La strana mossa di Erdogan: scuole nel covo dei jihadisti

Il governo turco pronto ad aprire dieci nuove scuole al confine tra Turchia e Siria. Ma il rischio di infiltrazioni jihadiste nelle strutture è elevato

La provincia di Hatay si trova al confine tra Turchia e Siria. Sconosciuta ai più è una delle tappe preferite dai foreign fighters occidentali per raggiungere lo Stato islamico. In passato, durante la rivoluzione civile siriana Hatay era stato il passaggio prediletto di tante associazioni che raggiungevano la Siria per gettare benzina sul fuoco nella lotta contro Assad. Una zona a rischio quella di Hatay. Difficile da gestire e da mettere in sicurezza.

Nonostante le condizioni della provincia siano queste, il governo turco ha deciso di aprire, come riporta Hurriyet, 10 nuove scuole per i figli degli immigrati siriani che si sono rifugiati nel Paese. Le strutture scolastiche saranno aperte nella zona di Reyhanli, situata nella zona meridionale della provincia, e dove sono presenti già 32 scuole per rifugiati.

Questa iniziativa è stata portata avanti dal comune di Reyhanli, dal ministero dell'Istruzione turco e dall'Autorità turca per la gestione delle emergenze (Afad). Nella zona di Hatay si trovano infatti circa 41 mila siriani in età scolare. Attualmente però di questi solo 140 mila hanno accesso alle scuole. Cosi è nata la decisione delle autorità turche di mettere parte del budget per la gestione di questa emergenza a disposizione di progetti educativi. E questa è la cronaca. Sorgono spontanee però alcune domande.

Se Hatay è una zona a rischio radicalizzazione, come abbiamo documentato anche in Isis segreto, come mai Erdogan non si premura di spostare i migranti verso zone più sicure? Cosa verrà insegnato in queste scuole (quesito non da poco dato che la radicalizzazione passa anche da queste strutture)?

Commenti

Massimo Bocci

Mer, 06/01/2016 - 16:52

Per continuare l'indottrinamento......ISIS!!!!

Sleeper

Mer, 06/01/2016 - 19:12

Erdogan è un lurido terrorista ma è tutt'altro che pazzo. Ha impiantato scuole a ridosso dei covi del radicalismo islamico per usare i bambini come scudi umani contro eventuali bombardamenti occidentali o russi in modo da continuare indisturbato gli sporchi traffici con i macellai vestiti di nero.