Trump firma il decreto per far uscire gli Usa da Tpp

Trump ha firmato un ordine esecutivo che sancisce il ritiro degli Stati Uniti dal Tpp (Trans-Pacific Partnership), l’accordo di libero scambio voluto dal suo predecessore Obama e undici Paesi affacciati sul Pacifico

Lo aveva promesso ed è stato subito di parola. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato il decreto per il ritiro di Washington dal Tpp (Trans-Pacific Partnership), l'accordo di libero scambio tra gli Usa e il Canada e altri 10 Paesi del Pacifico (Australia, Brunei, Cile, Giappone, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore e Vietnam). L'accordo, perfezionato ad Atlanta nell'ottobre 2015, aveva come scopo l'abbattimento delle barriere al commercio tra le nazioni che rappresentano circa il 40% della produzione economica mondiale. Fin dall'inizio della sua campagna elettorale Trump aveva individuato il Tpp (così come il Ttip con l'Europa, poi saltato) e il Nafta (North American Free Trade Agreement) tra i propri bersagli, al fine di rilanciare la produzione interna agli Stati Uniti.

"Ne abbiamo parlato per molto tempo", ha detto Trump parlando dallo Studio ovale della Casa Bianca: "Così facendo, facciamo grandi cose per i lavoratori americani", ha aggiunto. L’obiettivo della nuova amministrazione americana, come spiegato varie volte da Trump, è siglare accordi bilaterali con le nazioni asiatiche. Bisogna ricordare che la Cina - che non faceva parte del Tpp - lo considerava un accordo "ostile". Vedremo ora quali conseguenze vi potranno essere nei rapporti commerciali e finanziari tra Pechino e Washington.

Oggi Trump ha incontrato diversi manager dell'industria manufatturiera americana: "Vogliamo iniziare a produrre di nuovo i nostri prodotti", è l'esortazione che ha rivolto loro. "Noi taglieremo le tasse in modo massiccio sia al ceto medio che alle compagnie, sarà massiccio, stiamo tentando di abbassarle tra il 15 e il 20%". Ma non ha parlato solo del taglio delle tasse ma anche dell'eliminazione di misure e regolamenti che, a sua detta, "in questo momento di vi impediscono di fare qualsiasi cosa". "La cosa più grande è che noi taglieremo i regolamenti in modo massiccio, credo che li taglieremo del 75%". E ancora: "Se qualcuno vuole creare una fabbrica, tutto sarà veloce, si dovrà affrontare una procedura ma sarà veloce, ci prenderemo cura dell'ambiente, della sicurezza, ma voi svolgerete un enorme servizio".

Nel salutare Michael Dell, di Dell Technologies, Trump ha poi aggiunto: "Quando Dell vorrà realizzare qualcosa di mostruoso o speciale, noi daremo la nostra approvazione molto velocemente". Ma poi ha rivolto un monito alle compagnie che producono all'estero, tornando a minacciare dazi: "Imporremo una tasse di confine molto più pesante quando faranno entrare i prodotti". Tra gli altri capi industria che Trump ha incontrano si segnalano: Jeff M. Fettig (Whirlpool), Alex Gorsky (Johnson & Johnson), Marillyn A. Hewson (Lockheed Martin), Klaus Kleinfeld (Arconic), Mario Longhi (U.S. Steel), Elon Musk (SpaceX), Kevin Plank (Under Armour), Mark S. Sutton (International Paper) e Wendell P. Weeks (Corning).

Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Lun, 23/01/2017 - 18:41

Ecco uno che fa invece che chiacchierare. Ne vedremo delle belle.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 23/01/2017 - 18:42

Uguale Uguale al nostro PAROLAIO malato di ANNUNCITE VEROOO????

forbot

Lun, 23/01/2017 - 18:50

Trump mica fà come il "mortadella" - appena eletto andò in China per farci invadere dai prodotti chinesi.- Nulla, per carità contro i cinesi, in compenso tante industrie nostrane sloggiarono dall'Italia. Grazie

lambi65

Lun, 23/01/2017 - 18:57

Grande Trump! così si fa, quello che ha promesso poi lo mantiene.

Ettore41

Lun, 23/01/2017 - 19:02

E questa e' un'altra botta alla Globalizzazione la quale, inventata dai sinistrati, impoverisce I paesi ricchi a beneficio di quelli piu' poveri. Paesi che invece di ringraziare sfruttano la situazione. La sinistra sta perseguendo le sue ideologie, meno male che qualcuno si e' svegliato.

gianni.g699

Lun, 23/01/2017 - 19:04

Che goduria !!! ... in soli due giorni due !!!

Cheyenne

Lun, 23/01/2017 - 19:09

HA FATTO BENISSIMO UN TRATTATO ASSURDO E SVANTAGGIOSISSIMO FATTO CONTRO I POPOLI

Ritratto di orione1950

orione1950

Lun, 23/01/2017 - 19:13

I sinistri diranno che stai mettendo le basi per la prossima guerra. VAI AVANTI COSI'! e non curarti di loro; sono solo dei disfattisti; non hanno mai creato ricchezza per gli altri.

Ritratto di Shard

Shard

Lun, 23/01/2017 - 19:15

Il Tycoon ha rotto le uova nel paniere a qualcuno molto potente, per forza che (cosa mai vista in America) stanno cercando di ostacolarlo anche dopo la su elezione.

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 23/01/2017 - 19:26

Credo che la prima cosa che otterranno è che quei Paesi eviteranno di comprare prodotti Americani.

Ritratto di PICONE43

PICONE43

Lun, 23/01/2017 - 19:29

Anche se noi, purtroppo, ne patiremo le conseguenze, Trump lavora per il proprio paese. Naturalmente gente come prodi, gentiloni, alfano, minniti, finocchiaro, mattarella ecc. lavorano CONTRO il nostro, disgraziato, Paese!

ILpiciul

Lun, 23/01/2017 - 19:32

Solo con questo atto si merita la presidenza, tutto ciò che verrà sarà surplus. Forse l'ha mandato il cielo, prima che fosse troppo tardi. Speriamo, per il bene nostro e di tutta la sua Santa Ch..........

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 23/01/2017 - 19:34

Oggettivamente una grande notizia. Per gli USA e per tutto il mondo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 23/01/2017 - 19:35

Buona anche la mossa sull'aborto, crimine vile e odioso disumano.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 23/01/2017 - 19:37

Una notizia che aiuta anche la pace nel Pacifico, gradita alla Cina e sgradita al servile Abe e alla corrotta Park, un verme al soldo dei guerrafondai neocon.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 23/01/2017 - 19:39

Bel segnale per gli amici degli Stati Uniti in Asia! Il TPP,era essenzialmente on tool politico contro la Cina e il suo impatto per gli USA era più positivo che negativo sia economicamente che politicamente Ben fatto, Mr President!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 23/01/2017 - 19:46

Il TPP serviva solo a isolare la Cina e quindi ad acuire le tensioni nel Pacifico. Trump è un uomo di affari e non cerca tensione ma giusti affari. Giusto approccio coi cinesi che sono amanti degli affari e gente pratica.

Ritratto di VladoGiulio

VladoGiulio

Lun, 23/01/2017 - 19:46

AH AH AH AH ! COME FARA' ORA L'APPLE A PRODURRE E VENDERE I SUOI STUPIDOFONINI ???

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 23/01/2017 - 19:50

Bravo Trump. Aggredire il mostro globalista, la tirannia più criminale e totalitaria della storia perché mira ad annientare i popoli nelle loro più elementari libertà.

nunavut

Lun, 23/01/2017 - 19:59

Porto un esempio una ditta del mio paese ha avuto sussidi dal comune finito il contratto é andato ad elemosinare altri sussidi ad un paese limitrofo avendoli avuti si é trasferito,allafine di quel contratto ne ha chiesto altri all'altro paese limitrofo e li ha avuti,con L,avvento della eu si é trasferito in Slovenia aproduceva a meno prezzo,i lavoratori Italiani in disoccupazione,però i prezzi delle sue merci rimasero uguali come se fossero stati confezionati in Italia e molti confezionati in RPC e non made in Cina rpc é molto più radical chic.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 23/01/2017 - 20:07

Ultima notizia dal Meticciato di Sveziastan: a Kalmar un deputato del partito socialdemocratico ha invocato l'assassinio di Trump.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 23/01/2017 - 20:12

Ausonio la Corea non è membro del TPP Quanto a Apple smettela di sognare il contributo cinese al telefonino della Mela e di circa sei dollari su un prezzo di vendita ben più alto. Informatevi e,rifletteteci

Linucs

Lun, 23/01/2017 - 20:19

La sinistra internazionalista, meretrice al servizio del capitale finanziario speculativo, cosa inventerà per punirlo? Un'altra marcia di sciancate?

Marcello.508

Lun, 23/01/2017 - 20:23

Dare maalox in quantità industriali ai sostenitori della globalizzazione, compreso il toscano di Rignano inchinato alla Troika.

idleproc

Lun, 23/01/2017 - 20:41

Ragazzo, sei un Grande, un vero combattente. Troppo poco spazio per fare l'analisi economica e sociale sistemica su questa specie di trattati fatti sottobanco dai Big Boys e dal sistema dei loro paraventi di "politici" ed "economisti" corrotti. Stai servendo il tuo Popolo e anche gli altri.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Lun, 23/01/2017 - 20:52

Detto e Fatto, Bravo President DJ TRUMP cosi si fa e non lunghe chiacchiere alla quaquaraqua!

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 23/01/2017 - 20:56

BENE HA COMINCIATO A MARTELLARE....FATTI, NON PAROLE.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 23/01/2017 - 21:15

Caro amico Flex 19e26, poco male, tanto nel 90% di quei paesi non c'è nessuno che dispone di un reddito tale da poter comperare i prodotti USA!!! AMEN.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 23/01/2017 - 21:43

Vlado Giulio 19e46, mi sa che ci hai capito poco, la APPLE non potra piu vendere i TELEFONINI prodotti a TAIWAN negli USA, dove continuera a vendere quelli prodotti in USA che continueranno a costare 1000 USD.AMEN.

ItalianoMedioDOC

Lun, 23/01/2017 - 21:49

Maledetto Maledetto Maledetto

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 23/01/2017 - 21:53

@Ausonio:...fra persone pragmatiche,ci si intende,....e così avverrà con i Cinesi.@gianni.g699:...già i soli due giorni.Se tanto mi da tanto nei famosi 100 giorni,rivolta l'America e il Mondo!!...Certo che mi viene da piangere,osservando a quanto i nostri "politicanti" da strapazzo,strapagati,con le nostre "istituzioni" stapagate,riescono a fare,come DANNI in poco tempo!!!Che pena!!Guardate per esempio una Raggi,a Roma in sei mesi!!!!!!!!

elio2

Lun, 23/01/2017 - 21:54

Perchè non lo abbiamo noi un presidente del genere? Perché noi ci dobbiamo tenere questi abusivi decerebrati, vanno cacciati a calci il prima possibile, è una prirità per il nostro Paese.

diegom13

Lun, 23/01/2017 - 22:02

@VladoGiulio: continuerà a produrli in Cina, Paese che non faceva parte del TTP. Apple si è sempre affidata alla Foxconn, mi pare. In Cina. Mica produceva in Giappone, finora. Per il mercato statunitense, produce negli USA. Dov'è il problema?

lupo1963

Lun, 23/01/2017 - 22:50

Ha fatto come Putin quando,insediatosi incontro' gli oligarchi. In sostanza gli disse :finora avete fatto cosa avete voluto . Noi vi facciamo continuare a lavorare , ma dovete fare guadagnare anche gli altri. Al di la' di tante chiacchere e' quello che ha fatto adesso Trump .In piu' togliera' le menate ecologiste e hypocritally correct .

alox

Lun, 23/01/2017 - 23:40

Silvio Berlusconi - dopo aver elogiato (sbagliando) Trump per l'apertura (meglio i 90 gradi)a Sputin dice: ".... vedo tutti i rischi di un ritorno all'isolazionismo. Sarebbe un grave errore, se accadesse, sia per il mondo intero, ma anche per l'America". Condivido Berlusca, aspettiamo con trepidazione l'aumento dei dazi su: olio, parmigiano, vino, etc etc e conseguente crollo delle produzioni Nazionali e speriamo almeno un aumento dei dazi dei loro prodotti!

Silvio B Parodi

Mar, 24/01/2017 - 00:36

BRAVO D.J. TRUMP ti ha mandato Dio sulla terra, abbiamo evitato la Guerra mondiale volute di Clinton contro la Russia, sarebbe stata la catastrophe unana.

Ritratto di ettocima

ettocima

Mar, 24/01/2017 - 01:05

Ottimo, anche se questo, immagino, comporterà il crollo delle quotazioni di alcuni titoli ed il fallimento di aziende volte all'esportazione di prodotti diretti negli stati uniti. Credo che la riduzione dell'offerta di beni si tradurrà in decremento dei prezzi. Potrà il nostro paese già in deflazione reggere? Ecco il lato negativo della globalizzazione emergere imperiosamente. Le decisioni di un paese si riflettono d'incanto su economie terze. Di conseguenza urge il cambiamento di tutto il sistema. Ettore Cimadomo

Ritratto di sachiel333

sachiel333

Mar, 24/01/2017 - 01:28

Donald J. Triumph...musica per le mie orecchie!!

GMfederal

Mar, 24/01/2017 - 01:49

CHE CATERPILLAR!!!!!!!

ESILIATO

Mar, 24/01/2017 - 02:50

Ben fatto per proteggere i nostri lavoratori ed industrie. Prossima mossa ....togliere le sanzioni alla russia......l'italia ha sofferto abbastanza di questa ostruzione dei mercati di esportazione.

Linucs

Mar, 24/01/2017 - 06:28

Oligarchi russi che poi puntualmente scappano in Israele, dove non c'è estradizione per i compari lombrosiani. Quindi "russi" un paio di palle.

Popi46

Mar, 24/01/2017 - 07:23

@alox- certo, si tratta di un rischio abbastanza serio se al tavolo degli accordi sarà un non negoziatore come l'attuale Presidente del consiglio, ma superabile se ci sedesse il Cav. La sua politica estera e' stata per l'Italia la più efficace da mezzo secolo a questa parte.

routier

Mar, 24/01/2017 - 08:43

Altri due Presidenti hanno fatto cose buone e meritevoli: Lincoln, con l'eliminazione della schiavitù e Kennedy con il togliere il monopolio sul dollaro alla Fed. Ma sappiamo come siano finiti entrambi......!

istroveneto

Mar, 24/01/2017 - 08:52

Di un'efficienza e rapidità esemplari. L'unico grave problema è che potrebbero farlo fuori. Con Kennedy hanno dimostrato di esserne capaci

rudyger

Mar, 24/01/2017 - 09:15

adesso la Nato. la UE comincia a tremare.

blaster

Mar, 24/01/2017 - 09:16

Grande Donald! Ma occhio, ora... Si profila una Dallas bis....!

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 24/01/2017 - 09:26

Da capire Trump, prima tuona contro la Cina e poi straccia un accordo che per la stessa Cina era dannoso poiché la escludeva? Poi, per carità, gli USA hanno una bilancia commerciale ampiamente negativa quindi si capiscono interventi volti a ridurre le importazioni ma Trump fa i conti senza l'oste, cioè può anche imporre dazi alle merci in entrata da un dato paese ma e altamente probabile che quel paese simmetricamente metta dazi sulle merci americane. Che questo sia un vantaggio per il popolo americano è tutto da vedere dato che a fronte di una solo probabile crescita del reddito derivante dalla maggior attività manifatturiera (che non si inventa dall'oggi al domani) sconterà un sicuro ed immediato aumento del prezzo dei beni al consumo.

alox

Mar, 24/01/2017 - 11:54

@Popi46 oggi revisionano l'Italicum... forse fra 5 o 6 anni si votera' e Berlusconi (se sara' assolto) riprendera' le redini del Paese. Good luck

Anonimo (non verificato)