Usa, la Camera approva la proposta per levare la pensione agli ex nazisti

Criminali di guerra hanno continuato a percepirla in cambio dell'espulsione. La bozza passa ora al Senato

È passata all'unanimità la proposta di legge che abolirà, negli Stati Uniti, il versamento della pensione per gli ex nazisti che hanno vissuto nel Paese.

Non hanno avuto dubbi i membri della Camera dei rappresentanti, che hanno risposto così a un'inchiesta che lo scorso ottobre aveva rivelato che che ex criminali di guerra continuano a percepire la pensione ottenuta in cambio della loro espulsione dal Paese. La legge dovrà ora essere approvata anche dal Senato.

Tra le persone che potrebbero essere colpite dalla nuova legge anche il 90enne Jakob Denzinger, ex guardia di Auschwitz che nel 1989 aveva lasciato gli Stati Uniti e perduto la cittadinanza statunitense, ottenendo in cambio di continuare a ricevere la pensione. Oggi vive in Croazia ed è sotto inchiesta per crimini di guerra.

"Il numero delle pensioni che ricevono i nazisti è basso", ha detto Sam Johnson, repubblicano co-autore del provvedimento adottato alla Camera, ma "continuarne il pagamento sarebbe un insulto a coloro che hanno sofferto per mano loro".

Commenti
Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Mer, 03/12/2014 - 09:50

....mamma mia che decisione! saranno rimasti 4 gatti... è costata di più fare la legge che quello che devono versare... smart people !!!

Massimo Bocci

Mer, 03/12/2014 - 10:15

Ormai che son tutti morti una decisione OBAMA COMPATIBILE NOBEL, non faranno danni ai superstiti!!!

gazzifam

Mer, 03/12/2014 - 10:17

I nazisti sono stati dei pivelli in confronto ai morti che hanno fatto e stanno facendo gli USA. Il toro che dà del cornuto al bue.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Gio, 04/12/2014 - 11:32

A quale titolo fu loro concessa? Avevano pagato dei contributi, o era una pensione sociale? Saperlo potrebbe orientare il commento in una direzione o in un'altra. Nel primo caso (versamenti contributivi), è un abuso cancellare la pensione. Nel secondo caso (carità sociale), forse fu un errore iniziale concederla. Se poi si trattava di scambio di favori, del tipo ti dò una mercede se tu mi riveli alcuni segreti, be' pensione non era, quindi come levargliela? Chi è in grado di chiarire? Grazie. Sekhmet.

mauriziosorrentino

Ven, 05/12/2014 - 22:50

Si è giusto! Ora che paghiamo i nuovi e giovani nazisti ucraini non possiamo pagare contemporaneamente ancora i loro nonni! Che si facciano della solidarietà intergenerazionale tra di loro! Cxxxo,in fin dei conti,come ha ufficialmente dichiarato la nostra addetta alla fureria Viktoria Nuland,ci siamo sputtanati 5 miliardi di dollari per allevarli in 23 anni e poi aizzarli contro Yanukovich e dopo il colpo di stato, insediarci la giunta fantoccio di Yatsheniuk ,che proprio ieri ha donato la cittadinanza ucraina e il dicastero dell'economia e altri due importanti ,a nostri uomini....si,si proprio gente nostra ,fidata che ha lavorato decenni per il dipartimento di stato USA! Cosa vogliono ancora sti vecchietti nazisti del '33 ? Sho,Sho adesso il lavoro è passato ai vostri nipotini!