Trump: "Entro 24 ore annunceremo la fine dell'Isis"

Il presidente degli Stati Uniti ha dato l'annuncio in conferenza stampa. Ma i vertici militari frenano e sono preoccupati dal ritiro dalla Siria

Gli Stati Uniti annunceranno domani la fine dell'Isis. A dare la notizia è stato il presidente Donald Trump in conferenza stampa: "Abbiamo parecchi grandi annunci che hanno a che fare con la Siria e con il nostro successo nello sradicamento del califfato, cosa che sarà annunciata nelle prossime 24 ore". Il presidente Usa non ha però fornito ulteriori dettagli.

In questi giorni, nella parte orientale della Siria, in particolare a Deir ez-Zor, è in corso la cosiddetta offensiva finale contro lo Stato islamico. Sul campo combattono le Forze democratiche siriane (Fds), alleanza a maggioranza curda sostenuta dalla coalizione internazionale a guida Usa. Secondo diverse fonti della coalizione anti-Isis, i jihadisti sono asserragliati in un chilometro quadrato. E nel frattempo, l'esercito siriano, a sud del Paese, ha avviato un'altra campagna militare con gli islamisti affiliati al Califfato.

L'annuncio della fine dell'Isis arriva dopo che il presidente Trump ha comunicato, il mese scorso, il ritiro delle forze americane dalla Siria. Un ritiro che preoccupa gli alleati ma anche gli stessi vertici del Pentagono. E proprio oggi, il capo del Comando centrale delle forze armate Usa (Centcom), Joseph Votel, ha detto alla Cnn di non condividere la decisione della Casa Bianca. "Non sarebbe stato il mio consiglio militare in quel particolare momento. Non avrei dato quel suggerimento, francamente", ha detto Votel a riguardo. Il Califfato "ha ancora leader, combattenti, sostenitori, risorse, quindi la nostra costante pressione militare è necessaria per continuare a dare la caccia a tutta la rete", ha aggiunto. Il generale Votel ha poi voluto sottolineare che riterrà l'Isis sconfitto soltanto quando sarà sicuro che non rappresenti più una minaccia per la sicurezza Usa.