Tokyo, giustiziato Shoko Asahara e altri sei membri della setta responsabile della strage con il sarin

Il capo della setta che condusse l'attacco del 1995 alla metropolitana di Tokyo con il gas sarin è stato giustiziato insieme a sei dei suoi seguaci. Morirono 13 persone e più di seimila rimasero intossicate

È stato giustiziato Shoko Asahara, leader della setta religiosa Aum Shinrikyo, che il 20 marzo del 1995 architettò la strage della metropolitana di Tokyo, con il sarin, causando la morte di 13 persone, con 6200 intossicati. La condanna a morte per impiccagione per Asahara era stata decisa dal tribunale nel 2004 e successivamente confermata dalla Corte Suprema giapponese alla quale l'uomo si era appellato. Il vero nome di Asahara era Chizuo Matsumoto. Insieme a lui sono stati giustiziati altri cinque responsabili dell'attacco.

Cinque membri della setta la mattina del 20 marzo 1995 si mischiarono fra i pendolari della metropolitana. Con loro avevano il gas nervino, sotto forma liquida, nascosto in sacchetti di plastica avvolti da giornali. Arrivati in alcune stazioni prestabilite, fra quelle più frequentate di Tokyo, lasciarono i sacchetti sui vagoni, o sui pavimenti delle stazioni, dopo averli forati con la punta degli ombrelli. Il gas si disperse rapidamente nell'aria. L'attacco più compiuto tra le 7.50 e le 8.11. Le prime segnalazioni alla polizia arrivarono intorno alle 8.20. I treni furono bloccati tutti alle 8.35, facendo uscire di fretta tutte le persone a bordo.

Ci volle un po' di tempo per capire che era stato usato il sarin. Fu un professore universitario a riconoscerne i sintomi, inviando via fax a tutti gli ospedali di Tokyo le indicazioni utili al trattamento sanitario. Scattò subito l'emergenza per trovare gli antidoti necessari, operazione non facile visto l'elevato numero di persone coinvolte.

Documentario della Bbc sulla strage

Commenti
Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 06/07/2018 - 09:14

ECCO CIO' CHE UN PAESE SERIO DOVREBBE FARE -e il Giappone lo è, paese altamente tecnologico, 3za economia al mondo, tradizione e cultura millenarie- per PUNIRE (DEFINITIVAMENTE) chi ha premeditato e compiuto omicidio, nel caso in oggetto anche multiplo. Unica obiezione che ho in merito al caso qui proposto è il tempo che hanno impiegato le autorità giapponesi, oltre 20anni sono decisamente eccessivi, i responsabili dovevano essere "passati a fil di spada"(metaforicamente detto, visto che la soluzione scelta è stata altra più moderna) molto tempo prima.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 06/07/2018 - 09:15

poteva chiedere asilo in Italia come fanno gli africani e si sarebbe salvato la vita oltre ad essere mantenuto dagli italiani.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Ven, 06/07/2018 - 10:13

@ aorlansky: credo sia stata scelta l'impiccagione in quanto "morte disonorevole" per chi si e` macchiato di azioni disonorevoli. Non so quanto il Giappone di oggi mantenga della sua tradizione bushido. Che io ricordi, l'ultimo sprazzo fu il seppuku di Yukio Mishima e dei suoi discepoli.

routier

Ven, 06/07/2018 - 10:22

La pena capitale non appartiene al mio codice etico, tuttavia di fronte a certe efferatezze, una deroga, ancorché non condivisibile è quantomeno comprensibile.

Ernestinho

Ven, 06/07/2018 - 10:26

Se la sono meritata. Il Giappone è un PAESE serio che tutela e difende i cittadini ONESTI! L'Italia dovrebbe imparare!

Ritratto di Pilsudski

Pilsudski

Ven, 06/07/2018 - 10:29

Ora aspettiamoci il pianto greco di Emma Bonino, una nota di condanna della Commissione Europea, ed una dichiarazione indignata al TG3 della "Zarina" (che per restare in tema bisognerebbe ribattezzare "Sarina", date le fake news asfissianti che emette la sua redazione).

Ernestinho

Ven, 06/07/2018 - 10:33

Giappone, grande PAESE!

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 06/07/2018 - 10:39

la decapitazione a differenza dell impiccagione, è sempre stata (isis esclusa) destinata ai nobili o quasi, dai romani, ai nobili delle casate reali, fino al Giappone feudale, vedi padrino del seppuku, che decapita con la katana il suo "assistito"

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 06/07/2018 - 11:02

@ Pilsudski 10:29 -- Buonisti e sinistra in genere obietteranno di certo, adducendo che "queste sono soluzioni estreme da paesi sottosviluppati ed arretrati" che hanno ancora nel proprio codice giudico pena di morte come misura estrema, solo che qui siamo in presenza di un PAESE (tutte maiuscole) come il GIAPPONE, ribadisco 3za economia mondiale per PIL, un PAESE SUPER TECNOLOGICO ed AVANZATO, con una CULTURA PROPRIA ULTRA MILLENARIA, dalla quale derivano codice di comportamento che fanno dei GIAPPONESI un popolo unico (detto in termini POSITIVI) sulla faccia della Terra. @ Menono 10:13 - Il mezzo non è importante, l'unica certezza è che in questo caso questi meritavano la morte. Ripeto : unico mio disappunto è che ci abbiano messo 23anni per farlo, dovevo essere io a decidere questi 7 erano già "in compagnia dei vermi" da molto tempo.

Franco Ruggieri

Ven, 06/07/2018 - 11:31

E che cavolo: hanno aspettato 23 anni? In altre parole: li hanno mantenuti a sbafo per una vita.

federik

Ven, 06/07/2018 - 11:46

LA PENA DI MORTE E' UN ATTO DI CIVILTA' E DI RISPETTO NEI CONFRONTI NELLA SOCIETA' E DELLE VITTIME.

cabass

Ven, 06/07/2018 - 11:51

Impiccarli dopo 23 anni, non è segno di inefficienza, anzi! Lo hanno fatto apposta per rendere la condanna più efficace. La pena più dura non è infatti il patibolo in sé, che, anzi, è una liberazione, bensì il vivere vent'anni pensando, ogni volta che una guardia ti chiama, che quello potrebbe essere il momento fatidico...

dagoleo

Ven, 06/07/2018 - 11:52

Un paese serio punisce in questo modo atti simili. Per questa ragione il Giappone ha un futuro mentre l'Europa ho seri dubbi che possa averlo.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 06/07/2018 - 11:55

@ rapax 10:39 "vedi padrino del seppuku, che decapita con la katana il suo "assistito"" - NON sempre il "seppuku" era assistito [da terzi] per alleviarne dolore e velocizzarne la fine; solo ai più nobili (i dignitari di alto livello della società Giapponese medioevale) veniva concesso l'aiuto [per opera di una figura terza nei pressi] di una fine più veloce, come lei ha citato, quando erano costretti per insopportabile disonore al suicidio mediante uso della lama. Un esponente di classe più bassa nella gerarchia sociale, come lo poteva essere un samurai (che per titolo era legittimato a indossare e portare in pubblico 2 spade - katana e wakisashi) costretto a "seppuku" lo faceva da solo, accettando una fine lenta e dolorosa come solo lo "sventramento" riesce a fare ("seppuku" significa infatti "sventrare").

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 06/07/2018 - 12:13

aorlansky60,IN QUALE GIORNALINO LE LEGGI QUESTE COSE?

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 06/07/2018 - 12:37

@ franco-a-sparare : nessun giornalino, nella fattispecie per il caso qui trattato sono piuttosto ferrato in materia, possedendo [ed AVENDO LETTO] molti testi di Storia giapponese medioevale.

WSINGSING

Ven, 06/07/2018 - 12:53

Anche lì la giustizia è lenta.........

corivorivo

Ven, 06/07/2018 - 13:11

...ma a differenza della nostra è efficace!

Massimom

Ven, 06/07/2018 - 13:12

Gente seria.

Corsicana77

Ven, 06/07/2018 - 13:47

Sono generalmente favorevole alla pena di morte, per la semplice idea che chi non rispetta la vita a sua volta non meriti di vivere. Che l' esecuzione sia avvenuta molti anni dopo l' emissione della sentenza è prassi comune in Giappone, spesso passano dai 20 ai 30 anni. @aorlansky60 il Giappone è tecnologicamente molto avanzato, ha una produzione di qualità elevatissima, superiore di gran lunga al tanto decantato made in Germany, ed è una potenza economica... anche perchè ha un' etica del Lavoro circa opposta a quella italiana, dove tutti reclamano diritti senza ricordarsi di avere anche doveri, dove l' Imprenditore è invidiato, odiato dai proletari, e considerato un "corsaro dell' imprenditoria", uno schiavista, uno "squalo"... ogni riferimento a di Maio ed alla maggiorparte dei commenti letti proprio su questo blog è puramente voluto

Renee59

Ven, 06/07/2018 - 14:22

VIVA IL GIAPPONE!!

Ritratto di moshe

moshe

Ven, 06/07/2018 - 14:29

... una lezione di civiltà alla schifosa Europa unita governata dalle sinistre !!!

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 06/07/2018 - 14:42

@ Corsicana77 13:47 - Riferito al Giappone, quoto [e approvo] tutto quanto ha scritto. In particolare la disciplina del popolo Giapponese sul Lavoro.

Ritratto di renzoditolve

renzoditolve

Ven, 06/07/2018 - 14:52

La Pena di Morte è giusto castigo a Criminali, Serial Killer, Stupratori, Trafficanti di ogni Crimine, Traditori, Mafie e Mostri vari: io ci sono stato in quella metropolitana di Tokyo con strage il gas sarin ho soggiornato per 4 giorni

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 06/07/2018 - 16:15

aorlansky grazie per la precisazione storica,che non esclude ov v il fatto che la decapitazione era concessa ai nobili in generale e quindi mi ha specificato che lo era anche nel Giappone feudale per i nobili che facevano seppuku

Ernestinho

Ven, 06/07/2018 - 16:51

Banzai!