La Slovenia si prepara ad abolire le nozze gay?

Su iniziativa del centro-destra il prossimo 20 dicembre gli sloveni potrebbero decidere di cancellare, attraverso un referendum, la legge sul matrimonio e le adozioni per le persone dello stesso sesso. La Slovenia, a marzo, era stata la tredicesima nazione europea a dire sì alle nozze gay

Per la seconda volta in quattro anni, il prossimo 20 dicembre i cittadini sloveni saranno chiamati a decidere, attraverso un referendum, sull’annullamento della legge che riconosce i matrimoni fra persone omossessuali nel Paese. La data, infatti, è stata fissata oggi dall’Assemblea Nazionale di Lubiana, che ha confermato la proposta della commissione parlamentare Affari Sociali per un referendum abrogativo della legge sulle nozze gay, da tenersi alla fine di dicembre.

La Slovenia era stata, nel marzo scorso, la tredicesima nazione europea ad approvare, con larga maggioranza, una legge che equipara le unioni fra le persone dello stesso sesso al matrimonio eterosessuale e che prevede la possibilità per le coppie omossessuali di adottare bambini. La svolta "rainbow" del governo di Lubiana però, già all’epoca dell’approvazione del nuovo Codice di Famiglia, non era stata ben accolta dall'opposizione di centro-destra, che, anzi aveva radunato diverse migliaia di persone di fronte al parlamento per manifestare in difesa della famiglia tradizionale e chiedere un referendum abrogativo.

Così, alcuni giorni fa, le 48mila firme necessarie sono state raccolte e presentate dai promotori dell'iniziativa agli uffici competenti. E grazie al parere favorevole della Corte Costituzionale slovena, la proposta di referendum abrogativo della legge che consente le nozze fra omosessuali nel Paese, è stata accolta, e il mese prossimo i cittadini sloveni saranno chiamati ad esprimersi sull'eventuale cancellazione della legge. La sentenza della Corte Costituzionale, inoltre, ha ribaltato la decisione del Parlamento, che invece, a suo tempo, aveva posto un divieto a qualsiasi modifica della disposizione approvata lo scorso marzo.

Il difensore civico per i diritti umani della Slovenia, Vlasta Nussdorfer, però, ha già promesso battaglia sulla decisione dei conservatori. L’ombudsman ha infatti affermato “che il suo ufficio richiederà una revisione costituzionale di tutta la legislazione rilevante se la legge che riconosce i matrimoni tra le persone omosessuali venisse annullata” dal prossimo referendum.

Annunci

Commenti
Ritratto di Lupodellealpi

Lupodellealpi

Mer, 04/11/2015 - 19:46

Forza Slovenia.... Ich been Szlowieniec !!!!

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Mer, 04/11/2015 - 20:07

speriamo che passi

albertzanna

Mer, 04/11/2015 - 22:03

LUPODELLEALPI - per cortesia, prima di fare esperimenti linguistici, cerchi di studiare la coniugazione del "verbo Sein" in tedesco. Si dice ICH BIN, non been, che è il participio passato di TO BE in inglse. Circa il suo Forza Slovenia, concordo con lei.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mer, 04/11/2015 - 22:33

Fa ridere leggere che mentre gli altri Paesi considerati da certi politici, poco democratici, SONO MOLTO PIU' DEMOCRATICI E REALISTI DELL'ITALIA. Deduco che: o tutti i Politici Italiani vivono in un mondo a parte o sono dei FALLITI SOCIALI migrati nella Politica.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 05/11/2015 - 00:54

# albertzanna 22:03 Perdoni la scivolata linguistica del LUPODELLEALPI. L'importante è che si autoassolve con Forza Slovenia.

little hawks

Gio, 05/11/2015 - 12:45

Chi ha sbagliato può sempre redimersi. Meglio tardi che continuare ad aiutare questi personaggi squallidi.