Siria, Trump blocca il piano della Cia per aiutare i ribelli anti Assad

La mossa riavvicina Washington a Mosca. Gli aiuti ai "ribelli moderati" erano stati decisi da Obama nel 2013

Trump ha deciso che il programma per armare e addestrare i "ribelli moderati" anti Assad, in Siria, deve terminare. La mossa, a lungo invano auspicata dalla Russia, arriva oggi, come riferisce il Washington Post che cita alcuni funzionari americani.

Il programma, com'è noto, era stato voluto dall'amministrazione Obama nel 2013, per esercitare pressioni su Assad e costringerlo a farsi da parte. La graduale eliminazione del programma, riferiscono i funzionari interpellati dal Wp, riflette l'interesse di Trump a trovare un modus operandi con la Russia, che vede il programma anti-Assad come un assalto ai propri interessi.

Lo stop al programma dimostra lo scarso interesse della Casa Bianca alla rimozione di Assad dal potere, a differenza della precedente amministrazione e delle decisioni iniziali sulla Siria. Solo tre mesi fa, infatti, Trump ordinò il lancio di 59 missili da crociera Tomahawk contro la base aerea siriana di Shayrat, usata anche dai russi, come rappresaglia all'attacco contro il villaggio di Khan Sheikhun, bombardato da un jet decollato dall'installazione militare. Il giorno prima - salvo poi cambiare posizione - l'ambasciatore Usa all'Onu, Niki Haley aveva sostenuto: "Non vediamo alcuna possibilità di pace nell'area con Assad alla guida del governo siriano".

Funzionari riferiscono che in realtà la decisione di cancellare l'invio di armi ai ribelli siriani era stata presa circa un mese fa da Trump in un incontro nello Studio Ovale con il direttore della Cia, Mike Pompeo e il suo consigliere per la sicurezza anzionale, il generale H. R. McMaster, prima del faccia a faccia del 7 luglio in Germania con Putin. Incontro al termine del quale è scaturito un accordo per il cessate il fuoco in Siria.

Commenti

Mogambo

Mer, 19/07/2017 - 23:31

La favola di Esopo "La volpe e l'uva".Paro paro.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 20/07/2017 - 00:00

Oh, finalmente ne ha fatta una delle buone, dopo le tante promesse mai mantenute! Le primavere arabe dovrebbero aver insegnato a tutti che i dittatori in quei paesi sono l'unica soluzione possibile. Se li tiri giù, quei popoli immaturi tornano immediatamente alla barbarie.

hornblower

Gio, 20/07/2017 - 00:10

Finalmente ha capito che deve smarcarsi dalle scelte geopolitiche prezzolate di Obama.

onefirsttwo

Gio, 20/07/2017 - 01:15

Mr.Trump ,I like you . Yeahh .

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Gio, 20/07/2017 - 03:39

finalmente! si incomincia a porre rimedio ai danni fatti dal nobel per la pace e dalla sua banda di guerrafondai radical chic

Iacobellig

Gio, 20/07/2017 - 05:40

BENE.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Gio, 20/07/2017 - 05:42

Per Trump è troppo facile governare bene, dopo Obama. Gli basta fare l'esatto contrario.

Popi46

Gio, 20/07/2017 - 06:20

Bravo Trump. Obama l'abbronzato in politica estera è stato uno sfacelo per gli USA e l'Occidente in generale

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 20/07/2017 - 07:32

"ribelli moderati" , mai sentito di ribelli "moderati".

Ritratto di unononacaso

unononacaso

Gio, 20/07/2017 - 07:59

Evitare di armare (ufficialmente) una nuova forza eversiva non è male. Tanto ormai chi deve sapere sà.

ANTONIO1956

Gio, 20/07/2017 - 08:01

Finalmente una mossa di politica estera coerente e corretta. Ci sarebbe da capire che cosa ha ottenuto in cambio...