Varoufakis molla Tsipras: ​"Non correrò con lui al voto"

"Non posso stare con lui", ha detto, perché la sua posizione sul piano di salvataggio "ha provocato una frattura" in Syriza

L'ex ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, non correrà con Alexis Tsipras alle prossime elezioni generali. La notizia, che circolava da alcuni giorni, è confermata dallo stesso Varoufakis in una intervista alla tv francese France 2. "Non posso stare con lui", ha detto, perché la sua posizione sul piano di salvataggio "ha provocato una frattura" in Syriza e "costernazione in quanti si oppongono a questa politica illogica". Il partito, ha spiegato, "dopo la scissione" ormai "è storia" . Poi l'ex ministro ha rincarato la dose: "Non posso accompare Tsipras in questo cammino - ha detto Varoufakis - perchè Tsipras ha provocato la rottura di Syriza, che, dopo la scissione, è ormai storia". In un’altra intervista a Le Monde, Varoufakis ha detto che la Grecia "era solo una battaglia in una guerra molto più ampia". "In gioco - secondo Varoufakis - c’è la lotta tra Germania e Francia per il controllo dell’Unione monetaria".

Ma dopo lo strappo, Varoufakis non ha specificato per chi correrà alle prossime elezioni. Yanis Varoufakis non è nella lista dei 25 dissidenti dell’ala sinistra di Syriza che hanno reso noto di aver creato un nuovo partito dopo l’annuncio di elezioni anticipate e le dimissioni del premier Alexis Tsipras. Il nome dell’ex ministro delle Finanze, oppositore agguerrito dell’austerity targata Ue ma, alla fine, strenuo oppositore del premier, non figura tra i promotori della nuova formazione "Unità popolare", come riferisce la Bbc citando il quotidiano Ta Nea. Tra gli ’assentì, anche la speaker del Parlamento, Zoe Konstantopulou, anche lei tra i critici di Tsipras. Forse l'ex ministro pensa ad una lista propria?

Commenti

Silviovimangiatutti

Dom, 23/08/2015 - 06:52

Difficile porre rimedio ad anni di sperperi da parte di una classe politica vergognosa: mi ricorda quella del ns. paese. Inspiegabile comunque il referendum dello scorso luglio.

Iacobellig

Dom, 23/08/2015 - 07:36

...e fa benissimo. Tsipras ha venduto la grecia alla UE e quindi alla Merkel, ha fatto un lavoro sporco impegnando i cittadini greci alla sofferenza dell'austerità! Speriamo che i greci alla votazione se lo ricordino!

Ritratto di frade

frade

Dom, 23/08/2015 - 08:13

Ci stanno superando, hanno percorso le nostre tappe ed ora stanno anticipando il nostro futuro. Cosa pensereste di un debitore che per pagare il suo debito ricorre a nuovi prestiti? Io penso che è in mano agli usurai. Noi come mai faremo a pagare i nostri debiti se i nostri politici non riescono neppure a ridurre sprechi che a parole fanno a tutti schifo. Ricordiamoci di: municipalizzate, province, senato era tutto da abolire?

Gioa

Dom, 23/08/2015 - 09:19

FAI BENE...."I RITI" INCIUCIATI LASCIALI AGLI ALTRI....