Adesso Salvini avverte Battisti: "Vengo a prenderti di persona"

Il governo italiano spera che con la vittoria di Bolsonaro si chiuda definitivamente la questione dell'estradizione del terrorista. Bolsonaro ha promesso di consegnarlo all'Italia. Ma ci sono alcuni problemi burocratici

Matteo Salvini non ha mai fatto mistero di sostenere il neo-presidente del Brasile Jair Bolsonaro. Soprattutto perché il leader del'ultradestra brasiliana ha sempre detto che avrebbe consegnato all'Italia Cesare Battisti, il terrorista condannato all'ergastolo in contumacia e scappato in Brasile per sfuggire alle patrie galere.

Ora che il Brasile ha votato e che Bolsonaro è diventato presidente, l'Italia si aspetta che il leader di Brasilia mantenga la promessa. E Salvini conferma che non aspetta altro: "Non vedo l'ora di incontrare il neo-presidente Bolsonaro. Sarò lieto di recarmi personalmente in Brasile anche per andare a prendere il terrorista rosso Cesare Battisti e portarlo nelle patrie galere".

Anche il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, non ha dubbi. "Cesare Battisti deve tornare in Italia, l'ex terrorista fugge dalla giustizia italiana ormai da quasi 40 anni", ha commentato il ministro pentastellato su Facebook. "Il Tribunale Supremo Federale del Brasile ha già concesso l'estradizione in Italia - afferma Bonafede - chiedendo però di commutare la pena al massimo di trent'anni di reclusione considerato che nell'ordinamento carioca non esiste l'ergastolo. Istanza che è stata già accolta dal mio predecessore nell'ottobre dell'anno scorso. Come tutti sanno, fu l'ex presidente brasiliano, Luiz Inàcio Lula da Silva, a bloccare tutto, ponendo un veto al suo rientro in Italia".

Il ministro ha poi ricordato che sono mesi che "gli uffici del ministero hanno avviato contatti con le autorità brasiliane, tenendosi pronti a un evento che avrebbe potuto cambiare le cose, come la vittoria di Jair Bolsonaro alle elezioni presidenziali". Un impegno confermato anche dal figlio del neo-presidente brasiliano, che ha scritto su Twitter: "Il regalo è in arrivo!", proprio in riferimento all'estradizione del terrorista.

Ma la promessa non è così facile da realizzare. E il motivo è che a livello di giurisdizione interna, non è chiaro se un presidente possa annullare la decisione del suo predecessore, in questo caso Lula. Il leader della sinistra brasiliana, ora in galera, aveva negato il permesso per l'estradizione proprio alla scadenza del suo mandato, il 31 dicembre 2010. E adesso, l'ex membro del gruppo Proletari Armati per il Comunismo si fa scudo con quel provvedimento di Lula, che bloccò la sentenza del 2009 del Tribunale Supremo Federale (Stf) che aveva autorizzato la sua estradizione in Italia.

Michel Temer, presidente uscente, aveva manifestato la volontà di estradare Battisti in Italia. Ma la questione continua a essere controversa. Una sentenza del 13 ottobre 2017 del giudice Luiz Fux dell'Stf aveva stabilito che la magistratura non può revocare quanto deciso da Lula. Per annullarla, servirebbe una pronuncia della prima sezione dell'Stf, ma il tribunale non è stato investito della questione. Mentre il procuratore generale della Repubblica, Raquel Dodge, ha affermato che l'Stf si è già pronunciato per l'estradizione e che essendo una precedente decisione di Lula, ora è competente il neo-presidente.

Commenti
Ritratto di Straiè2015

Anonimo (non verificato)

maricap

Lun, 29/10/2018 - 18:14

Se questo lurido assassino, invece di avere a che fare con il paese "de Pulicenella" si fosse trovato contro una nazione seria, sarebbe già sottoterra da 40 anni. Ma già, qui abbiamo la peggior me rda rossa del pianeta, e magistrati che processano i nostri servizi segreti, e scarcerano i terroristi.

Franck Dubosc

Lun, 29/10/2018 - 18:18

Caro Salvini qui in Italia non si contano nemmeno le persone che verrebbero con lei a riportare in Italia quel bandito

Ritratto di makko55

makko55

Lun, 29/10/2018 - 18:18

Se lo fa’ veramente all’arrivo in Italia mi scolo una bottiglia di “ Bellavista “ !!

ginobernard

Lun, 29/10/2018 - 18:20

e vediamo come va a finire ... Salvini chiaramente ce la sta mettendo tutta ma non è lui il giudice ...

Roberto47

Lun, 29/10/2018 - 18:37

Qualcuno si ricorda che la compagna Baraldini, in galera negli USA per rapina, venne liberata e accolta in aeroporto nientepopodimeno che dal compagno Cossutta con rose rosse. Il ministro degli interni compagno Diliberto disse che era un momento di gioia...

Ritratto di CiaodalBrasile

CiaodalBrasile

Lun, 29/10/2018 - 18:38

Qui il nuovo presidente puo decidere...e Battisti sará estradato.

Reip

Lun, 29/10/2018 - 18:40

Terrorista maledetto! Devi marcire in galera!

Silvio B Parodi

Lun, 29/10/2018 - 18:49

lasciate stare la burocrazia... mettetelo su un aereo e speditelo in Italia, cosa ci vuole?? lasciate gridare gli omuncoli di sinistra!

Ritratto di bracco

bracco

Lun, 29/10/2018 - 19:03

Un criminale comunista pluriomicida che colpiva nel nome della sinistra, così si deffiniva il criminale rosso.......a favorire del nulla fare per la sua posizione di "latitante" sono state le sinistre che si sono alternate al governo nominatre dal peggiore rappresentante, chiaramente un comunista, che l'Italia ha potuto avere, tale Giorgio Napolitano, e questi governi farlocchi mai nulla hanno fatto per portare in Italia questo pluriomicida che amazzava nel nome del comunismo

Anonimo (non verificato)

Ritratto di niki 75

niki 75

Lun, 29/10/2018 - 19:09

Come altri criminali brigatisti rossi e quant'altro, sono stati e continuano ad essere protetti soprattutto DALL'INTELIGHENZIA DI SINISTRA. Vengono definiti compagni che hanno sbagliato, ma che vanno perdonati. Prova ne sia che molti sono stati, oltre che protetti anche riabilitati e fatti assurgere a rango di conferenzieri. Temo che se anche venisse estradato costui, in Italia, in breve tempo, godrebbe dello stesso trattamento.

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Lun, 29/10/2018 - 19:10

Dai 10 a 1 che battisti si è già dileguato o sta per farlo.

Happy1937

Lun, 29/10/2018 - 19:13

L’importante e’ che i Bolzonaro lo tengano ben sotto controllo per evitare che si involi prima di essere caricato sull’aereo diretto in Italia. Sull’aereo teniamolo ben ammanettato e , se possibile, mettamolo nella stiva fra i bagagli dentro una robusta gabbia di ferro.

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 29/10/2018 - 19:27

E io accompagno Salvini.

apostata

Lun, 29/10/2018 - 19:44

Adesso sarà interessante vedere la discesa in campo dei suoi estimatori non solo italiani e in particolare di quelli che si salvarono dalla galera per la dottrina mitterrand.

mariod6

Lun, 29/10/2018 - 20:09

Basterebbe che gli offrissero un bel soggiorno pagato in Italia con un aperitivo di benvenuto in aeroporto. Questo terrorista, sempre appoggiato dai vari governi comunisti succedutisi in Francia, in Brasile e sempre protetto dal soccorso rosso italiano deve crepare in galera al 41 Bis. L'accoglienza gliela faranno i parenti di quelli che LUI ha ammazzato.

vinnynewyork256

Lun, 29/10/2018 - 20:11

sarebb e il primo ciliego sulla torta per il prima politico chi sta facendo qualcosa ... il primo, grazie Dio .. vai Matteo .. ora, ci crediamo .. MAKE ITALY GREAT AGAIN!

giovepluvio2

Lun, 29/10/2018 - 22:20

Se torna in Italia lo vado ad accogliere all'aeroporto facendo il tifo per la polizia.

yulbrynner

Lun, 29/10/2018 - 22:27

E fijita la pacchia x il terrorista fortunello

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Lun, 29/10/2018 - 22:40

Ecco, bravo Felpina... vai a prenderlo che i sinistrati sono capaci di inventarsi i draghi anche durante il volo di ritorno in Italia. Non sottovaluterei questa ipotesi. Questo personaggio è uno dei pochi simboli rimasti per la sinistra... uno ad uno, sono caduti tutti nell'oblio, parlo dei Castro, dei vari Che sparsi dovunque si è fatto casino con il pugno alzato per finire ai kompagnoni dell'America Latina: Maduro, Chavez e cialtroni simili. Questo è protetto ancora anche in Brasile e il nuovo presidente una coltellata l'ha già rimediata... quindi OKKIO.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 29/10/2018 - 22:42

Mah, se preferiscono appenderlo loro ad una corda, ci fanno un favore. In Italia abbiamo diversi bastardi che inneggiano a questi terroristi, sono tutti comunsiti quelli che lo fanno.

Ritratto di roberto-sixty-four

roberto-sixty-four

Mar, 30/10/2018 - 07:49

Certo, portarlo finalmente nella Patrie galere sarebbe una cosa buona e giusta, soprattutto per le vittime ed i loro familiari, tuttavia una soluzione tipo quella che suggerisce Leonida55 mi starebbe comunque bene, anzi forse ancora meglio, il tutto in presenza con ufficiale invito, dei suddetti familiari.

Ritratto di Gius1

Gius1

Mar, 30/10/2018 - 07:53

Se non fosse stato il francese Sarkozy E la moglie ex italiana, battisti sarebbe gia da Un decennio in carcere.

Mogambo

Mar, 30/10/2018 - 08:00

Tutta questa smania e bramosia di arrestare Battisti, è ridicola e puerile.E'solamente fumo negli occhi per il popolino italico, giusto per nascondergli i gravi problemi interni che lo martoriano quotidianamente. Ci si inventa perciò una preda, un trofeo umano importante da dare in pasto alla massa, per aquietarlo, distrarlo e tenerlo buono, paziente e sottomesso come al solito.E' un comportamento meschino, miserabile e disonesto quello messo in atto in queste ore da alcune autorità politiche italiane.Arrestassero piuttosto le migliaia di corrotti che infestano l'amministrazione pubblica e non, che realmente devastano la società e rimangono eternamente impuniti.(lo scandalo MPS per es...)Altro che farsi belli con l'agitare lo "scalpo" di C.Battisti.