Una telefonata di Trump con Taiwan mette in ansia la Cina

Dal 1979 nessun presidente in contatto diretto con l'ex provincia di Pechino

Donald Trump davanti al Trump National Golf Club a Bedminster

È un gesto inusuale, ma trattandosi di Donald Trump lascia stupiti fino a un certo punto e anzi forse lancia un messaggio a Pechino. È necessario leggere tra le righe per capire il senso e la rilevanza di una telefonata del presidente eletto statunitense con Tsai Ying-wen, il presidente di Taiwan.

Una chiamata dalla portata storica, giacché dal 1979 nessun presidente americano - nemmeno uno in attesa di insediarsi alla Casa Bianca - aveva osato rispondere al telefono alla sua controparte a Taiwan, rischiando di scatenare l'ira dei cinesi, che considerano l'ex provincia di Formosa una parte integrante del proprio territorio nazionale.

Occhio non vede, cuore non duole. Ma non per Trump. E se da quasi quarant'anni, dai tempi di Jimmy Carter, le relazioni con Taiwan sono state formalmente interrotte, dopo il riconoscimento di Pechino e nonostante l'America sia poi rimasta il grande "scudo" di Taipei, è bastata una chiamata perché in Cina iniziassero ad agitarsi.

La stampa statunitense non azzarda troppe elucubrazioni sul valore simbolico, che ci sia o meno, della chiamata di congratulazioni arrivata da Tsai Ying-wen, e a cui Trump ha risposto. Ma ciò che è certo è la lettura che viene data a Pechino, dove si parla di "una manovra orchestrata" ad arte, mentre Obama corre a difendere lo status quo, chiarendo che "c'è un'unica Cina".

Quella stessa Cina che ora chiede dei chiarimenti.

Commenti

blackbird

Sab, 03/12/2016 - 11:46

Il valore simbolico di quanto accaduto è altissimo! Trump dice al monfo che le relazioni internazionali degli USA non saranno più condizionabili da altri stati. Il rimescolameto di carte che vedremo sullo scacchiere internazionale non sarà cosa da poco. Con l'eUROPA uNITA che starà alla finestra a guardare senza poter instaurare un chiaro dialogo con gli USA, almeno finché saremo guidati da Mr. Ciuck e Lady Tapezzeria!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 03/12/2016 - 11:57

----meno male che la parola d'ordine era trattativa e mai contrasto----trump farà più guerre e casino di obama---hasta

pinux3

Sab, 03/12/2016 - 12:28

Qualcuno dovrebbe ricordare a Trump che la Cina (quella vera...) detiene una parte consistete del debito pubblico USA...

florio

Sab, 03/12/2016 - 14:02

elkid, per fare più danni dell'abbronzato ci vuole uno tzunami mondiale, il che è impossibile, naturale che a voi democratici solo a parole,fa stare male che un Trump possa riuscire a rimettere ordine e giustizia, in un mondo ormai marcio e devastato dal finto buonismo, dalle banche, dagli interessi finanziari che gestiscono a proprio piacere l'altalena delle borse mondiali. Il politically correct ha prodotto disastri e voi, PDioti sinistri ne siete gli artefici principali. Il vostro tempo sta per scadere...Bog beng ha detto STOP...Hasta!

agosvac

Sab, 03/12/2016 - 14:56

Trump ha fatto bene: ha risposto ad una telefonata del Capo di uno Stato indipendente. Il fatto che la Cina crede che non lo sia è del tutto ininfluente. I problemi tra Cina ed Usa sono ben altri. Obama era stato piuttosto invadente nei confronti della Cina. Forse Trump lo sarà di meno. Si vedrà nel prossimo futuro.

lonesomewolf

Sab, 03/12/2016 - 15:26

Florio, d'accordo con te.

pc64

Sab, 03/12/2016 - 15:37

Spesso la diplomazia si basa su riti che sfuggono un po' al senso comune. E di sicuro Taiwan non è riconosciuto come stato indipendente. Tuttavia, nella sua rozzezza Trump una ragione ce l'ha di sicuro: "come si possono fornire armi per miliardi di dollari a Taiwan e poi non parlare con il suo primo ministro?"

Popi46

Sab, 03/12/2016 - 15:45

@florio- ben detto! @elkid:ma mi faccia il piacere! (Diceva il principe de Curtis,altrimenti detto Totò)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 03/12/2016 - 17:44

----ancora si deve insediare ed ha già indispettito la cina e l'iran----cuba è sul chi va là---e israele è circospetto---domani esco e mi compro l'elmetto----hasta

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Sab, 03/12/2016 - 18:02

Trump è un uomo libero da condizionamenti NWO e vuole libero il suo paese, gli USA! Quale scandalo per i servi prezzolati e tenuti nel lusso, pennivendoli amorali, dai padroni misteriosi del NWO! Per loro, servitù scodinzolante felice solo al guinzaglio, un sacrilegio il contatto degli USA con uno Stato libero ove si svolgono elezioni regolari a suffragio universale nella libertà di espressione! Già in Italia Qualcuno ebbe modo di criticare il "suffragio universale" ... quindi all'erta ... chiaro NO! ... Libertà o cara

duball

Sab, 03/12/2016 - 18:12

elkid, non ti serve (l'elmetto)..

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 03/12/2016 - 18:18

i sinistri non si preoccupavano che obama fosse in tensione con la russia..ee? be meglio la distensione con la russia e il grugno con cina e iran che il contrario..sicuro!

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 03/12/2016 - 18:41

r ora che qualcuno dicesse STOP ai regimi komunisti.

Linucs

Sab, 03/12/2016 - 20:06

Eh scusate, se Israele è circospetto allora vado subito a prelevare un po' di banconote... mi preparo.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 05/12/2016 - 09:17

non ispira fiducia questo Trump..