Terrorismo, anche l'Australia attacca l'Isis

Caccia australiani hanno compiuto i primi voli di ricognizione per attaccare le postazioni dello Stato Islamico in Siria e Iraq

Anche l'Austalia in missione contro il Califfato dell'Isis. Gli aerei, che fanno parte della coalizione internazionale voluta dagli Stati Uniti, non hanno bombardato le postazioni dell'Isis, ma si sono limitati a raccogliere dati per attacchi futuri. La conferma è arrivata direttamente dal primo ministro Tony Abbott: "I nostri aerei stanno attaccando obiettivi terroristici in Siria e Iraq".

La missione è avvenuta nel corso della notte tra venerdì e sabato ed è avvenuta senza incidenti, come spiega il ministro della Difesa, Kevin Andrews.

Andrews, attraverso un comunicato, ha fatto sapere che "non sono state utilizzate armi e che tutti gli uomini sono rientrati alla base". Una nota di Canberra ha spiegato che sono stati impiegati due caccia-bombardieri F/A-18A Hornet, un avio-radar E-7A Wedgetail e un aereo-cisterna Kc-30A per il rifornimento in volo.

L'obiettivo dell'operazione, spiega il generale Stu Bellingham, capo della missione, era di monitorare "le attività del nemico nel settore orientale del Paese, area in cui il Califfato di al-Baghdadi recluta nuovi soldati e ricava nuovi fondi dall'attività petrolifera illegale". L'operazione di ieri è il preambolo per i bombardamenti che verranno lanciati in tutta la regione nelle prossime settimane.

Commenti
Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Sab, 12/09/2015 - 13:00

L'Australia che è dall'altra parte del mondo si è già attivata. L'Europa dei frxxi sta ancora a guardare. Ma che schifo di gente ci governa ?!

Ritratto di Fakallah

Fakallah

Sab, 12/09/2015 - 14:14

Onore e rispetto agli australiani!!! Loro si che hanno balls of steel!!! Italiani voi avete balls of shit!!!!

maricap

Sab, 12/09/2015 - 14:57

@Fakallah E no caro, noi non possiamo bombardare l'ISIS. Noi un popolo di Santi, Navigatori e poeti!

lento

Sab, 12/09/2015 - 15:49

Adesso le nazioni occidentali,scateneranno l'inferno. Le scorribande dell'isis finiranno presto e tutti sotto terra...

precisino54

Sab, 12/09/2015 - 17:17

X maricap – 14:57; aggiungi pure che siamo in una melassa di buonismo dilagante, sotto la pesante influenza di nazioni che hanno forti interessi da quelle parti che frenano sempre. Quando poi tutto manca siamo pesantemente influenzati dalla politica internazionale dell'abbronzato premio nobel che le ha sbagliate tutte e sta pensando di utilizzare Al Qaeda, e dell'argentino che vuole accogliere tutti.

Anonimo (non verificato)