''La Svizzera avvelena l'Africa con carburanti tossici''

Un'inchiesta condotta dall'ong elevetica Pubblic Eye ha rivelato che colossi svizzeri dell'industria degli idrocarburi vendono ai Paesi dell'Africa occidentale carburanti di pessima qualità e tossici per la popolazione

La Svizzera avvelena l'Africa, è questo ciò che emerge leggendo il report della ong elvetica Pubblic Eye, che dopo 3 anni di lavoro ha reso pubblica un'inchiesta nella quale accusa alcune compagnie svizzere, specializzate nel commercio di materie prime, di ''inondare l'Africa di carburanti tossici''.

Leggendo ''Dirty Diesel'', il nome del rapporto pubblicato dall'ong, subito ci si rende conto di cosa si tratta. Infatti in modo lapidario il testo recita: ''alcune imprese svizzere proprietarie di distributori di benzina fanno affari agendo in modo vergognoso all'interno della catena di produzione e distribuzione. Nell'Africa occidentale ad esempio, le aziende Vitol, Trafigura e Addax & Oryx approfittano dei deboli standard africani per vendere carburanti di bassa qualità e realizzare guadagni a discapito della salute pubblica degli africani''. Poi proseguendo nella lettura del testo si scopre che l'ong ha effettuato delle analisi su carburanti prelevati in otto Paesi africani, ed è emerso che in queste miscele è presente una quantità di zolfo fino a 378 volte superiore al limite consentito in Europa e che inoltre sono presenti anche benzene e policiclici aromatici in quantità che in Europa e USA non sarebbero mai consentite.

Ciò che sostiene quindi l'organizzazione elvetica è che colossi del calibro di Trafigura, Vitol, Oryx e Lynx Energy, Glencor, Mercuria e Gunver, approfittando del tacito consenso dei governi di Paesi come l'Angola, Gana, Senegal e Costa d'Avorio, producono e poi vendono a queste nazioni carburanti di bassa qualità e di alta nocività, facendo così affari consistenti. Anche se poi a pagarne le conseguenze in prima persona sono gli africani. In un passaggio del testo si legge infatti: '' La produzione e la vendita di carburante tossico sono illegittime e violano il diritto alla salute della popolazione africana. Secondo un recente studio dell'OMS, l'Africa è vittima del più elevato aumento di inquinamento dell'aria nelle zone urbane a livello mondiale. Le proiezioni del Consiglio Internazionale per un Traffico Pulito (ICCT) prevedono che l'inquinamento dell'aria legato al traffico stradale causerà, entro la fine del 2030, tre volte più decessi prematuri in Africa che in Europa, Stati Uniti e Giappone messi insieme.'' E poi il documento prosegue dicendo: ''Le malattie respiratorie rappresentano già un grande problema in questa regione ed i gas di scarico sono classificati come cancerogeni dall'OMS. Per fermare questa bomba ad orologeria, i governi africani devono adottare standard più rigorosi. I commercianti svizzeri devono invece rispettare i diritti umani in tutti i paesi nei quali operano...''.

Alle accuse mosse da Pubblic Eye, Trafigura e Vitol, hanno replicato dicendo che i loro carburanti spesso sono migliori di quelli imposti dai Governi africani e che comunque solo questi possono determinare gli standard dei carburanti in uso nei propri Paesi.

Commenti

tiromancino

Lun, 19/09/2016 - 18:37

I delinquenti che avvelenano i propri abitanti sono proprio i governi di quei paesi,le compagnie ci lucrano ma i governi avvelenano le popolazion

MOSTARDELLIS

Lun, 19/09/2016 - 19:16

Non si sa chi è più delinquente, se le case produttrici o i Governi locali che permettono queste cose. Di sicuro entrambi. Si spera che qualcuno li fermi.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 19/09/2016 - 20:34

Qui si parla di decessi tre volte superiori a quelli europei nel 2030. Calcoli errati,non si è tenuto conto dell'effetto B&B (boldrini bergoglio).Nel 2030 tutta l'Africa sara' in europa,non ci saranno decessi per inquinamento.

Ritratto di comand.TANI

comand.TANI

Lun, 19/09/2016 - 20:38

Leggendo il titolo sembra che il governo svizzero e tutti i suoi abitanti avvelenano l' Africa.... detto questo, se va contro le leggi svizzere qualcuno ne risponderà, poi come detto bene da " Tiromancino" sono proprio i governi di quei paesi africani che permettono questo scempio... Dove pensate che vengono portati tutti i rifiuti tossici e altro che produciamo in occidente?

ectario

Mar, 20/09/2016 - 09:11

Guarda un pò: le nazioni (Francia e Svizzera in particolare, sull'Austria ancora poco o nulla è emerso, ma!....)) che hanno trasformato in una discarica avvelenata l'Africa, sono quelle che bloccano gli africani che dall'Italia vogliono andare da loro. Poi saranno anche i governi locali a fare scempio, ma i "corruttori" sono quelli da condannare: no corruttori, no corruzione.

Ritratto di Opera13

Opera13

Mar, 20/09/2016 - 09:36

Svizzera cancro mondiale

Ritratto di vaipino

vaipino

Mar, 20/09/2016 - 11:35

E' sufficiente un cenno per far si che il pensiero unico esploda in tutto il suo miserabile splendore! Quanto cattivi sono gli Svizzeri! Vendono benzina tossica ai “poveri africani” mentre quella europea dei paesi allineati si può bere tranquillamente...

gcf48

Mar, 20/09/2016 - 12:02

opera 13 mi dia le prove

Mizar00

Mar, 20/09/2016 - 13:37

Tanto rumore per nulla. Se non violano i limiti di quei paesi, non c'è nessun reato. Allora negli Usa non dovrebbero vendere il 70% dei cibi ogm ecc. perchè in Europa (almeno fino ad ora prima del TTIP) glieli tirerebbero dietro..?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 20/09/2016 - 14:52

.....", approfittando del tacito consenso dei governi di Paesi come l'Angola, Gana, Senegal e Costa d'Avorio, producono e poi vendono a queste nazioni carburanti di bassa qualità e di alta nocività, facendo così affari consistenti"....Gli affari si fanno in due!!Se ai governi di questi Paesi(che sanno benissimo cosa comperano),non gliene frega niente della salute dei propri abitanti,e comperano,figuriamoci a chi vende....La colpa è della Svizzera???

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 20/09/2016 - 14:53

@Opera13:...ma cosa scrive??!!

Ritratto di vkt.svetlansky

vkt.svetlansky

Mar, 20/09/2016 - 18:01

Il petrolio grezzo contiene degià zolfo questo dipende dalla zona di estrazione questo prima di essere raffinato per ottenere benzina et altro deve passare da un impianto de desolforizzazione può essere per risparmiare non se attua sto processo quindi benzina e diesel ne risulti tengano un contenuto in zolfo....é forse qualche Holding Svizzera la tenutaria delle compagnie de raffineria? et sempre svizzere le catene de distribuzione?

Ritratto di gian td5

gian td5

Mar, 20/09/2016 - 20:43

Daniele Bellocchio, forse che questo articolo era destinato ad essere pubblicato da "Repubblica"?