Trump incontra Netanyahu alla Casa Bianca: "Faremo di tutto per impedire che l'Iran abbia armi nucleari"

Trump riceve Netanyahu alla Casa Bianca e rinsalda l'asse con Tel Aviv: "Faremo di tutto contro le armi nucleari dell'Iran"

Si rinsalda l'asse tra Washington e Tel Aviv. A ribadirlo, nel corso di una conferenza stampa dopo l'incontro alla Casa Bianca, è il presidente Usa Donald Trump, seguito a ruota dal premier israeliano Benjamin Netanyahu. Per prima cosa Trump rassicura lo storico alleato americano, promettendo che farà di tutto per impedire che l’Iran riesca ad ottenere la bomba atomica. Tra l'altro, come aveva fatto diverse volte anche in campagna elettorale, ha definito quell’accordo "uno dei peggiori che abbia mai visto". Trump inizia l'incontro coi giornalisti stendendo il tappeto rosso a Netanyahu: "Ho l'onore di accogliere il mio amico, il premier Netanyahu, alla Casa Bianca. Con questa visita gli Stati Uniti ribadiscono il loro vincolo inscindibile con il nostro più caro alleato, Israele". Archiviati, dunque, i vecchi dissapori tra Israele e l'amministrazione americana, esplosi negli ultimi anni dell'era Obama.

Il premier israeliano si trova a suo agio ed è lieto del rilancio della vecchia amicizia con gli Stati Uniti: "Israele non ha un alleato migliore degli Usa e io voglio assicurare che gli Stati Uniti non hanno alleato migliore di Israele" . E che il rapporto tra i due Stati sia destinato a rinsaldarsi emerge a chiare lettere da queste parole: "L'alleanza fra Stati Uniti e Israele è stata incredibilmente forte - dice Trump- ma con la sua leadership ho fiducia che diventerà ancora più forte" . E Netanyahu risponde così: "Sono ansioso di lavorare con lei, per rafforzare la collaborazione" in diversi settori, fra cui anche quelli di "informatica e tecnologia".

In un passaggio del suo discorso Trump bacchetta l'Onu: "Respingiamo le azioni unilaterali contro Israele da parte delle Nazioni unite - dice a chiare lettere - che a mio avviso lo hanno trattato in modo ingiusto, così come quelle in altri forum o i boicottaggi". Trump prende spunto dalla recente risoluzione con cui il Consiglio di Sicurezza, il 23 dicembre scorso, ha condannato la costruzione e l’ampliamento degli insediamenti nei territori palestinesi occupati: nell’occasione gli Stati Uniti, allora ancora guidati da Obama, per una volta si astennero anziché esercitare il proprio (usuale) diritto di veto a favore del tradizionale alleato. "Ecco una ragione in più", sottolinea Trump, "per cui noi respingiamo le azioni inique e parziali contro Israele alle Nazioni Unite, che a mio avviso hanno trattato Israele molto, molto ingiustamente"

Nel negoziato di pace tra Israele e palestinesi, "entrambe le parti dovranno fare dei compromessi", sottolinea il presidente Usa rivolgendosi al leader israeliano. Poi, rispondendo ad una specifica domanda (possibile una soluzione a due Stati?), Trump mette le mani avanti: "La soluzione dei due Stati non è l’unica soluzione", poi si è detto aperto ad un piano di pace israelo-palestinese basato su altro: "La soluzione dei due Stati? Se loro sono felici, anche io lo sono. Io prendo in considerazione la (soluzione) due stati e uno Stato. A me piace quella che piace ad entrambe le parti". Al contempo Trump ha detto che preferirebbe che Israele "fermasse l’espansione dei suoi insediamenti per un po' di tempo". E la risposta di Netanyahu non si fa attendere: "La Palestina deve riconoscere lo stato degli ebrei, ma per ora i pre-requisiti per arrivare a una pace sono stati negati dalla Palestina. Questo è l’elemento del conflitto, ma questa condizione deve cambiare, voglio che cambi".

Da parte sua Trump ha tenuto a precisare che i palestinesi devono "sbarazzarsi dell'odio" che viene insegnato loro "sin da piccoli". E rivolgendosi a Israele ha detto che deve mostrare "una certa flessibilità" per arrivare a un accordo di pace. Il presidente americano ha poi ribadito quanto già espresso in passato: "Per quanto riguarda il trasferimento dell'ambasciata a Gerusalemme, mi piacerebbe che accadesse. Ce ne stiamo occupando con molta, molta energia. Ce ne occupiamo con molto, molto impegno, credetemi. Vedremo cosa succederà".

Intanto si è sparsa la voce - ovviamente non confermata - che in gran segreto il capo della Cia, Mike Pompeo, in gran segreto abbia incontrato Abu Mazen a Ramallah. L'indiscrezione viene fatta in via riservata da fonti di rango elevato in seno alla stessa Anp, citate dall’agenzia di stampa ufficiale palestinese "Maan", e in Israele dal quotidiano "Haaretz" e dal notiziario on-line "YnetNews". Da Pompeo sarebbero arrivati non meglio precisati "messaggi rassicuranti" per l’interlocutore a proposito della cosiddetta "soluzione dei due Stati": cioè della futura convivenza pacifica tra lo stato ebraico e la costituenda entità palestinese.

Commenti

ludovik

Mer, 15/02/2017 - 19:23

ha ragione Trump infatti dovrebbero sanzionare israele invece di permetterle di fare quello che gli pare in medioriente

lorenzovan

Mer, 15/02/2017 - 19:30

che belli che sono....proprio vero che Dio..pardon Iaphet..li fa e poi li accompagna...amanti dei muri..amanti dei soldi..amanti del "prima noi e che gli altri se lo prendano...... " ci stanno riportano alle crociate..all'inquisizione ..e alle guerre di religione..tempi che pensavamo..noi europei vittime secolari di questi disastri..di aver superato..ora arrivano i giovani rampanti a cercare di svegliare i mostri dormienti

lorenzovan

Mer, 15/02/2017 - 19:31

ma quandoinizia a combattere l'Isis ??? stiamo tutti aspttando !!! ora va a combattere l'Iran ?? che e' l'unico che combatte seriamnte l'Isis??? ehiiiiii trumpisti spiegatemi nun po come funziona !!!!

DemyM

Mer, 15/02/2017 - 20:01

Che si mettano d'accordo una volta per tutte : Israele e Palestina e se non ci riescono, imporre loro cosa e come devono comportarsi. Non e' possibile continuare con questa storia che dura da decenni, che abbiano un minimo di pudore!! I Palestinesi dovrebbero impiegare i soldi che ricevono dalla Comunita' Internazionale NON per fare tunnel per aggredire Israele o finanziare Hamas e, di contro, Israele DEVE applicare le risoluzioni dell'ONU approvate senza l'ombrello degli USA con il veto. Non possiamo mantenere questo stato di cose in nome della "memoria" che non bisogna dimenticare ma, dopo oltre 70 anni e' giunta l'ora di dire basta! O vi mettete d'accordo oppure............arrangiatevi da soli.

Luigi Farinelli

Mer, 15/02/2017 - 20:32

lorenzovan: più che risvegliare "mostri dormienti" si tratta di decapitare quelli, ben svegli e mortiferi che l'Amministrazione del Premio Nobel per la "Pace" Obama aveva foraggiato e abbeverato seguendo i consigli della Clinton, la più fecondaa creatrice di guerre, disastri e "primavere". E' difficile in poche settimane rimediare all'impegno di guerrafondai travestiti da "portatori dei valori occidentali" che con le provocazioni alla Russia, la destabilizzazione dell'Europa e Medioriente e l'immigrazione di massa appositamente creata, cercavano la definitiva consacrazione del loro NWO, su un pianeta distrutto da una terza gm e abbisognante della loro "salvifica ricostruzione".

Luigi Farinelli

Mer, 15/02/2017 - 20:32

lorenzovan: più che risvegliare "mostri dormienti" si tratta di decapitare quelli, ben svegli e mortiferi che l'Amministrazione del Premio Nobel per la "Pace" Obama aveva foraggiato e abbeverato seguendo i consigli della Clinton, la più fecondaa creatrice di guerre, disastri e "primavere". E' difficile in poche settimane rimediare all'impegno di guerrafondai travestiti da "portatori dei valori occidentali" che con le provocazioni alla Russia, la destabilizzazione dell'Europa e Medioriente e l'immigrazione di massa appositamente creata, cercavano la definitiva consacrazione del loro NWO, su un pianeta distrutto da una terza gm e abbisognante della loro "salvifica ricostruzione".

Luigi Farinelli

Mer, 15/02/2017 - 20:33

xlorenzovan: più che risvegliare "mostri dormienti" si tratta di decapitare quelli, ben svegli e mortiferi che l'Amministrazione del Premio Nobel per la "Pace" Obama aveva foraggiato e abbeverato seguendo i consigli della Clinton, la più fecondaa creatrice di guerre, disastri e "primavere". E' difficile in poche settimane rimediare all'impegno di guerrafondai travestiti da "portatori dei valori occidentali" che con le provocazioni alla Russia, la destabilizzazione dell'Europa e Medioriente e l'immigrazione di massa appositamente creata, cercavano la definitiva consacrazione del loro NWO, su un pianeta distrutto da una terza gm e abbisognante della loro "salvifica ricostruzione".

Luigi Farinelli

Mer, 15/02/2017 - 20:33

xlorenzovan: più che risvegliare "mostri dormienti" si tratta di decapitare quelli, ben svegli e mortiferi che l'Amministrazione del Premio Nobel per la "Pace" Obama aveva foraggiato e abbeverato seguendo i consigli della Clinton, la più fecondaa creatrice di guerre, disastri e "primavere". E' difficile in poche settimane rimediare all'impegno di guerrafondai travestiti da "portatori dei valori occidentali" che con le provocazioni alla Russia, la destabilizzazione dell'Europa e Medioriente e l'immigrazione di massa appositamente creata, cercavano la definitiva consacrazione del loro NWO, su un pianeta distrutto da una terza gm e abbisognante della loro "salvifica ricostruzione".

VittorioMar

Mer, 15/02/2017 - 20:50

....INCOMINCIA AD ACCAREZZARE L'ONU BEN SAPENDO DI QUANTO SIA SENSIBILE AI FINANZIAMENTI DEI PAESI ARABI!!

Edmond Dantes

Mer, 15/02/2017 - 21:01

Come rosicano gli Obambas, gli Hyllarioti e i Bergogliones !

Ritratto di kericjang

kericjang

Mer, 15/02/2017 - 21:05

Per Ludovik e Lorenzovan ed altri increduli. Signore e Signori, dopo Brexit e Renxit, alla Casa Bianca, dopo 8 interminabili anni di oscurantismo obamiano, si è insediata l'amministrazione Trump. Ciò significa che il vento è decisamente cambiato, perchè Mr Trump e i suoi hanno ben chiara una visione di società, di connivenza, di politica basata su certi valori. Sono i valori che hanno animato pure i Founding Fathers. Diceva uno di loro, tale George Washington, che "Ragione ed esperienza entrambi ci impediscono di ritenere che etica nazionale possa esistere al di fuori dei principi religiosi". Donald Trump e Benjamin Netanyahu: quali migliori esponenti della civiltà giudaico-cristiana potevamo aspettarci?

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Mer, 15/02/2017 - 21:10

... giochi di potere....pinzellacchere...lol

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Mer, 15/02/2017 - 21:12

oops errata corrige...niente giochi di potere SOLO PINZELLACCHERE..lol

cir

Mer, 15/02/2017 - 23:10

ludovik .e' l'ultima pedina di Trump. stia molto attento a non sbagliare....

cir

Mer, 15/02/2017 - 23:13

io avessi una figlia sposata con un ebreo non le permetterei mai piu' di varcare la soglia di casa..

cir

Mer, 15/02/2017 - 23:15

israele non esiste.

cir

Mer, 15/02/2017 - 23:24

per fortuna l' IRAN ha armi nucleari. e se il bullo fa il prepotente lo rada al suolo

cir

Mer, 15/02/2017 - 23:25

israele deve essere ridotto a poltiglia.

lorenzovan

Mer, 15/02/2017 - 23:55

@cir..israele esiste e deve esistere come patria degli ebrei...ma la sua esistenza non puo' prevaricare quella del popolo palestinese...che ..con buona pace dei sionisti e deiloro corrotti dipendenti americani ..esiste e come...malgrado si ostinino a confonderlo con un generico...popolo arabo..questa idea di popolo arabo..e non palestinese..e' la base del sionismo per negare qualsiasi diritto ai palestinesi ed espellerli verso giordania egitto e libano

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 16/02/2017 - 00:09

Bravissimo Trump! Dobbiamo renderci conto che Israele è l'unico avamposto di civiltà in quella martoriata area del mondo. Tutti i paesi arabi sono coalizzati contro Israele e i palestinesi sono solo un pretesto, carne da macello da mandare avanti, foraggiati, istigati e spinti da tutto lo schifo di mondo arabo-islamico. Bisogna appoggiare gli Israeliani, aiutarli e sostenerli con qualsiasi mezzo, perché, finiti loro, la malefica ondata islamica potrà dilagare e impestare tutto il mondo.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 16/02/2017 - 00:11

cir io se avessi una figlia comunista come te mi vergognerei come un ladro.

ESILIATO

Gio, 16/02/2017 - 00:32

Dopo 8 anni finalmente Nethaniau trattato alla casa Bianca come un Capo di Stato. Non dimentichiamo che Israele e' l'ultima linea di difesa per la civilizzazione occidentale. Lunga vita a Bibi; lunga vita a Israel.

Popi46

Gio, 16/02/2017 - 07:10

@cir- hai ragione,meglio vederla con un devoto genuflesso verso la Mecca,abbronzato,pronto a proteggerla dalle tentazioni del mondo custodendola entro quattro mura,che legalmente concede le sue attenzioni ad altre,ecc,ecc! Che padre premuroso! (Dio ce ne scampi)

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 16/02/2017 - 08:10

Nessuno si aspettava miracoli da Trump. Il potere economico, finanziario, mediatico è saldamente nelle mani degli ebrei. Ma che fosse così sciocco da voler la guerra con l'Iran (e quindi la Cina...)...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 16/02/2017 - 08:12

israele è un regime nato dall'usurpazione della terra altrui, continue espansioni su terra altrui e terrorismo (Irgun, Haganah, ecc..). L' Iran non fa una guerra di aggressione da 250 anni. Tra i due l'unico a dover avere le atomiche è il secondo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 16/02/2017 - 10:48

lorenzovan - gli ebrei già controllano gli USA. E' casa loro, ci spadroneggiano. Non gli basta? A quanto pare no. Ma nessuno si illuda che si fermino di fronte all'annientamento della Palestina.

gian paolo cardelli

Gio, 16/02/2017 - 10:51

lorenzovan, quando si decide a farci un riassunto della storia del "popolo palestinese" ANTECEDENTE AL 1967? ritiri fuori la balla dei Filistei, popolo scomparso sette secoli prima la nascita di Cristo, mi raccomando...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 16/02/2017 - 11:24

trump è stata un'abile mossa del regime sull'adagio "cambiare tutto per non cambiare nulla"?

gian paolo cardelli

Gio, 16/02/2017 - 13:06

Ausonio, la richiesta ovviamente vale anche per lei: un riassuntino della storia del "popolo palestinese" antecedente al 1967 ed equivalente a quella del popolo ebraico, riesce a farcela?

cir

Gio, 16/02/2017 - 13:21

Cardelli , vedi legge balfour , dove gli inglesi promettono una terra non propria ad altri... Come se l' italia donasse l' Armenia alla Grecia. poi come ho gia' suggerito studia il talmud , poi ne riparliamo.

cir

Gio, 16/02/2017 - 13:27

wilegio , hai un senso di orientamento socio politico che fa acqua da tutte le parti.Dai del comunista o fascista a vanvera a seconda di come ti alzi o di cosa mangi...Ascoltami dedicati alla tifoseria calcistica , hai qualche opportunita' di essere preso sul serio.

gian paolo cardelli

Gio, 16/02/2017 - 14:49

cir, il solo fatto che blatera di "legge" Balfour dimostra che non sa di cosa sta parlando, per tacer del defunto impero ottomano... oppure me la riassuma lei, questa storia del "popolo palestinese", così puo' anche smentirmi...

cir

Gio, 16/02/2017 - 17:25

non ho niente da smentire , cardelli. lei puo' anche sputarmi in un occhio tutte le mattine e considerato il personaggio non mi offenderei per nulla . E' scusato per ogni suo pensiero ed azione.