Trump sfida Raul Castro: "Accordo migliore o sarà rottura"

Trump sfida Raul Castro: "Se Cuba non è disponibile a stringere un accordo migliore per il popolo cubano, per i cubano-americani e per l'insieme degli Stati Uniti, allora metterò fine all'accordo"

Il presidente eletto Donald Trump dopo aver detto chiaro e tondo cosa pensava di Fidel Castro ("brutale dittatore"), ora lancia un ultimatum al regime cubano: "Metterò fine all’accordo con Cuba - ha scritto su Twitter - se questo non verrà migliorato nell’interesse del popolo cubano, dei cubani-americani e degli Stati Uniti".

Durante la campagna elettorale Trump non aveva nascosto l’intenzione di interrompere l’apertura delle relazioni diplomatiche con l’isola inaugurata dall’amministrazione Obama. Tutto al momento lascia intendere che le relazioni tra L’Avana e Washington non saranno quelle del disgelo con l’amministrazione di Obama, ma c’è chi non dimentica che fu proprio un repubblicano, Richard Nixon, ad aprire alla Cina. Gli analisti cominciano comunque a disegnare scenari ancora più futuribili e guardano al 2018, quando Raul potrebbe lasciare il potere: "Soltanto allora - sostiene Jorge Duany, direttore dell’Istituto di ricerche su Cuba dell’Università internazionale della Florida - si potrà con più chiarezza capire se a Cuba i cambiamenti sono sostanziali e definitivi". E la squadra dei fedelissimi di Raul è già pronta, a partire da Miguel Diaz-Canel, 56 anni, numero due del regime dal febbraio 2013, con il suo incarico di vice presidente del Consiglio di Stato, la presidenza della Repubblica cubana, e già a lungo ministro dell’Istruzione.

Accanto a lui Bruno Rodriguez Parrilla, 58 anni, ministro degli Esteri dal 2009 e protagonista dello storico riavvicinamento con gli Stati Uniti; e, infine, l’economista Marino Murillo, componente del bureau politico del Partito comunista e vicepresidente del Consiglio dei ministri, a lui Raul ha affidato il compito strategico di soprintendere al processo delle riforme economiche

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 28/11/2016 - 16:11

Altro che Hillary, l'inaspettata elezione di Trump pare che a Fidel Castro l'abbia fatto morire dallo spavento.

Angelo664

Lun, 28/11/2016 - 16:16

Il presidente abbronzato ha mollato il cappio attorno al collo di Castro senza avere nulla come contropartita. E' pur sempre il tipo che ha piazzato i missili sovietici a 80 miglia dalle coste USA e a momenti faceva scattare la terza guerra mondiale nonché termo nucleare !!! E' un dittatore a tutti gli effetti, semplicemente con una parlantina da vero oratore che ha sempre imbesuito le folle acclamanti. Attenzione poi ai comizi, sempre pieno, vero. Peccato che se non andavi rischiavi di brutto che ti succedesse qualche cosa .. Uno dei peggiori regimi comunisti osannato dai nostri sinistri come esperimento riuscito di socialismo reale. Follia pura.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 28/11/2016 - 16:23

L'ipocrisia è una cosa,la convenienza un'altra!! Obama,i "leaders" europei,il papa,che NON hanno "dirette convenienze" su Castro,e su Cuba,sbrodolano epitaffi,che suonano di palese IPOCRISIA "politicamente corretta"(specialmente Obama,come "diretto" interessato).Putin dicendo:"Castro è stato un sincero e affidabile amico della Russia",si accosta alla sua realtà,come d'altro canto,dal lato opposto,si accosta Trump,con l'epitaffio pronunciato su Castro,DAL SUO PUNTO DI VISTA(con una Cuba a due passi),e per altrettanta realtà(senza IPOCRISIA).Ora Trump,precisa il percorso,delle nuove relazioni con Cuba,con questa splendida manovra, di coinvolgere i destini dei diretti interessati.E a Obama,hanno regalato il Nobel per la Pace!!!

cicocichetti

Lun, 28/11/2016 - 16:25

bravo donald, diglielo a Raul. O fai il bravo, o ti ciucci altri 60 anni di embargo ! e non gli venisse in mente di andare a piangere da Putin !

alberto_his

Lun, 28/11/2016 - 16:26

L'accordo si intende da rinegoziare nel solo interesse degli USA: il popolo cubano e i cubani-americani restano spettatori. Anche altri accordi (primo fra tutti quello con l'IRI) rischiano di essere "rinegoziati": mentre prima gli accordi venivano negoziati in maniera magari subdola e melliflua, ora rischiano di venire imposti con brutalità. Due ottime mosse dell'amministrazione Obama (forse le uniche in politica estera) rischiano ora di venire invalidate dai nuovi arrivati.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 28/11/2016 - 16:32

Non so se l'avete capito,ma L'immigrazione indesiderata,l'invasione di milioni di persone,non la si risolve con l'"accoglienza",con l'"assistenzialismo-buoista-ipocrita",con lo stravolgimento di usi,costumi,conquiste sociali,che gli autoctoni,hanno acquisito nel tempo,ma con il COSTRINGERE i paesi di provenienza,a darsi una mossa,per creare all'interno,migliori condizioni di vita per i propri abitanti,tali da rimanere!!!....E il "cattivo"Trump,è quello che sta facendo e farà nei prossimi 4 anni!!!

ohibò44

Lun, 28/11/2016 - 16:53

Scommetto che le anime belle che inorridiscono per Guantanamo saranno pronte a rivalutare l’esperienza castrista come svolta verso la libertà. Prigioni, torture, condanne a morte: trascurabili effetti collaterali.

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Lun, 28/11/2016 - 17:25

grande Donald politico attento alle persone e fautore del loro benessere. Per questo avversato (solo?) dal NWO e dai suoi lacchè prezzolati!

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 28/11/2016 - 17:40

--------se adesso la dinastia castrista decide per ritorsione alla incapacità diplomatica di trump---di riallacciare i rapporti con putin --voglio vedere quanto durano i rapporti di amicizia tra trump e lo stesso putin ----della serie dilettante allo sbaraglio-----hasta

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 28/11/2016 - 17:59

@elkid:....la sua "visione" dei fatti e delle prospettive,è da premio NOBEL alla "fantasia"!!!

pasquinomaicontento

Lun, 28/11/2016 - 18:19

Per il roscio malpelo miliardario,sarebbe stato meglio che Batista avesse fucilato Fidel,come fece con tanti cubani,gli diede invece solo 19 anni di galera in seguito in parte condonati. Cuba era e doveva essere il paese dei bagordi del meretricio,del vizio, un vero casinò ma senza l'accento, se così fosse stato il roscio miliadario dalle tante donne, messe in bella mostra a miracol mostrare durante la passerella post elezioni vinte contro una donna che le ha voluto perderle lei le elezioni,troppo nervosa.Leggo qualche commentatore che auspica vedi cicocichetti 16,25 :-O fai il bravo,o ti ciucci altri 60 anni d'imbarco...ricordo all'estimatore del roscio che gli elargitori di embarghi fanno tutti una brutta fine...

Pinozzo

Lun, 28/11/2016 - 18:29

grande donaldo, cosi' quando a cuba faranno le privatizzazioni gli americani saranno fuori dai giochi.

elalca

Lun, 28/11/2016 - 18:52

Elpirl: incapacità diplomatica di Trump???? cosa significa riallacciare i rapporti con Putin? non mi risulta che siano mai stati interrotti e poi le ricordo che Putin ha cancellato il 90% dei debiti di cuba nei confronti della russia e non penso proprio che desideri allargare di nuovo i cordoni della borsa. non ha più bisogno di cuba per i suoi missili. ma lei proprio non perde occasione per dimostrare la sua insipienza

pinux3

Lun, 28/11/2016 - 19:02

Ma Trump non era un "pacifista"? Destri buffoni...

pinux3

Lun, 28/11/2016 - 19:10

@Zagovian...Veramente tutti i delinquenti che Castro ha espulso da Cuba gli USA li hanno "accolti" e ora costituiscono il "nerbo" dell'opposizione anticastrista. Non hai visto il film Scarface di B. De Palma interpretato da Al Pacino?

pinux3

Lun, 28/11/2016 - 19:18

Adesso ce lo dice Trump qual è l'"interesse del popolo cubano"...

tzilighelta

Lun, 28/11/2016 - 19:28

Non credo proprio, Trump ammira Obama, lo ha detto molto chiaramente nell'intervista alla CBS "L’ho trovato fantastico, molto intelligente, molto cordiale, grande senso dell'umorismo. Posso non essere d'accordo con lui, ma ho davvero trovato la conversazione incredibilmente interessante". E infatti Trump non ha nessuna intenzione di smantellare niente di quello che ha fatto Obama, e poi con Cuba è ora di finirla, prima o poi l'isola tornerà ad essere quello che è sempre stato, un covo di pirati!!

tomasmac1

Lun, 28/11/2016 - 19:37

È un po difficile accettare lezioni da un popolo privo di coscienza che ha esportato la democrazia con le bombe,facendo più morti di tutte le dittature messe assieme.

paolonardi

Lun, 28/11/2016 - 19:47

Trump ha capito una cosa che e' evidente a chi ragiona: i comunisti comunque camuffati sono inaffidabili e meritano tutto il peggio come quello elargito ai loro servi della gleba.

greg

Lun, 28/11/2016 - 19:58

NON PUBLICATO -BRUTTA COSA L'IGNORANZA, VERO ALBERTO-HIS?? Il twitter di Trump è scritto così: If Cuba is unwilling to make a better deal for the Cuban people, the Cuban/American people and the U.S. as a whole, I will terminate deal. Lei sa cosa significa ""as a whole"? Siccome lei non lo sa, glielo traduco io: NEL SUO COMPLESSO. Quindi la traduzione completa del Twitt è: "Se Cuba non ha l'intenzione di discutere per realizzare un accordo migliore per il popolo cubano, il popolo dei cubano/americani e per gli Stati Uniti ,nel loro complesso, io non porterò avanti l'accordo". Vede, basta un minimo di intelligenza e cultura per capire, ma lei è s.t.u.p.i.d.o.e i.g.n.o.r.a.n.t.e, per cui afferma che solo l'interesse per gli USA verrà considerato da Trump. Nel mondo ci sono miliardi di persone che sono intelligenti e razionali, ma ci sono anche centinaia di milioni balordi come i comunisti, i sinistri (come lei) e i mussulmani, e con voi si può ragionare solo a calci nel sedere

Ritratto di Leon2015

Leon2015

Lun, 28/11/2016 - 20:08

Credi davvero che Putin sputtanerà un'eventuale amicizia con Donald per un insignificante Castr-ato cubano?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 28/11/2016 - 23:52

Questo signor Trump sta dimostrando finalmente che la politica si fa con le palle e non con le ciance.

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Mar, 29/11/2016 - 08:24

Trump, se alle parole seguiranno i fatti, mi piace ogni giorno di piu'. Il ridicolo accordo "propaganda" di Obama e' un insulto al buon senso, un premio ad un delinquente dittatore e un incoraggiamento ai dittatori/terroristi di tutto il mondo. A castro e' andata meglio che ad altri: e' morto nel suo letto e non morto ammazzato o in qualche galera come quelle in cui ha richiuso centinaia di migliaia di cubani innocenti. Se poi qualcuno a Cuba piange, ricordiamo che pure in URSS alla morte di Stalin non pochi piangevano calde lacrime... e cio' non significa che Stalin fosse un eroe buono.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 29/11/2016 - 09:23

@greg:....concordo!