudo benefattori che operano sulle spalle degli Italiani!!!!

mila

Lun, 12/02/2018 - 08:37

@ Pigi -Ma noi come facciamo a riportarli in Libia, che e' un Paese nel caos?

giovanni PERINCIOLO

Lun, 12/02/2018 - 09:04

Spero proprio che il "rischio" si materilizzi e che i dieci anni servano loro per meditare. Il giorno che tutte le anime belle li salveranno le "risorse" e le porteranno a casa non ci saranno più problemi, ma tanto che li salvano e poi li scaricano dove meglio loro aggrada salvo che nei loro paesi sono e restano dei criminali!

Pigi

Lun, 12/02/2018 - 18:08

@mila. Perché sono in Libia? Come ci sono arrivati? Li riportiamo in Libia e da lì imboccano la strada del ritorno nel centro-africa. Il problema è che li hanno fatti andare via aprendo manicomi, carceri e ospedali, quindi avranno problemi anche nel loro paese. Ma noi non possiamo farci carico dei mali del mondo.