'Soldati Isis fra migranti': tre arresti in Germania

In Germania la polizia ha arrestato stamane tre siriani sospettati di essere al soldo di Isis. Sono sessanta gli uomini seguiti in tutto il Paese

La polizia tedesca ha arrestato questa mattina tre richiedenti asilo siriani sospettati di essere al soldo dell'Isis. Tre migranti che avrebbero connessioni con gli attentatori del Califfato che hanno colpito Parigi nel novembre del 2015. L'operazione si è dispiegata in diversi raid condotti all'interno di alcuni campi profughi negli Stati della Bassa Sassonia e dello Schleswig-Holstein, nel nord della Germania.

A darne notizia è il quotidiano Die Welt, specificando come gli uomini dell'ufficio centrale per le indagini criminali e quelli dell'unità speciale antiterrorismo GSG9 abbiano anche proceduto al sequestro di telefoni cellulari, dischi rigidi e altri documenti. I tre, di 17, 18 e 26 anni, erano infatti pedinati e monitorati da tempo, sospettati di continguità con gli ambienti radicali e addirittura con gruppi terroristici.

Il ministro dell'Interno Thomas de Maiziere ha dichiarato in conferenza stampa che i tre avrebbero utilizzato le stesse reti criminali degli attentatori di Parigi: "I loro documenti falsi provenivano dallo stesso laboratorio in cui erano stati stampati quelli di chi ha colpito la capitale francese", ha spiegato il ministro.

Dopo una segnalazione dei servizi interni, le autorità di polizia hanno iniziato ad indagare su di loro, intercettandone le telefonate e seguendo le loro mosse passo dopo passo. I tre sarebbero arrivati in Germania verso metà novembre passando per la rotta balcanica grazie a passaporti falsi, riferisce la BBC.

In Germania l'allerta terrorismo è altissima dopo che a luglio tre richiedenti asilo hanno perpetrato altrettanti attacchi nel sud del Paese, sia pure per motivi non sempre connessi alla jihad.

A giugno invece la polizia del Nord Reno-Westfalia aveva arrestato altri tre siriani sospettati di preparare un attentato nel centro della città industriale di Dusseldorf. Al momento secondo Die Welt sarebbero almeno sessanta i richiedenti asilo presenti su suolo tedesco sotto osservazione delle forze dell'ordine perché sospettati di essere radicalizzati.

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 13/09/2016 - 10:56

"sotto osservazione delle forze dell'ordine". In altre parole: bisogna attendere il prossimo attentato per decidersi a prendere i provvedimenti del caso. Quasi meglio dell'Itaglia.

Ritratto di Zohan

Zohan

Mar, 13/09/2016 - 13:04

ma se dei ragazzi cosi' giovani attraversano mezzo mondo con documenti falsi... e riescono a farsi mantenere dagli idioti europei...socuramente non sono dei ragazzi che arrivano dall'oratorio Don Bosco di Aleppo. Se fanno casini ora che sono ancora cuccioli, figuriamoci appena riescono a mettere le mani su un Kalashnikov. Non si integreranno MAI, sono e saranno sempre un periocolo per noi normali indigeni bianchi in via di estinzione a causa del fallimento europeo. Caricare su gommone e via rotta Sud - Sud Est

paavo

Mar, 13/09/2016 - 14:07

Continuo a non capire, i veri rifugiati politici, hanno bisogno di un tetto e la possibilitá di continuare a vivere senza pericoli vitali. Cosa se ne fanno di: Cellulari, tablets, omputers, wi-fi etc etc???? Perché non li requisiscono appena arrivano come: 'rifugiati politici'? eviterebbero i vari collegamenti e corrispondenza con il terrorismo 'Isis'

dakia

Mar, 13/09/2016 - 14:12

Che fa ora la kaizerin, se li tiene i terroristi data la legge varata, in fondo loro non hanno fatto ancora nulla di male qui!erano terroristi laggiù.

Marcolux

Mar, 13/09/2016 - 14:18

Beh, là li arrestano, noi invece li mandiamo in albergo a spese nostre! E'per questo che noi verremo sopraffatti.

Ritratto di MLF

MLF

Mar, 13/09/2016 - 17:48

3... e tutti gli altri? E comunque, "sospettati", nonostante fossero gia' monitorati ed arrivati quasi un anno fa. Krukki proprio eh. Oggi le comiche...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 13/09/2016 - 22:25

Non siamo stupidi, noi lo sappiamo da diversi anni. Spiegatelo a chi di dovere. A chi non è lungimirante. A chi deve difendere la propria poltrona, pensando di mandare a ramengo gli Italiani.

FRANZJOSEFVONOS...

Mer, 14/09/2016 - 08:21

NATURALMENTE LA CARITAS E LA CEI, OLTRE LA CGIL PD NON SANNO NIENTE