La Svizzera non è più un paradiso fiscale

L'Ecofin ha dichiarato che adesso il Paese elvetico "rispetta tutti gli impegni in materia di cooperazione fiscale"

La Svizzera non è più un paradiso fiscale.

Il Consiglio economia e finanza dell'Unione Europea (Ecofin), formato dai 28 membri dell'Ue, ha preso due importanti decisioni, rimuovendo Emirati Arabi Uniti e Isole Marshall dalla lista nera delle giurisdizioni non cooperative a fini fiscali e modificando lo status di cinque Paesi, tra cui Albania, Costa Rica, Mauritius, Serbia e Svizzera

In particolare, l'Ecofin ha dichiarato che ladesso o Stato elvetico “rispetta tutti gli impegni in materia di cooperazione fiscale”, e per questo è stato rimosso dalla lista grigia dei paradisi fiscali.

La condanna di Oxfam

La ong Oxfam, da tempo in lotta contro l'evasione fiscale, ha condannato la scelta dell'Unione Europea. “La Svizzera avrà pure abolito i suoi regimi fiscali preferenziali – ha spiegato l'organizzazione – ma offre ancora incentivi fiscali significativi e bassi tassi di interesse alle società. E questo continuerà probabilmente ad attirare le aziende che vogliono evitare il pagamento della loro giusta quota di tasse”.

La Svizzera ha adottato una riforma fiscale nell'ottobre 2018 ma, a causa di vari ritardi bruocratici, entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio 2020.

Commenti

rudyger

Ven, 11/10/2019 - 09:08

meno male, così posso esportare serenamente i miei 2000,00 € in Svizzera !vorrei sapere i nomi di questi 28 ministri dell'ECOFIN per ringraziarli perchè non sono più quei farabutti che pensavo !

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 12/10/2019 - 15:04

e chi ha detto che è un paradiso fiscale se si pagano i servizi più cari che in Italia?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 12/10/2019 - 15:07

l unico paese valevole per il segreto bancario è Singapore.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 12/10/2019 - 15:10

comunque la Svizzera può essere un paese ancora segreto ai fini fiscali, la UBS fornisce un prestanome per poche migliaia di euro all anno.