Turchia, nelle moschee la "preghiera di Fatih il conquistatore"

Domani in tutte le moschee turche verrà letta la sura in onore del sultano ottomano Fatih Sultan Mehmet, protagonista della presa di Istanbul nel 1453

La Turchia ha appena dato il via all'operazione militare per scacciare i curdi dal nord della Siria. Per vegliare sulla buona riuscita della missione, il direttorato turco per gli affari religiosi, il Diyanet, ha annunciato che domani mattina in ogni moschea del Paese verrà letta una preghiera particolare.

Si tratta della cosiddetta sura di Fatih Sultan Mehmet. Chi era costui? Il sultano ottomano protagonista della presa di Istanbul nel 1453 e soprannominato "il conquistatore".

Il Diyanet ha fatto sapere che la sura di Fatih “sarà letta per auspicare la vittoria dell'esercito turco nell'operazione militare da poco avviata”.

La risposta siriana

Intanto, secondo quanto riportato dalla tv satellitare al-Arabiya, le Forze Armate turche hanno già colpito almeno 16 obiettivi nel nord della Siria nel corso di raid aerei e attacchi di artiglieria. I

In risposta ad Ankara, la Siria ha esploso due colpi di artiglieria pesante verso la Turchia, precisamente nei pressi di Ceylanpinar, in un’area però priva di abitazioni.

Proprio qui sono stanziati i militari turchi che stanno partecipando all’operazione militare contro i curdi siriani del Pyd-Ypg. La reazione siriana non ha tuttavia provocato vittime, feriti o danni di alcun tipo.

Commenti
Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Mer, 09/10/2019 - 19:21

Guardate che avete appena scritto una bestialità che vi farà ridere dietro da mezzo mondo... spiegate e rettificate, per la vostra credibilità. NON esistono sure inserite nel corano da nessun califfo turco, anzi da nessuno, almeno dopo il califfo Abd'al Malik , nel 703 dc, che ha inventato l'islam come è, e fa credere ai mussulmani che sia così dalla rivelazione di 70 anni prima

gigiotheripper

Mer, 09/10/2019 - 19:28

Prepariamoci ad accogliere i curdi, loro si veri profughi che scappano dalle persecuzioni e dalla guerra, non questa massa di nullafacenti che si riversa adesso sulle nostre coste

HARIES

Mer, 09/10/2019 - 21:35

E intanto Jens Stoltenberg si è già presentato in Italia per fare due chiacchiere. Ricordiamoci che prima di lui, un certo Anders Fogh Rasmussen, ha sponsorizzato e spinto la NATO contro la Libia e Gheddafi. E i disastri li paghiamo ancora adesso. Giusto per la cronaca, probabilmente il volto truce di una persona potrebbe nascondere invece il suo animo angelico, ma dalle foto non mi sembra. Andate a vedere su wikipedia e cercate Fogh Rasmussen e Jens Stoltenberg.

Cicaladorata

Gio, 10/10/2019 - 10:36

Tenete presente che in realtà ci sono diversi tipi di TURCHIA, fra le varie tipologie c'è quella altamente industriale che acquista impianti in Italia e noi, grazie alla Turchia abbiamo il lavoro. In questo momento di caos mondiale, è meglio vedere solo quello che ci conviene ed accantonare i sentimenti e le idee culturali. Il cinismo non è sempre un brutto comportamento a volte è obbligatorio.