Tutti spiati con tv e cellulari: ​così la Cia controlla l'Europa

Wikileaks pubblica documenti sulle cyber intrusioni Usa. Le violazioni anche attraverso i televisori connessi al web

Vi ricordate «1984», il romanzo di fantascienza (così sembrava, una volta) di George Orwell? Andatevelo a rileggere. Perché il «Grande Fratello» immaginato nel 1948 da Orwell, lungi dall'essere diventato un ferrovecchio, un'anticaglia, un residuato bellico, è più attuale che mai. Si è solo messo al passo coi tempi, perché ora non si contenta più di spiarci nel modo classico, con telecamere e microfoni piazzati dove uno più o meno se l'immagina. È sempre lui, il Grande Fratello. Solo che ora dovremo abituarci a chiamarlo «The Sweeping Angel», l'Angelo Piangente, come l'hanno ribattezzato i suoi inventori, alla Cia, settore «Embedded devices branch», che è come dire l'Officina degli aggeggi incorporati.

Funziona così. Poniamo che ieri sera abbiate visto in Tv la partita Napoli-Real. Bene. Una volta spento il televisore (avrete naturalmente una di quelle smart-Tv collegate al web della multinazionale sudcoreana?) Se avete quello è perfetto. Una volta spento, dicevamo, si attiva un microfono segreto che capta le vostre conversazioni e registra tutto quel che si dice in casa vostra, violando anche i più nascosti recessi della vostra intimità domestica. Siete a Partinico o a Camerino? Non importa. A Langley, Virginia, se vogliono sanno anche come si chiama vostra suocera e che numero di scarpe portate.

È l'ultima rivelazione di Wikileaks, l'organizzazione fondata da Julian Assange che ha diffuso migliaia di documenti riservati della Cia su un programma di hackeraggio, attraverso una santabarbara di malware e di cyber-armi. Strumenti coi quali la Cia sarebbe capace - da 2014 - di controllare i telefoni di aziende americane ed europee, come l'iPhone della Apple, gli Android di Google e Microsoft fino ai televisori della grande casa sudcoreana, utilizzandoli come microfoni segreti. Ma attenti, avvertono quelli di Wikileaks, perché gli altarini scoperti oggi sono solo la punta dell'iceberg.

L'organizzazione di Assange ha inoltre annunciato la pubblicazione di migliaia di documenti provenienti dal «Center for Cyber Intelligence» della Cia. Perché di bello c'è questo: che alla Cia saranno anche straordinari a farne una e a pensarne cento; ma c'è sempre qualche fesso, al suo interno, che alla fine lascia un cancello aperto da cui, stavolta, sarebbero defluiti centinaia di milioni di codici, consegnando nelle mani di chi li ha intercettati - passandone una parte agli «amici» di Julian Assange - l'intera capacità di hackeraggio della Cia. Un arsenale (oltre 8.700 files, si dice) da cui emerge che anche il consolato americano a Francoforte è usato come base sotto copertura dagli hacker della Cia, che dal cuore della Germania avrebbero coperto l'Europa, il Medio Oriente e l'Africa. Uno smacco per la Cia, si direbbe, destinato a far impallidire le rivelazioni di Chelsea Manning e di Edward Snowden, se è vero che l'Agenzia di Langley, Virginia, ha perso il controllo del suo cyber-arsenale. Naturalmente, giurano quelli di Wikileaks, non è loro intenzione rendere di pubblico dominio le cyber armi della Cia, col rischio di vederle finire nelle mani di mafie, Stati canaglia o anche solo teenager svelti di mouse. L'obiettivo essendo piuttosto quello di innescare un dibattito pubblico sulla «sicurezza, la creazione, l'uso, la proliferazione e il controllo democratico delle cyber-armi».

C'è naturalmente chi aveva capito tutto e intuito dove saremmo andati a finire. Ma invece di veder comparire il suo nome sui libri di storia si ostinano a tenerlo in carcere. Si chiama Totò Riina, il capo mafia che i suoi messaggi li affidava ai «pizzini». Perché al dispositivo carta da lettere- biro, come ha sempre sostenuto il vecchio Riina, il malware gli fa una pippa.

Commenti
Ritratto di VladoGiulio

VladoGiulio

Mer, 08/03/2017 - 08:33

DOVE SAREBBE LO SCANDALO O LA NOVITA' ?? CHE LA CIA CI SPIA A MEZZO PC, TELEVISORI, TELEFONINI E QUANT'ALTRO MI SEMBRA LA COSA PIU' NORMALE DI QUESTA TERRA E SECONDO VOI LA CINA, CHE QUEI PC, TELEVISORI E TELEFONINI LI PRODUCE, CHE COSA STA FACENDO NEL FRATTEMPO ??? DAI PER FAVORE SMETTIAMOLA DI FARE I BAMBINI IL MONDO REALE E' UNA CONTINUA GUERRA PER LA SOPRAVVIVENZA DALLA NOTTE DEI TEMPI SOLO I NOSTRI DILETTANTESCHI POLITICI NON L'HANNO ANCORA CAPITO.

paviglianitum

Mer, 08/03/2017 - 09:08

sì, certo. Perchè ovviamente la CIA è molto interessata a ciò che fa un gennaro esposito qualunque. ma perchè prima di scrivere gli articoli non mettete il cervello su "ON"?

smiley1081

Mer, 08/03/2017 - 09:47

Vi siete dimenticati: "... ed il sole sorge ad Est..."

nopolcorrect

Mer, 08/03/2017 - 09:59

Senza bisogno di Assange basta guardare all'attuale guerra negli Stati Uniti fra Trump e Cia che vuole diventare un sesto potere dopo Presidenza, Congresso, Corte Suprema, stampa e FBI. E poi c'è, naturalmente la NSA. Queste agenzie hanno ovviamente spiato anche tutti i politici americani compresi i presidenti oltre, naturalmente, a spiarsi fra loro.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 08/03/2017 - 10:05

Se un centesimo di quel che è scritto è vero noi tutti stiamo nuotando in un oceano di ignoranza. Io per primo.

orso bruno

Mer, 08/03/2017 - 11:04

Alla faccia dei cretinetti democratici:Trump ha ragione !

Ritratto di nando49

nando49

Mer, 08/03/2017 - 11:19

I nostri "amici" americani....e tutti i politici vanno ad inchinarsi dai vari presidenti USA e a prendere ordini. Se fossimo noi ad operare così saremmo nella lista dei paesi che Trump ha bandito.

accanove

Mer, 08/03/2017 - 12:21

non è questione che alla Cia freghi qualcosa di Gennaro Esposito, il fatto è che quando gliene fregherà qualcosa.... se lo spierà, è tutta tecnologia già sperimentata ed operativae tutto sommato abbastanza facilmente usufruibile. Acquistando qualsiasi device connesso alla rete, di qualsiasi tipologia sia, assumiamo implicitamente il "rischio" che se un domani interesseremo a qualcuno questo potrà spiarci. Molto ma molto semplice

Una-mattina-mi-...

Mer, 08/03/2017 - 12:22

BASTA SPERNACCHIARE in modo cadenzato a TV spenta: dopo un pò o desistono o diventano sordi

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 08/03/2017 - 12:36

"Sweeping Angel = Angelo Piangente"? E perche` piange? Gli hanno pestato i calli? Poiche` To Sweep significa "spazzare, scopare", mi sembra piu` corretto tradurre "L'Angelo con la scopa", l'angelo che cerca la polvere negli angoli, nei posti nascosti...

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 08/03/2017 - 12:41

Sai che scoperta l'hanno sempre fatto, in combutta con gli Inglesi e altri.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 08/03/2017 - 12:47

Oggi, h. 08,55 - E allora ? Qualcuno mi saprebbe spiegare perché esistono i servizi di contro spionaggio ? Forse perché lo spionaggio é praticato da tutti e da sempre ? In un'epoca in cui le comunicazioni sono così vaste, fluide ed alla portata di tutti non bastano casseforti e guardie armate, non almeno nella concezione di pochi lustri or sono. Sveglia, siamo nell'era della massificazione elettronica e se é possibile monitorare la casa attraverso un cellulare non ci si meravigli se qualcuno monitora anche il nostro, pur non avendo alcun presupposto per doverlo fare. Ma come si suol dire "prevenire é meglio di curare" quello che per esempio non hanno fatto (o lo hanno fatto ???) francesi e tedeschi per i fatti di Nizza e Berlino.

paviglianitum

Mer, 08/03/2017 - 13:01

qualcuno pensa veramente che la CIA spii tutte le persone indistintamente come si vuol far credere nell'articolo. sapete quanto costerebbero delle persone che ascoltano ogni conversazione di ogni cittadino italiano o europeo? e poi che cosa ne ricaverebbe la cia dall'ascoltare i dialoghi nella famiglia Rossi? è ovvio che tali procedure vengono applicate a gruppi di persone ben definite non certo a qualunque cittadino come si vorrebbe far credere. non credete a tutto ciò che vi propinano i giornali

grazianoterrima...

Mer, 08/03/2017 - 15:45

adesso si capisce l'interesse per la corea del sud ... e' la cassaforte dei segreti marchingegni usa...comunque basta sapere che per ogni app e giochini che si scaricano per i dispositivi mobile e tv bisogna dare esplicito consenso all'accesso a tutto il dispositivo contatti e geolocalizzazione comprese quindi lo stupore e' solo una montatura pubblicitaria...

swiller

Gio, 09/03/2017 - 06:10

Stati Uniti un paese criminale guerrafondaio.