Se in Italia si vendono porcini raccolti da bimbi rom a 2 euro al chilo

Funghi che in Italia possono costare anche 35 euro al chilo sono raccolti fra le montagne della Romania da bimbi in età scolare

Funghi porcini in una foto d'archivio

Funghi porcini che in Italia arrivano a costare fino a 35 euro al chilo, raccolti da bimbi rom di pochissimi anni pagati meno di un decimo.

È quello che succede in Romania, fra le montagne della Transilvania e che è stato raccontato da Marta Serafini in un reportage pubblicato sul Corriere della Sera. Nella regione di Maguri Racatau, nel distretto di Cluj, fra i raccoglitori di funghi di etnia rom ci sono bimbi piccolissimi. Chini fra gli alberi a cercare porcini ad un'età che sarebbe quella adatta per giocare fra le mura di un asilo. Qualcuno si dedica alla raccolta negli ultimi giorni prima di tornare a scuola. Nel gruppo di raccoglitori, che vivono all'interno di baracche di fortuna nel bosco, ci sono anche minorenni più grandi e ragazze incinte.

Il prodotto viene pagato in media 2-3 euro al chilo: un prezzo che sui mercati italiani lievita fino a dieci volte tanto. Alcuni fra i raccoglitori raccontano che diversi imprenditori italiani hanno fiutato l'affare e hanno messo su un grosso giro di esportazione verso il nostro Paese.

Lo scorso anno dalla Romania sono arrivati in Italia quasi due milioni di chili di funghi: insieme alla Cina il Paese carpatico, secondo i dati dei Carabinieri Forestali di Parma, fornisce ben il 95% delle tavole degli italiani. Certo questa situazione svela una mancanza di controlli efficaci da parte delle autorità romene per quanto riguarda lo sfruttamento del lavoro. Ma svela anche che molti dei porcini che ogni giorno utilizziamo per arricchire i nostri pasti hanno un prezzo ancora superiore a quello riportato sugli scaffali del supermercato.

Commenti

sbrigati

Lun, 17/09/2018 - 10:40

Anch'io da bambino insieme ai miei amici andavamo in cerca di funghi e li vendevamo, senza per questo creare scandalo.

dagoleo

Lun, 17/09/2018 - 10:50

Ma cosa volete farci? L'altro giorno alla festa del PD di Torino c'era un bambino di 8-10 anni che aiutava a servire ai tavoli. Per lui era un giuoco, ma sappiamo tutti che per gli adulti il suo è un gioco utile. La madre credo l'avesse tenuto impegnato per farlo stare tranquillo e tenerlo sott'occhio, ma la cosa non và bene ed infatti lo feci presente al responsabile e, devo riconoscere, lo fermarono subito. In Romania queste cose sono la norma e nessuno le potrà mai fermare. Pensiamo piuttosto ai bambini violentati o percossi, non ai bambini che vengono abituati ad iutare le famiglie. Crescono con meno vizi dei nostri, che oramai somigliano a ciccio belli di plastica, piagnuccolosi e pieni di vizi stupidi.

pollicino46

Lun, 17/09/2018 - 11:15

Me ne guarderei bene dall'acquistare funghi raccolti da bambini rom...con il bene che vogliono agli italiani son capaci di infilarci ogni tanto una qualche amanite falloide......

baio57

Lun, 17/09/2018 - 11:22

A volte direi ormai spesso non vi capisco,mettere in risalto il bimbo Rom " sfruttato"( MI PIACEREBBE VEDERE SE CORRISPONDE A VERITA')che raccoglie funghi è un'idiozia mentale. "Bimbi chini" nel bosco ? Chi tra di noi anche da piccolo non si è divertito nel cercare funghi ? Oltretutto camminare nella natura fa pure bene alla salute ,e lo consiglio ai nostri figli/nipoti sedentari rimbecilliti dall'Iphone perennemente in mano. Siate seri per favore,LO DICE UNO CHE NOTORIAMENTE STIGMATIZZA IL MODO DI VIVERE DEGLI ZINGARI IN GENERE E SOPRATUTTO I BUONISTI SINISTRATI CHE LI DIFENDONO.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 17/09/2018 - 11:32

sbrigati si tratta di sfruttamento e di esentasse paghe quasi nulle mica lo fanno per sport se si lucra.Con 2 milioni diKg sono belle cifre,giuridicamente parlando quando li vendevi tu andavi contro legge ...pagavi tasse IVA? Eri scritto alla Camera di Commercio il tutto NO.

amecred

Lun, 17/09/2018 - 11:32

veramente una bella notizia. Un sincere Bravo ai genitori (non importa se Rom o altro) che insegnano ai loro figli a lavorare e guadagnare. Fare dei piccoli lavoretti da bambini e' una cosa Bellissima, importante per l'educazione e la crescita.

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 17/09/2018 - 11:49

Ma chi se ne frega. Parliamo invece di quelli che si vedono qui dappertutto. sfruttati per fare la questa, specialmente da neonati in braccio a madri presunte o per borseggiare i turisti sulla metro.

Ritratto di Ninco Nanco

Ninco Nanco

Lun, 17/09/2018 - 17:04

Ai miei tempi tutti i bambini dovevano aiutare in casa per piccoli servizi. Andavamo anche in cerca di funghi, più per gioco che per lavoro. Forse qualche famiglia vendeva anche i prodotti di quei giochi, ma non ne sono certo. Sarebbe importante farlo anche oggi, perché vedo che i giovani hanno una carenza di manualità davvero preoccupante.

baio57

Lun, 17/09/2018 - 18:21

Franco da Trier - Questi bimbi Rom ne hanno di fortuna, due Tre milioni di kg di porcini ? Ma lasa perd !( Ma lascia perdere!)

sbrigati

Lun, 17/09/2018 - 19:20

@ frano ecc. ecc. ai miei tempi, solo per puntualizzare, l'iva era solo un'idea nella mente di qualcuno, era in vigore l'ige, poi trovare ragazzini lungo le strade intenti a vendere fiori od altri prodotti del bosco era normale e NESSUNO, tanto meno vigili e GdF si sarebbe mai sognato di impedire ciò. In ogni caso mettiti l'animo in pace, il, anzi la mia unica compratrice era mia nonna che li cucinava per tutta la famiglia. Tè capì?