South Carolina, agente arrestato: ha sparato alle spalle a un nero

Le immagini mostrano il poliziotto che spara ripetutamente contro l’uomo in fuga e apparentemente disarmato. Adesso è stato incriminato per omicidio e licenziato

L'incubo di Ferguson torna a pesare sugli Stati Uniti. Un nuovo episodio di violenze travolge un poliziotto bianco che ha ammazzato un afroamericano sparandogli alle spalle. È accaduto a North Charleston, in South Carolina, dove l’agente Michael Thomas Slager è stato incriminato (e licenziato) per l’omicidio di Walter L. Scott dopo un diverbio per una violazione stradale lo scorso sabato.

A "incastrarlo" l'agente è stato un video registrato con un telefonino postato dal New York Times sul proprio sito. Le immagini mostrano il poliziotto che spara ripetutamente contro l’uomo in fuga e apparentemente disarmato, colpendolo a morte. L’agente Slager aveva dichiarato di aver agito perché temeva per la sua stessa incolumità. Aveva fermato Scott alla guida di una Mercedes perché aveva un fanalino rotto. Ne era scaturito un diverbio durante il quale, stando alle dichiarazioni dell’agente, l’automobilista avrebbe tentato (non è chiaro se riuscendoci) ad appropriarsi del suo taser.

Il video ha fatto scattare l’incriminazione. "Slager ha preso una decisione sbagliata - ha spiegato il sindaco di North Charleston, Keith Summey, in conferenza stampa - quando si ha torto, si ha torto". L’accaduto passa adesso al vaglio delle autorità federali.

L’episodio riporta alta l’attenzione sull’operato della polizia americana nei confronti di cittadini afroamericani e le tensioni non accennano a placarsi dopo mesi di proteste seguite al caso di Ferguson, in Missouri, dove lo scorso agosto l’agente Darren Wilson, bianco, sparò contro il 18enne Michael Brown uccidendolo. Le autorità federali hanno deciso di non procedere contro Wilson, in quanto hanno ritenuto che non vi siano prove inconfutabili secondo cui Brown avesse le mani alzate nel momento in cui l’agente ha aperto il fuoco contro di lui. La decisione è stata poi confermata anche dal dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Un rapporto commissionato per indagare sull’atteggiamento della polizia a Ferguson ha messo in evidenza un diffuso atteggiamento discriminatorio e la condanna del presidente Barack Obama in persona. Ne sono scaturite dimissioni eccellenti, ma è chiaro che in tutto il Paese le tensioni non accennano a placarsi.

Commenti
Ritratto di franco_DE

franco_DE

Mer, 08/04/2015 - 08:40

QUESTO MERITA 2 VOLTE LA PENA DI MORTE, PRIMO PERCHè SPARA ALLE SPALLE DI UN UOMO ,SECONDA PERCHè è DISARMATA LA VITTIMA.MA SONO YANKEES LI CONOSCIAMO GIà...I VOSTRI ATTUALI PADRONI.

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Mer, 08/04/2015 - 08:41

CONOSCO E SONO STATO UNA VOLTA A CHARLESTON.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 08/04/2015 - 09:08

....ed allora rubiamo tutti e scappiamo, tanto poi noi non ci possono sparare.Questa dovrebbe essere la legalità? Io son convinto che le immagini fanno vedere la fase finale, ma quello che è successo prima? Di solito un poliziotto prima grida di fermarsi oppure spara se non si ferma. Se lui sfida la legge e non si ferma, beh, vige il detto, "uomo avvertito, mezzo salvato".

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 09:19

Immagino l'infernale situazione psicologica di alcuni, che sono visceralmente pro-polizia. Quelli che "la polizia ha sempre ragione", quelli che "se stava a casa sua non gli succedeva niente". Ma in questo caso il poliziotto è americano. E gli americani, una volta amici ad ogni costo, adesso (contrordine compagni!) sono diventati nemici. Roba da mal di stomaco! Fosse stato un poliziotto russo, potrei capire. Ma un poliziotto americano, come si fa a difenderlo? Eh, tempi cupi, ragazzi....

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Mer, 08/04/2015 - 09:33

A prescindere dalla dinamica dell'accaduto, che francamente non mi interessa, in quanto ci penseranno le autorita' inquirenti, mi frulla un pensiero: ma questa continua demonizzazione della polizia quando sono implicate persone di colore non favorisce certamente l'obiettivita' negli interventi della polizia stessa (che non credo sia tutta razzista) e della magistratura e suona come una licenza per delinquere per chi ne vorra' approfittare.

bezzecca

Mer, 08/04/2015 - 09:45

poteva sparargli alle gambe se voleva bloccarlo , si vede dalla foto che ha puntato piu' in alto .

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 08/04/2015 - 09:47

Feyerabend - Ho vissuto in America per anni e le posso garantire che la polizia esagera. Prima sparano poi fanno domande.

Noidi

Mer, 08/04/2015 - 09:48

@do-ut-des: Me Lei sa leggere? Oppure apre bocca solo per dare aria al cervello? Quell'uomo è stato fermato per un fanalino dell'auto rotto, e anche se avesse rubato, la testimonianza dell'agente era che lui si sentiva minacciato, certo come no, da uno che è lontano ca. 20 metri e sta scappando. E Lei lo sa qual'è il problema maggiore?? Che Lei ha anche il diritto di voto.

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Mer, 08/04/2015 - 09:49

Se scappava è perchè forse non era proprio con la coscienza pulita. Gli americani lo sanno meglio di noi... la polizia spara!

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 09:54

@Feyerabend, basterebbe che la polizia la smettesse di sparare a neri disarmati o che scappano. D'altra parte, mi aiuti a capire, per non "demonizzare" cosa si dovrebbe fare? Far finta di niente? Non riportare la notizia sui media? O riportarla blandamente, che so, scrivendo "Spiacevole incidente in South Carolina, ad un poliziotto soprapensierio scappa accidentalmente un colpo di pistola. Cittadino di colore si ferisce nel tentativo di appropriarsi del proiettile." Bene così? E poi, ovviamente, evitiamo di mettere sotto accusa i poliziotti per ogni qualsiasi nonulla....

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 10:02

@do-ut-des, è solo una questione di regole. Se le leggi americane consentono di sparare alla schiena ad uno che scappa, possiamo chiederci se la legge è giusta o no, ma non possiamo prendercela con il poliziotto. Ma se, come credo, il poliziotto può usare l'arma solo per difendersi, non certo per fermare un uomo in fuga, allora le sue considerazioni non sono molto sensate. Si tratta di applicare la legge, anche se non ci piace. D'altra parte permettere ad un poliziotto di sparare ripetutamente alle spalle ad un automobilista disarmato fermato per un fanalino rotto (dove l'ha letto che fosse un ladro?) vuol dire permettere l'applicazione della pena di morte senza processo. Mi spiega poi in cosa consiste quella che lei definisce "sfida alla legge"? Nella fuga? Allora diciamo che secondo lei la fuga è un reato da punire con la pena di morte senza processo.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 10:06

@gabriele74-cina, a parte che le dinamiche fra cittadini neri e poliziotti bianchi sono ormai talmente degradate che ogni nero fermato dalla polizia si sente in pericolo di morte, ma qualunque sia il motivo, le pare possibile che sia definibile lecito sparare alle spalle ad un uomo in fuga? Per quale legge?

BlackMen

Mer, 08/04/2015 - 10:13

do-ut-des: bellissimo intervento non c'è che dire. Prendiamo atto del fatto che: 1) lei è favorevole alla pena di morte per furto o per fuga (come un Talebano) 2) lei ignora il fatto che, in ogni caso, non c'è stato alcun furto 3) lei non concepisce neanche lontanamente l'idea di, per esempio, sparare un colpo in aria o alle gambe del fuggitivo. 4) guardando la foto e pensando alla dichiarazione del poliziotto che si sentiva in pericolo di vita...non le viene un po da ridere?

maricap

Mer, 08/04/2015 - 10:26

Che gli afro-americani forniscano alla delinquenza, buona parte dei loro uomini, è cosa ben risaputa. Anche in questo caso, c'è da chiedersi, il motivo per il quale, il nero stava scappando. Logica vuole che se un "Normale" cittadino viene fermato da un poliziotto, che gli contesta qualcosa, non scappa. A buon intenditor, poche parole.

denteavvelenato

Mer, 08/04/2015 - 10:27

Ma no, si tratta di legittima difesa, ha cercato di rubargli il taser (non è chiaro se riuscendoci??) Probabilmente questo fantomatico taser funziona a metri di distanza, mentre uno sta scappando. @salrandazzo ma le contraddizioni all'interno del suo commento, sono volute?

Ritratto di caribou

caribou

Mer, 08/04/2015 - 10:30

do-ut-des: Basta leggere il suo commento per capire che in questo mondo di M. non abbiamo più molta speranza! Faccia uno sforzo si rilegga con calma l`articolo, prima però si ricordi di accendere il cervello!

poitelodico

Mer, 08/04/2015 - 10:46

Se l'uomo è stato fermato solo per un fanalino rotto, perchè scappa? Cosa ci sarebbe di così grave da temere un fanalino rotto? Sarà forse che ci sarà stato qualcos'altro? Gli americani sanno che se scappano ad un controllo della polizia rischiano di farsi sparare. Quell'uomo è scappato? Sapeva dunque cosa rischiava. Io non scappo se la polizia mi ferma per un fanalino rotto! Come è stato detto su questo forum "uomo avvertito, mezzo salvato"!

Noidi

Mer, 08/04/2015 - 10:51

@caribou: Perchè dovrebbe accendere qualcosa che non ha???

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 08/04/2015 - 11:00

Paese che vai, cultura e leggi che trovi. Gli USA non sono mai stati come l'Italia e pretendere di giudicare con il nostro metro di giustizia è sbagliato il solo farlo. Da quelle parti la maggioranza dei reati sono fatti dai neri per cause diverse, rivalsa contro i bianchi, povertà e un certo menefreghismo che fa parte della cultura americana sia di neri che di bianchi. Se il tizio scappava dopo aver ricevuto l'intimazione era già in torto, se ha rubato al poliziotto il faser, anche peggio. L'errore del poliziotto, semmai, è stato di dichiarare che si sentiva minacciato ma non quello d'avere il diritto di fermare il tizio come meglio credeva. In USA, paese dai grandi spazi, se un colpevole non lo fermi subito non lo fermi più. Non per niente in USA è nato il western e la legge la stabiliva la colt perché poliziotti non ne trovavi.

entropy

Mer, 08/04/2015 - 11:02

Non è chiato cos'è quell'oggetto che rotola dietro il poliziotto nei primi fotogrammi. Forse la taser che il negro ha provato a fregare. Anche la corsa non sembra quella di qualcuno che si aspetti una raffica di proiettili. Era ubriaco ?

denteavvelenato

Mer, 08/04/2015 - 11:04

@maricap La logica vorrebbe anche che un poliziotto non sparasse alla schiena ad un uomo, (che forse non aveva commesso pure nulla)

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 11:20

@maricap, secondo lei se uno scappa merita di morire? E il poliziotto in questione è sollevato da ogni responsabilità, anche se ha sparato alle spalle ad un uomo disarmato? Il suo teorema sembra essere: "Scappi? Hai qualcosa da nascondere. Quindi crepa in silenzio. E nessuno, please, rompa l'anima al povero poliziotto che ha sparato": Ho capito bene?

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 11:26

@denteavvelenato, le risponderei volentieri se lei mi spiegasse a quali contraddizioni fa riferimento. A volte, ma non so se è questo il caso, uso l'ironia per alleggerire un po' il commento. Le posso chiedere di essere più chiaro? COmunque, per evitare interpretazioni errate, io penso che i poliziotti debbano rispondere delle loro azioni, come qualsiasi cittadino. Negli USA, a Genova, ovunque. Ci devono essere delle chiare "regole di ingaggio". Al di fuori di queste, un normale processo.

Ritratto di caribou

caribou

Mer, 08/04/2015 - 11:27

Noidi. Vero! Ma a volte provo ad essere ottimista, sperando si tratti solo di una disattenzione, in questo caso, purtroppo, ho paura di doverle dare ragione!

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 11:28

@poitelodico, se ha seguito un po' la recente cronaca USA avrà visto che non mancano i casi di neri uccisi senza ragione da poliziotti bianchi. Si metta nei panni di un nero, e mi dica se anche lei non avrebbe paura, tanta paura da pensare di scappare. Poi la questione è semplice: se la legge USA autorizza un poliziotto a spare ad un uomo che scappa, va tutto bene. Altrimenti il poliziotto deve pagare il suo errore. Tutto qui.

Ritratto di emarco54

emarco54

Mer, 08/04/2015 - 11:30

dalla foto si vede che il poliziotto non lo insegue, ma punta un'arma non in direzione delle gambe, ma per uccidere. Mi sembra davvero troppo, non si puo' uccidere un uomo in questo modo.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 11:31

@poitelodico, l'uomo in questione, il nero, può scappare per mille motivi. Paura, o forse aveva fatto qualcosa che non va. Penso che non sia quello il punto, per noi è inutile speculare sul "perché scappava". L'unica domanda è: "E' lecito sparare ad un uomo disarmato che fugge?". Se la risposta è SI (parlo della legge, non del suo personale desiderio) allora stiamo parlando per niente. Se la risposta è NO, allora il poliziotto va processato.

Fendente

Mer, 08/04/2015 - 11:33

Per tutti quelli che scrivono cose del tipo: "se scappa qualcosa avrà fatto" Mi auguro che questi che non debbano mai trovarsi nella situazione di avere un figlio, un nipote o chiunque altro che per una stupidaggine adolescenziale possa prendersi una pallottola nella schiena. Vedremo poi se riusciranno a dire frasi del tipo, se l'è cercata

marvit

Mer, 08/04/2015 - 11:42

Mi chiedo e chiedo a chi è ancora in possesso di piccolo materiale celebrale: se avesse semplicemente accettato la multa che gli spettava,non sarebbe finito tutto lì ????

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 11:52

Qualcuno sa, per certo, se il codice penale USA (o quello del South Carolina) prevede la pena di morte per un uomo disarmato che fugge da un poliziotto. O se prevede che il poliziotto possa sparare ad un uomo disarmato che fugge? Parlo di codice, di legge, non di sensazioni epidermiche. Perché se il codice non autorizza il poliziotto a sparare se non è in pericolo, allora posso capire, con molta gentilezza, di cosa stanno parlando quelli che fanno tante ipotesi sul perché il nero stesse scappando ed assurdità analoghe?

plaunad

Mer, 08/04/2015 - 11:53

Giá, ma come mai il negretto scappava .....?

Ritratto di komkill

komkill

Mer, 08/04/2015 - 11:54

I blah blah buonisti lasciano il tempo che trovano. Se l'uomo fuggiva l'agente aveva il potere di sparargli, cercate su wikipedia "Fleeing_felon_rule". Ma lo sanno perfettamente in USA, solo che vogliono fare un po' di polemica.

1967

Mer, 08/04/2015 - 11:57

Scusate, mi sorge spontanea una domanda: Perche' quello ha sentito il bisogno di scappare ? Io penso che nessuno di noi si mette a scappare dalla polizia. Io stesso sono stato fermato dalla polizia negli USA per una infrazione. Non sono scappato. Gli agenti sono stati molto gentili e semplicemente mi hanno notificato l'infrazione. Ho svoltato dove non potevo farlo. Certo hanno verificato se per caso non fossi ubriaco, ma visto che non lo ero e notando che la mia era una auto a noleggio e io uno straniero in vacanza, mi hanno semplicemente spiegato che in quel punto non potevo svoltare e chiesto gentilmente di stare piu' attento. Certo che se uno comincia ad alterarsi e litigare e poi tenta anche di scappare (per un fanalino rotto ?) allora i guai se li va proprio a cercare. Poi posso anche capire quelli che dicono che la reazione e' sproporzionata, ma dovete capire che negli USA, ognuno e' libero di portare armi con se, quindi la polizia agisce sempre con la mano pronta sulla pistola.

denteavvelenato

Mer, 08/04/2015 - 12:00

@salrandazzo No, mi sembrava di ravvisare delle contraddizioni nel suo primo commento, quando dice:E gli americani, una volta amici ad ogni costo, adesso (contrordine compagni!) sono diventati nemici. Roba da mal di stomaco! Fosse stato un poliziotto russo, potrei capire. Ma un poliziotto americano, come si fa a difenderlo? Comunque condivido tutti gli altri commenti che ha pubblicato

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 08/04/2015 - 12:01

E' inutile far finta di niente, in Africa ammazzano i cristiani solo perché non sono islamici e tutto fu innescato da Obama e dalla sua "Primavera araba".

BlackMen

Mer, 08/04/2015 - 12:01

marvit: certo che si...ma a lei, in tutta sincerità, non sembra eccessiva la pena di morte per una questione del genere?

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 12:01

@marvit, cerco di usare per risponderle tutto il poco materiale cerebrale di cui sono fornito. Nel caso, sia gentile, me ne dia un po' del suo, dato che con tutta evidenza lei ne possiede molto più di quel che le serve. Noi non abbiamo informazioni sul perché il nero sia fuggito, su cosa sia successo. Ammesso che sia vero quel che dice il poliziotto, ossia che sia scoppiato un alterco, possiamo ammettere che il nero si sia messo dalla parte del torto. Bene. Parliamo allora di resistenza a pubblico ufficiale. Le pare che per resistenza a pubblico ufficiale sia prevista la pena di morte? Guardi che non serve un gran cervello per capire che la reazione della polizia deve essere adeguata alla situazione. Quando un poliziotto esagera, quando viola la legge, deve essere processato. A Charlotte, a Genova, ovunque.

CONDOR54

Mer, 08/04/2015 - 12:06

che paradosso da noi possiamo causare la morte di 33persone e andare a spasso schettino docet li invece ti sparano alle spalle x un fanalino?? viva l'itaglia!!!!!e la nostra giustizia viva

Ritratto di mirosky

mirosky

Mer, 08/04/2015 - 12:10

plaunad,vorrei vedere lei difronte ad una pistola carica pronta a sparare...

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 12:12

@plaunad, nel suo conciso intervento sottolineo due dettagli. Primo, l'uso dispregiativo del termine "negretto". Se fosse stato bianco avrebbe scritto "bianchetto" o cosa? Secondo, la solita domanda (se avesse letto i commenti precedenti avrebbe già trovato parziale risposta) sul perché l'uomo scappasse. Ma provo a spiegarle: non importa perché scappava. Era impaurito? Forse. Per un nero fermato da poliziotti bianchi non è strano essere ucciso senza motivo, come forse lei avrà letto, è già successo numerose altre volte. Era ubriaco? Forse. Era un ladro? Forse. Aveva rubato la mercedes? Forse. Ma per ognuna di queste ipotesi non vale l'assunto "se scappi hai qualcosa da nascondere, quindi ti sparo". Non esiste, che io sappia, una legge che autorizza l'assassinio (di questo si parla) in assenza di un valido motivo. E qui, al momento, non pare esista un valido motivo.

BlackMen

Mer, 08/04/2015 - 12:14

plaunad: esatto domanda corretta...è quello che avrebbe dovuto scoprire il poliziotto invece di sparargli 8 colpi alle spalle, ammanettarlo quando già era morto e porre il suo teaser vicino al corpo ormai privo di vita del fuggitivo alterando la scena del delitto. Non crede? no eh! meglio sparare e poi chiedere spiegazioni al morto. Per fortuna pare che, almeno questa volta, la polizia non farà sconti al delinquente (il poliziotto) che rischia da un minimo di 30 anni alla pena di morte (che in ogni caso non approvo)

BlackMen

Mer, 08/04/2015 - 12:16

Gianfranco Robe...: mi raccomando...sempre sul pezzo Robert...non ci deludere ahahahahaha

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 12:19

@denteavvelenato, il primo commento era ironico. I fedeli commentatori di qui una volta erano sfegatati filoamericani. E, ovviamente, sfegatati difensori dei poliziotti, sempre e comunque. Soprattutto quando se la prendono con i deboli. Oggi le cose sono cambiate, gli americani ora sono diventati nemici (e i russi, comandati dal "democratico" ex-comunista Putin amici!!!!). Mi chiedevo, alla luce di questo voltafaccia, se avrebbero ancora difeso in modo sfegatato i polizotti. Vedo che si. La voglia di difendere un poliziotto che spara ad un negro la vince su tutto, anche sul nuovo antiamericanismo.

BlackMen

Mer, 08/04/2015 - 12:19

komkill: guardi che sta facendo confusione con i posti di blocco militari in scenari di guerra.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 12:34

@komkill, prima di tutto le chiederei il significato del termine "buonista" usato in questo frangente. A me pare che si debba parlare di rispetto della legge, e non di essere "buoni" o non buoni. A questo proposito (o a sproposito?) lei cita la "Fleeing felon rule", ed un lettore superficiale potrebbe pensare che lei abbia ragione. Ma leggendo meno superficialmente si scopre che "Under U.S. law the fleeing felon rule was limited in 1985 to non-lethal force in most cases" e che "A police officer may not seize an unarmed, nondangerous suspect by shooting him dead". Siccome non posso riportare qui tutto l'articolo, invito tutti a leggere wikipedia per scoprire che il poliziotto può usare "deadly force" solo se pensa che l'uomo in fuga possa mettere a rischio la sua vita (del poliziotto) o quella di qualcun altro. Komkill, capisco il suo desiderio di difendere sempre e comunque il poliziotto (buonismo verso la polizia?), ma in questo caso direi che lei ha sbagliato mira.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 12:45

@1967, penso che non sia importante il motivo che ha spinto il tizio a scappare. Paura? forse. Avrei paura anche io, se fossi nero fermato da poliziotti bianchi. Ne hanno uccisi, senza motivo, più di uno. Era un ladro? Forse. Aveva rubato la mercedes? Forse. Nessuno di questi motivi autorizza un poliziotto a sparare ad un uomo disarmato che fugge. La reazione è spropositata? Ok, allora il poliziotto risponda delle sue azioni.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 12:46

@Gianfranco Robe.......... potremmo avere un po' di quella roba che si è fumata? Deve essere fantastica!

denteavvelenato

Mer, 08/04/2015 - 12:52

@salrandazzo La ringrazio per il chiarimento, di quella che avevo scambiato per contraddizione, saluti

NON RASSEGNATO

Mer, 08/04/2015 - 13:07

Perché scappava?poteva fermarsi!!!non era mica in Italia dove tutto è lecito ai delinquenti.

plaunad

Mer, 08/04/2015 - 13:11

@ mirosky, trattandosi di un poliziotto avrei alzato le mani, se avevo la coscineza tranquilla ovviamente .......

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 13:29

@plaunad, se lei fosse un nero nel sud, se lei avesse saputo (difficile non saperlo!) che molti neri disarmati sono già stati uccisi senza motivo da poliziotti bianchi, non so davvero se alzerebbe le mani così tranquillamente. E compunque il punto è un altro. La legge USA non permette ad un poliziotto di sparare ad un uomo disarmato. Neanche se questo scappa. Quindi il poliziotto ha violato la legge. Non mi pare così difficile da accettare.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 13:35

@NON RASSEGNATO, lei evidentemente non ha letto i commenti precedenti, altrimenti non farebbe la solita domanda "perché scappava?". E' una questione di legge, sa quelle cose che si scrivono nei codici e che si studiano all'università. Lo so, complicazioni inutili, roba da intellettuali. Sarebbe più bello poter sparare ad uno sporco negro così, senza troppe complicazioni. Invece gli stati si sono dati delle leggi, e queste leggi le devono rispettare soprattutto i tutori dell'ordine. Non vale che "se scappi ti uccido". La legge non dice così. Scappare è sbagliato, è un errore, finanche un reato. Ma non prevede la pena di morte. Se il poliziotto spara ad un uomo disarmato che fugge e che non costituisce minaccia per la vita sua o di altri, viola la legge e va processato. Punto. Si rassegni. Guardi che se ci prova, se ci si applica con calma, ci può riuscire, può capire anche lei questo concetto per altro piuttosto semplice.

windpd

Mer, 08/04/2015 - 13:40

ma sempre negri ci son a delinquere?

Ritratto di mirosky

mirosky

Mer, 08/04/2015 - 13:43

plaunad,si sta arrampicando ridicolmente sugli specchi,se ne rende conto?

Guido_

Mer, 08/04/2015 - 13:52

E' anni che esiste questo sistema, anche in Italia.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 14:08

@NON RASSEGNATO, in realtà ho la sensazione che l'Italia non sia poi questo paese di bengodi per i delinquenti. A parte quei pochi che sono in grado di pagarsi avvocati di grido o di modificare le leggi e le prescrizioni a loro uso e consumo, gli altri riempiono le carceri all'inverosimile, ben oltre la loro capacità. E non parlo solo di detenuti in attesa di giudizio. A questo aggiunga che i politici di ogni colore, si, anche quelli di destra, si sono ben guardati dal realizzare nuovi carceri, capirà anche lei che in italia si viene condannati e si sconta la pena in carceri disumane.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 14:17

@NON RASSEGNATO, lei evidentemente non ha letto i commenti precedenti, altrimenti non farebbe la solita domanda "perché scappava?". E' una questione di legge, sa quelle cose che si scrivono nei codici e che si studiano all'università. Lo so, complicazioni inutili, roba da intellettuali. Sarebbe più bello poter sparare ad uno sporco negro così, senza troppe complicazioni. Invece gli stati si sono dati delle leggi, e queste leggi le devono rispettare soprattutto i tutori dell'ordine. Non vale che "se scappi ti uccido". La legge non dice così. Scappare è sbagliato, è un errore, finanche un reato. Ma non prevede la pena di morte. Se il poliziotto spara ad un uomo disarmato che fugge e che non costituisce minaccia per la vita sua o di altri, viola la legge e va processato. Punto. Si rassegni. Guardi che se ci prova, se ci si applica con calma, ci può riuscire, può capire anche lei questo concetto che è per altro piuttosto semplice.

Ritratto di makisenefrega

makisenefrega

Mer, 08/04/2015 - 14:20

Quindi per diventare poliziotti, in America, è espressamente richiesto che il colore della pelle sia bianco? Se non ricordo male, mi sembra di aver visto più volte poliziotti neri, ma forse ero in preda ad allucinazioni. Come è assolutamente falso che dei poliziotti, per eccesso, abbiano sparato anche ai bianchi. Invece trattasi di caso razziale: polizia contro negri. Bisogna assolutamente mettere sotto processo TUTTO il corpo di polizia razzista.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 14:24

@windpd, non credo che le carceri americane siano piene solo di neri. NOn sono mai stato in un carcere USA, ma un'ampia cinematorgrafia ci fa vedere che in carcere ci sono sia bianchi che neri che ispanici che cinesi ecc ecc. POi, sa, è ovvio che c'è una maggior delinquenza comune negli strati più poveri della popolazione. GLi altri, quelli che non hanno problemi di soldi, quelli solitamente la sfangano pagando fior di avvocati. Oppure, se sono italiani, si fanno modificare le leggi a loro piacimento.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 14:29

@windpd, nella fattispecie il "negro" è la vittima. A meno che per lei uno che gira con una mercedes con un fanalino rotto possa essere definito un delinquente. Comunque pare che il delinquente qui sia quello che ha sparato alle spalle ad un cittadino che, per motivi ancora da definire, stava scappando. E siccome nessuna legge USA autorizza un poliziotto a spare alle spalle ad un cittadino disarmato che scappa, allora chi ha sicuramente violato la legge, quindi delinquente, è il poliziotto. E il delinquente, in questo caso, non è nero. E' bianco.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 14:39

@makisenefrega, ho riletto più volte il suo commento, ma confesso di non aver capito molto. Ho solo capito che lei propone, anzi, a modo suo impone di processare "assolutamente" TUTTO il corpo di polizia razzista. Ma sia gentile, come pensa che sia possibile processare TUTTA la polizia? Quale, tutta la polizia USA? O solo quella del South Carolina? E poi su che base? Sulla richiesta di un commentatore di un articolo de ilGiornale? Forse è meglio tornare con i piedi per terra. I processi si fanno "ad personam", non esiste, in nessuna parte del mondo, che si possa processare un organismo in toto. Ognuno paga per le sue colpe. Ci saranno poliziotti onesti, poliziotti corrotti, poliziotti razzisti. Non esiste nelle leggi USA o di qualsiasi altro paese del mondo la possibilità di processare "assolutamente" TUTTA la polizia razzista.

marvit

Mer, 08/04/2015 - 14:57

@salrandazzo. La mia poca o tanta materia grigia mi suggerisce,sempre e comunque, di accettare le multe quando sono colto in difetto;al limite,così come tutti,cerco di convincere il tutore dell'ordine ad essere meno pesante negli addebiti.Certamente non scappo ne mi faccio sparare.In più,ritornando al nostro caso poco chiaro,non mi butto nel tifo: cow-boy cattivi contro indiani buoni come qualcuno sta facendo

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 08/04/2015 - 15:08

Da noi, in Italia, i delinquenti sono abituati a fare quello che gli pare, scappare, tentare d'investire la forza pubblica, tirare sassi e combattere a bastonate con la forza pubblica, ecc. per il solo fatto che sanno che hanno le mani legate dai politici che li difendono. In USA se un poliziotto ti ferma e ti intima di restare lì non è che te ne puoi scappare come se niente fosse. Lì ti sparano solo perchè hai disubbidito all'autorità costituita, non stanno a sprecare tempo, forza e denaro per trovarti e assicurarti alla giustizia. Fanno solo che bene.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 15:18

@marvit, evitare il tifo è cosa buona e giusta. Così come è cosa buona e giusta pagare la multa o al limite discutere civilmente. Ma non è considerabile "tifo" il sottolineare che la legge è legge, e che nessuna legge USA autorizza un tutore dell'ordine a sparare alle spalle di un uomo disarmato che scappa. Qui non è questione di "tifo", e neanche di cowboys contro indiani. E' una banale questione di legge. Magari mi sbaglio, ma secondo la legge qui c'è una vittima ed un colpevole di omicidio. Poi, forse, come negli altri casi il poliziotto verrà scagionato. Ma la lista comincia ad essere lunga.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 08/04/2015 - 15:43

YES we can

Ritratto di makisenefrega

makisenefrega

Mer, 08/04/2015 - 16:07

Evidentemente non ha capito che la mia era ironia. Che si parla di quel "povero negro" e discriminazione razziale, quando non c'entra nulla. Che le azioni di un individuo non dovrebbero compromettere un intero corpo. Ma avviene così, si sa. Il poliziotto ha ecceduto e va condannato. Punto, non c'è bisogno di aggiungere altro con patetici commenti inutili.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 16:17

@stock47, lei è un artista nell'infilare luoghi comuni come se fossero perle di una collana o grani di un rosario. In italia i delinquenti finiscono in galera, e come! Soprattutto se sono poveracci che non si possono far eleggere i propri avvocati in parlamento, per studiar leggi scagionanti, alleggerenti, autoprescriventi. In Italia si va in galera, e ci si resta, sovraffollati. E ci si muore pure. Lo capirebbe se avesse pazienza di leggere i quotidiani, e non solo i titoli, e non sono ilGiornale. E in america, negli USA, esistono le leggi. E le leggi dicono che i poliziotti non possono sparare ad un uomo disarmato che scappa. Non ti sparano "solo perché hai disobbedito all'autorità costituita". Ti sparano se li minacci, questo si. Certo, a volte esagerano e non sempre i giudici se la sentono di condannarli. Un po' per non andare contro l'onda WASP, un po' perché magari sono anche loro forcaioli. Ma le leggi esistono anche li. E sono state violate.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 08/04/2015 - 16:41

@makisenefrega, mi scuso per l'equivoco. Evidentemente, e l'ho premesso nel mio precedente commento, non avevo capito.

boxer60

Gio, 09/04/2015 - 09:08

Il nero sta scappando perché se avesse infranto la legge solo col fanalino dell"autovettura? RISULTERA come nei precedenti fatti? che si tratta di persone pregiudicate ma ogni pretesto e buono e si dara via a saccheggi e devastazioniintimidazioni a scapito dei nativi.Un films che vedremo anche in italia recente attacco al ex capo della polizia de gennaro da parte del sig. Orfini PD.PER I FATTI DI GENOVA.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 09/04/2015 - 11:48

Il laser è un'arma, sottolineo arma, che poteva essere puntata contro il derubato, che sentendosi minacciato, ha intimato l'alt in quanto poliziotto, quindi ha aperto il fuoco.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 09/04/2015 - 11:50

I neri pretendono il diritto di fregare le armi ai poliziotti. Obama ha fregato gli elettori.

marcs

Ven, 07/10/2016 - 12:55

Caro ROBE,innanzitutto non era un laser, ma semmai un teser, e comunque il morto e molto lontano dallo sparatore. Secondo lei il poliziotto era minacciato da uno che stava parecchio lontano e di spalle? Ma mi faccia il piacere, smetta di pensare e guardi le cose in modo obiettivo.